Il partito liberaldemocratico.

 

A caldo.

Mettiamola così: è nato in Italia un partito liberaldemocratico .

Tale partito fu già confusamente indicato da Veltroni nel 2007.

 

Sponsorizzato da Prodi e dalla Margherita in chiave di continuità con L’Ulivo.

 Sostenuto a spada tratta da quasi tutto l’ex  gruppo dirigente dei Ds convinto di torcere il generico progetto in direzione di un nuovo centro riformista, moderno  sulla scia di Blair proprio mentre il rottamatore della vecchia sinistra inglese era già sul viale del tramonto.

Si trattò, come ognuno sa, di una fusione di gruppi dirigenti.

Un partito mai davvero…partito.

 

 

Adesso la novità in effetti è arrivata.

 

L’equivoco si è sciolto.

 

Ha ragione Civati: “ questo è il vero momento fondativo del PD”.

 

Ha torto ,e lo sa naturalmente,  lo scaltro Renzi   quando afferma che : Oggi non è la fine della sinistra, è la fine di un gruppo dirigente della sinistra.”

 

Torto perché il PD nato ieri chiude a tempo indefinito la lunga esperienza della sinistra italiana per giungere , alfine all’agognato approdo liberaldemocratico.

Torto perché il gruppo dirigente della sinistra era già morto e malamente sepolto da tempo , dopo la lunga agonia conseguente alla deriva almeno decennale verso un riformismo all’acqua di rose.

Qualcuno ricorda la perorazione insistente verso  il Center-Center- Left?

 

Del resto quando si varò il primo PD i DS avevano raccolto dopo sei anni di indiscussa segreteria di Fassino(il quale diceva di sé , ho vinto tutto) solo un misero 17% .

 

 

Per conto mio avanti così non si poteva andare.

 

Per questo non fu affatto sbagliato impegnarsi per dar vita ad un nuovo progetto politico all’altezza della grande sfida neoliberista.

 

 

Si fece il contrario aderendo nella sostanza, pur tra tanti distinguo ad uso e consumo di una base inquieta, ai dis-valori  dominanti.

 

 Valga un solo esempio, per me paradigmatico: i peana innalzati senza ritegno alla flessibilità.

 

Flessibilità nel mercato del lavoro e flessibilità sociale come adattamento progressivo alle tendenze dominanti.

Tante volte, mentre già incombeva una gravissima crisi occupazionale  ci fu spiegato che un lavoro per tutta la vita , corrispondeva in realtà ad una condizione sociale avvilente.

Che si trattava di dotare le persone della capacità di competere nel mercato e nella società col coltello tra i denti.

L’un contro l’altro armato.

E che , naturalmente in seguito si sarebbero modificati e resi più efficaci meccanismi di protezione per chi soccombeva.

In seguito.

 

Tutto questo avveniva dopo che s’era ampiamente teorizzata l’idiozia secondo cui  era finita per sempre l’epoca dell’industrialismo e dunque avanti col meraviglioso  e luccicante settore del terziario avanzato.

 

Era la smaterializzazione, bellezza.

 

Mentre la Germania irrobustiva , tanto per dirne una, il suo tessuto industriale in Italia la sinistra s’incaricava di educare le masse agli imperativi della globalizzazione.

 

Per farla corta risale a  questa grande sbornia della sinistra italiana quel  PD che è alfine nato, e stavolta per davvero , ieri.

 

Adesso però non ci venite a raccontare ancora una volta  la rava e la fava di una sinistra nuova e via cantando.

 

 

In politica , lo so, non bisogna mai esser troppo apodittici.

 

E poi nessuno , adesso è in grado di prevedere gli sviluppi conseguenti alla nascita , a furor di popolo, del partito liberaldemocratico.

Gli apprendisti stregoni raccolgono comunque il risultato delle primarie aperte oltre che della strada da loro stessi imboccata.

 

In tal contesto, credo  di non esser cattivo profeta se affermo che l’idea di metter su in un tal partito, una sorta di correntone di minoranza capace di opporre una qualunque resistenza da sinistra corrisponde ad una pia illusione.

 

La battaglia d’arresto condotta da una parte del gruppo dirigente ex DS ha clamorosamente fallito. Non c’erano , già da tempo truppe disponibili per la difesa delle vecchie trincee. Che infatti sono state aggirate dalla guerra lampo (sia detto senza offesa) del giovane Renzi.  

Inutile adesso costruire una sorta di ridotto per un’estrema resistenza.

 

 

Coloro che lo facessero sarebbero facilmente additati e presto dimenticati come semplici conservatori.

 Ironia della sorte i conservatori odierni furono un tempo non troppo remoto coloro che si proponeva come  puri e duri  innovatori riformisti.

 

A tal proposito è emblematica la sconfitta subita da D’Alema ad opera di una nullità come Scalfarotto.

 

L’onda è troppo alta. Non ci sono mercoledì da leoni. L’han ben compreso gli ex dalemiani romagnoli che son passati armi e bagagli dalla sera alla mattina dalla parte del grande timoniere insieme alla Emilia-Romagna tutta.

 

A questo punto se qualcuno ancora spera in una ricostruzione a sinistra lo potrà fare solo fuori dal PD.

 

Nuove generazioni comunque.

 

In un tempo non breve.

 

Poiché potete giurarci,  il fiorentino batterà il ferro fin che è caldo ottenendo in breve tempo quei risultati (riforma elettorale e del parlamento) che non si son ottenuti in tanti anni di chiacchiera.

 

E questo va pure bene.

In seguito il confronto democratico (of course) si farà aspro sul terreno dell’economia . E lì,  forse, si potrà scorgere qualcosa che rinasce a sinistra.

 

 

 

 

PS. Altra e ben diversa cosa è la questione del governo.

Destinato comunque a durare fino al 2015.

Un  patto in tal senso si farà.

Renzi, adesso forte del  suo 70%  può permettersi d’ attendere mentre riforma, dal Parlamento, il sistema politico.

 

 

About these ads

454 Risposte to “Il partito liberaldemocratico.”

  1. Andrea Says:

    “Dobbiamo ripartire da qui, da questa consapevolezza, da questa convinzione sulle nostre capacità, sulle nostre ragioni, sulle nostre potenzialità. Dobbiamo ripartire da qui, dopo questa giornata così preziosa, dopo questi mesi così impegnativi, e dopo una notte lunga che ha investito il nostro Paese ma che è destinata a concludersi.

    E se la politica fosse un viaggio – in qualche modo lo è – bisognerebbe dire che anche per noi esistono due tipi di stazioni: quelle dove i binari finiscono, e quelle dove il treno si ferma, ma poi riprende a muoversi in avanti perché i binari continuano. Ecco noi abbiamo fatto un pezzo del viaggio. Però dobbiamo saperlo, dobbiamo dirlo: il treno dove siamo saliti è il nostro treno. E non scenderà nessuno. Adesso si va avanti, investiremo su quello che abbiamo fatto e in uno spirito unitario noi non rinunceremo alle nostre idee e al loro valore. Lo faremo con un partito più forte che non potrà comunque mai rinchiudersi dentro le istituzioni pensando di fare a meno del suo popolo.

    Tutto questo lo faremo con un nuovo segretario, che sarà il segretario di tutti, ma noi lo faremo. Perché davanti a noi c’è ancora una lunga strada da percorrere, soprattutto c’è un tempo nuovo da vivere e noi ci saremo. Grazie. A tutti.”

    Gianni Cuperlo, alle 12 e 35 di oggi su Fb.

    • Giovanni Says:

      E’la poesia “politica”di un perdente
      Una volta chi perdeva una battaglia si dava la morte.Questi uomini si danno al vincitore dicendo che continueranno come se nulla fosse cambiato.
      Sono privi di dignità

  2. mauro zani Says:

    ?????

  3. Andrea Says:

    http://www.ilsussidiario.net/News/Politica/2013/12/9/MATTEO-RENZI-Sapelli-i-poteri-forti-hanno-trovato-il-nuovo-Berlusconi/450516/

  4. Andrea Says:

    Guarda, Mauro, che è un gioco delle parti… addirittura banale! Non riesco a capire i tre milioni di partecipanti, che fanno la fila al freddo e pagano pure due euro… ma nemmeno nella commedia all’italiana di serie B! Per che cosa? Per vincere qualcosa di immateriale: un’identità che non si sa che cosa sia, gli uni… un rinnovamento nella continuità – continuità con che cosa? – gli altri… una “rottamazione” di che cosa e per fare che cosa, gli altri ancora… L’unica cosa certa è che qualsiasi candidato avesse vinto avrebbe fatto la stessa cosa importante: prendere ordini da qualcuno (il Presdelarep), che è garante presso americani e tedeschi.

    • Giovanni Says:

      Molti non sanno dove battere la testa.Con 2 Euro si può soltanto partecipare alle primarie del PD.
      Una birra non costa meno di 3 euro.Per andare al cinema ci vogliono 8 euro.Per non parlare di un modesto spettacolo teatrale

  5. Andrea Says:

    (MAG deve ancora imparare come si procede con la fellatio… non si arriva mai!)

  6. Andrea Says:

    La partecipazione alle primarie è stata ancora una volta straordinaria. La vittoria di Renzi è netta e inequivocabile. Anche Civati ottiene un ottimo risultato. Noi, cioè coloro che hanno sostenuto Gianni Cuperlo, abbiamo perso. Bisogna partire da qui, con serenità e serietà, comprendendo che per aprire una nuova fase c’è bisogno di un lungo lavoro nella e con la società. Leggo che molti oggi sono delusi del risultato. Lo sono anch’io. Ma sarei molto più deluso di me stesso se non avessi partecipato ad una battaglia politica, sin dall’inizio controcorrente, necessaria per chi è convinto che la Sinistra sia indispensabile per il futuro del nostro Paese e dell’Europa. Ora, come sempre, con lealtà lavoreremo per rendere ancora più forte il Partito Democratico.

    Salvatore Caronna, su Fb (courtesy of Fausto Anderlini)

  7. Remo Tedeschi Says:

    Andrea, ti acchiappa ancora la sinistra eh, bene, questo popolo
    in movimento, non ti lascia indifferente, lo sapevo……

  8. Andrea Says:

    Una vecchia passione per gli stabulari… ma ora la pianto, perché credo che il capo non sia dell’umore giusto, soprattutto con me.

    Ti incollo un link di “Libero” on-line:

    http://www.liberoquotidiano.it/news/1366747/E__Napolitano_il_grande_sconfitto_delle_primarie_Pd__addio_alle_larghe_intese.html

  9. claudiopagani Says:

    Anch’ io ,a caldo , caro Mauro.
    IO oggi, sono messo come te ,dopo non aver partecipato all’inutile messa di ieri, e possedere una tessera che scade il 31 dicembre e che , CERTAMENTE, non rinnovero fino a che Renzi sarà segretario!
    Quindi ,in questo ruolo, di “indipendente” di sinistra” devo dire ,sinceramente, che trovo ,in generale,troppo “autocelebrativo” il tono del tuo post odierno e mi spiego
    Dapprima ,una quisquilia: a Foggia la nullià Scalfarotto ha ottenuto il 46,7 ( 22 punti inmeno della media) e MDA il 28 (10 punti in + della media) in una zona dove Civati ha preso il 26.
    E’ inutile che spieghi a te , che sei un vero professionista , che quando spira un vento come quello di ieri ,neanche Berlinguer sarebbe riuscito a spuntarla da nessuna parte; vorrei anche farti presente che in Emilia ;terra di esarcati , Bersaniani e tortelli , Cuperlo ha preso 15% ( 3 punti in meno della media).
    A mio modesto avviso nel voto cosi “bassino ” per Cuperlo ha pesato il giusto risentimento di tanti militanti PD vs chi ( Bersani e Tortelli in primis) sono responsabili della sconfitta di Febbraio e delle successive nefandezze: ad oggi si aspetta ,ormai inutilmente, una SERIA AUTOCRITICA che ,se fatta 48 ore dopo quella memorabile sconfitta , avrebbe forse liberato il” popolo PD” da un senso di smarrimento…
    A te poi ,chiedo, per quale cavolo di motivo sei ancora in cerca del solito “capro espiatorio”,,,neanche tu fossi Giovanni.
    Al dunque.
    Ancora a te chiedo: se, come giustamente osservi , il PD di renzi è in continuita con l’Ulivo prodiano ; come mai a quel tempo non mi risultano battaglie pubbliche da parte tua( a quel tempo avevi in mano l’organizzazione di un vero partito) contro la mistificazione “prodiana” e guarda che ,secondo me, quello fu l’ultimo TEMPO UTILE, prima che l’anticomunismo soft di Prodi /Veltroni dilagasse nei cuori e nelle menti del “popolo ex_comunista”? O prevalse ,anche in te come in quasi tutto il gruppo dirigente PDS ,l’idea che il vero nemico da battere fosse D’Alema? E guarda che certamente ,in te , se questo fosse accaduto, non sarebbe certamente stato per i motivi abietti di partecipare al banchetto del sottogoverno, ma non per questo non sarebbe stato ,amio modestissimo avviso ,un errore.
    Nel ricordare il 17 % degli ultimi DS ,sembri dimenticare che ,soli 6 mesi prima, i sondaggi davano i DS al 23 e che poi intervenne la questione , ben pilotata dai poteri forti Corriere Rutelli e Parisi in testa , verso il presunto scandalo Unipol/BNL che ,proprio 2 giorni fa i l tribunale di Milano ha dichiarato inesistente perchè ha assolto Consorte “per non aver commesso il fatto” . Naturalmente l’uitlizzatore finale del “presunto scandalo” fu Berlusconi che in poche settimane , su quello, fece una fortissima campagna( anche perche aveva trafugato i nastri delle intercettazioni con condanna recente) mentre Prodi ,da autentico coglione, osservò un rigoroso silenzio delegittimando il suo + forte supporter..
    Per adesso mi fermo qui , ma ci sono molte altre cose che dirò in seguito.

    • Remo Tedeschi Says:

      Claudio ,girala come vuoi, ma tutto il pacco storico , non si deve far vedere in giro, compreso il mitteleuropeo, preso una suonata da star zitti 25anni, diamo fiducia a questi giovani, possibile che siano biechi carrieristi? vediamo, cavolo, certo che un politico come MDA , doveva stare fuori, adesso anche uno come Scalfarotto, se la ride, ma perchè non sta nella grande Europa, conservi un po, la reputazione, qui la perdiamo.

    • Giovanni Says:

      La partecipazione di D’Alema alla battaglia ha portato un’immenso vantaggio a Renzi.
      Forse nel famoso incontro a Palazzo Vecchio si sono accordati su ruolo che avrebbe dovuto sostenere D’Alema alle primarie:contro Renzi e non pro Renzi

      • claudiopagani Says:

        Caro Remo comincia a pensare alla suonata che hai preso TU!!!!
        Ma perchè .porca puttana , dovete sempre nascondervi dietro i dirigenti !!! DIVENTATE GRANDI E ASSUMETEVI LA RESPONSABILITA DELLA SCONFITTA . IN 3 settimane ( dove vi siete fatti vedere voi e non MDA) a Bologna vi siete giocati un patrimonio!!!
        Le sconfitte di questi anni hanno anche la VS FACCIA che ,in questi anni qui in Emilia, avete solo saputo fare grandi inciuci con Prodi e il suo clan , altro che SInistra. Voi ,oggi , siete un ceto medio ” ( dopo essere stati ceto popolari anni fa) impaurito che ,teme di andare indietro e cerca di farsi tutelare dal fiorentino, che cade come il cacio sui maccheron,i e chi se fotte del sud e della solidarieta ; si salvi chi puo e il vs slogan!!!Oggi le cosiddette regioni rosse ” sono ,al massimo, rosso antico ,per tradizione, ma si dovrebbero definire, + appropriatamente, rosso leghista.Io non ne posso + di voi che state proprio bene con quegli ipocriti, e falsi come giuda, dei neo-DC

  10. Antonella Cardone Says:

    L’ha ribloggato su Lpb LaboratorioPoliticaBologna.

  11. Andrea Says:

    “…se però tu mi geli subito, dicendo che ‘adesso non s’incide’, il tuo bisturi è destinato e restare metaforico…”

    Mauro Zani e l’hardcore esplicito di un’ammiratrice…

  12. Andrea Says:

    “Avevo preso l’impegno di nominare oggi la nuova segreteria del PD e lo mantengo. Sono 5 uomini e 7 donne, età media 35 anni.

    Luca Lotti (coordinatore della segreteria)
    Stefano Bonaccini (enti locali)
    Filippo Taddei (responsabile economico)
    Davide Faraone (welfare e scuola)
    Francesco Nicodemo (comunicazione)
    Maria Elena Boschi (riforme istituzionali)
    Marianna Madia (lavoro)
    Federica Mogherini (Europa)
    Debora Serracchiani (infrastrutture)
    Chiara Braga (ambiente)
    Alessia Morani (giustizia)
    Pina Picierno (legalità e sud)
    Lorenzo Guerini (portavoce della segreteria).

    A loro chiedo una mano per far funzionare la vita quotidiana del Partito.”

    Matteo Renzi, su Fb venti minuti fa.

    • Giovanni Says:

      Il vincitore non ha fatto prigionieri.Mi pare giusto
      Qualcuno potrebbe sostenere che il Renzie sia irriconoscente nei confronti di Bersani che gli aveva donato 50 parlamentari.Ma non é così.Non si può inciuciare dentro e fuori dal partito

  13. Andrea Says:

    Per orientarsi nella nuova segreteria

    – Luca Lotti (responsabile organizzativo): renziano,
    – Stefano Bonacini (enti locali): ex bersaniano ora renziano
    – Filippo Taddei (economia): civatiano
    – Davide Faraone (welfare e scuola): renziano
    – Francesco Nicodemo (comunicazione): renziano
    – Maria Elena Boschi (riforme): renziano
    – Marianna Madia (lavoro): veltronian-dalemian-lettian-turca
    – Federica Mogherini (Europa): fassiniana
    – Debora Serracchiani (infrastrutture): renziana-franceschiniana
    – Chiara Braga (ambiente): fassiniana
    – Pina Picierno (legalità): franceschiniana
    – Lorenzo Guerini (portavoce segreteria): renziana

    (Courtesy by Claudio Cerasa “Il Foglio”)

  14. Giovanni Says:

    Andrea,il tuo é una precisazione pedagogica estremamente superflua

  15. Giovanni Says:

    Però,Andrea,ti devo concedere che ci sono anche i ” tardivi”

  16. Andrea Says:

    Giovanni, sarà dirimente vedere l’atteggiamento di Renzi verso “Vecchia Napoli”.
    Letta è nelle grazie dei poteri cosiddetti forti francesi e Renzi è un uomo degli israeliani… vedremo.

    • Giovanni Says:

      Si inciuceranno,Andrea,s’inciuceranno Come puoi avere dei dubbi in proposito?
      Renzie con il Game Boy ha scalato il Partito non il governo.E tanto meno quel coacervo di poteri che ruota e promana dal Quirinale

    • claudiopagani Says:

      Molto ben detto Andrea! Anzi è uomo della lobby israelo- anericana e il suo principale sponsor presso i governanti USA è quel Michael Leeden ( già membro della p2) che è uno dei principali esponenti del + noto Think Tank della destra americana” American Enterprise”.
      In ogni caso : evviva l’eroico popolo palestinese!

  17. mauro zani Says:

    ma cosa dici Claudio. Leggi bene prima di scrivere. Ho parlato di un’onda talmente alta che anche le nullità ci surfano sopra con successo. E tu pensi che si tratti di un attacco personale a D’alema. Ma sei fuori?
    Cazzo c’è di autocelebrativo in ciò che ho scritto?

  18. mauro zani Says:

    Dopodiché io non dico, non penso e soprattutto non scrivo affatto che il PD di Renzi è in continuità con Prodi.
    Esattamente al contrario.
    Descrivo tre diversi approcci la PD .
    Quello che si è più approssimato al partito liberaldemocratico conseguente al 18 Brumaio di Renzi è Veltroni.
    Ma guarda che sei forte!
    Ricazzo, ma leggi almeno!

  19. mauro zani Says:

    Quanto alleanza dell’Ulivo la volemmo tutti (e giustamente) in primis D’Alema nel 1996. infatti vincemmo. Ma mica volevo un partito dell’Ulivo e tantomeno la deriva dalemiana (e qui è il vero disaccordo) iniziata nel 1998. Con la irrefrenabile smania di andare al governo senza elezioni. Una cazzata imperdonabile. Fu allora che abbandonai , mia sponte, la sede di Botteghe Oscure.
    Se poi vogliamo entrare nei dettagli beh , pensaci per benino, perché magari tiro fuori scatoloni di memoria. E crudi dettagli.

    • claudiopagani Says:

      Ma si Mauro Zani tutti gli scatoloni che vuoi, io non debbo difendere ,a prescindere ,proprio nessuno e saro felicissimo di leggere tonnellate di carte!!!!!
      I fatti ESSENZIALI ,caro Mauro ,accadono ben prima del 1998!
      1) ti risulta o no , che nel 1994(!!) D’Alema dopo essersi recato a Bologna a visitare Prodi e i suoi adepti se torno e disse a Roma ” ….cari compagni ho trovato a bologna un covo di pericolosi anticomunisti…..( tra l’altro si e sempre sospettato che il Prof Parisi ,nonchè principale consigliere, fosse un adepto della massoneria americana di rito scozzese e quindi cercasse ,convintamente, di importare integralmente i riti di quella democrazia)
      2) appena varato il governo ,Prodi cominciò a lavorare alle spalle del PDS per delegittimarli, essendo il pds l’unico vero ostacolo per l’Ulivo movimento…
      3) Prodi avevva ricevuto “dai poteri che gli parlavano all’orecchio” un ordine di servizio molto semplice
      .1 distruggere il PDS ,ultimo baluardo partitico , avverso al dilagare compiuto del potere di “lor signori”
      .2 Portare a tutti i costi l’Italia nell’Euro ,alle condizioni dei signori della BUNDESBANK.
      O mi stai dicendo che ,con il proprio principale collaboratore , MDA non ha mai parlato off the records?
      4) ti risulta o no, che a Gargonza Prodi teorizzasse proprio l’Ulivo movimento che è ,indubbiamente , il progenitore del PD renziano ( sinistra non legittimata ad assumere MAI la guida ( e quindi la linea politica) della coalizione e che ,giustamente ,MDA si incazzò spiegando ,cosa esattamente vera, che l’ulivo aveva vinto “politicamente” , ma perso numericamente ( polo + lega + del 50%)
      5 ) ti risulta o no che ,dopo la crisi con Bertinotti del 1997 , il consenso nei sondaggi (Mannheimer) era sotto il 30 ( come nei tempi finali di Monti)?
      6 ) ti risulta o no che Prodi usci da quella crisi del 1997 , concordando con Bertinotti un avvio di “35 ore”( simbolo minimale )e che poi, da perfetto Dc, si rimangiò tutto ( magari guidato dai poteri “all’orecchio) , mentre Jospin le fece in Francia senza alcuno squonquasso.
      Comunque gia,a quel tempo 1997, i veri poteri avevano deciso che fine dovesse fare la sinistra ( mai + soggetto politico autonomo) e chi lo capì ,certamente MDA, si sentiva messo all’angolo…
      Ovviamente nel 1998 assumere la guida del governo fu un errore ( lo riconosce anche MDA da almeno 3 anni) , ma sai ,o dovresti sapere, che l’incarico fu proposto a Scalfaro ,al Quirinale ,dai gruppi congiunti dell’ulivo con la presenza di Prodi ,richiesto espressamente proprio da Scalfaro. Naturalmente fu un trappolone ,tanto è vero che, pochi giorni dopo, Prodi parlò di “usurpatore” con la solita corenza DC.

  20. mauro zani Says:

    non c’è peggior sordo…

    • claudiopagani Says:

      IO sono un po sordo ,realmente , ma tu hai capito benissimo e cerchi ,buttandola in caciara, di continuare a” campare” sulle spalle degli errori (molti ) di D’Alema ,IO ,che sono di sinistra, ,almeno cerco di tutelare le minoranze che si battono sulle piazze ventose di Cerignola ,mentre è molto piu comodo “pontificare” su un blog telematico

  21. claudiopagani Says:

    Caro Remo comincia a pensare alla suonata che hai preso TU!!!!
    Ma perchè .porca puttana , dovete sempre nascondervi dietro i dirigenti !!! DIVENTATE GRANDI E ASSUMETEVI LA RESPONSABILITA DELLA SCONFITTA . IN 3 settimane ( dove vi siete fatti vedere voi e non MDA) a Bologna vi siete giocati un patrimonio!!!
    Le sconfitte di questi anni hanno anche la VS FACCIA che ,in questi anni qui in Emilia, avete solo saputo fare grandi inciuci con Prodi e il suo clan , altro che SInistra. Voi ,oggi , siete un ceto medio ” ( dopo essere stati ceto popolari anni fa) impaurito che ,teme di andare indietro e cerca di farsi tutelare dal fiorentino, che cade come il cacio sui maccheron,i e chi se fotte del sud e della solidarieta ; si salvi chi puo e il vs slogan!!!Oggi le cosiddette regioni rosse ” sono ,al massimo, rosso antico ,per tradizione, ma si dovrebbero definire, + appropriatamente, rosso leghista.Io non ne posso + di voi che state proprio bene con quegli ipocriti, e falsi come giuda, dei neo-DC

  22. Remo Tedeschi Says:

    Claudio, temo che stavolta non hai capito nulla del mio post.

    • claudiopagani Says:

      Ma si sempre a lamentarvi e a tirare in ballo “il lupo cattivo” , non se ne può +. .e poi ,se non ho capito , cerca di fare la fatica di spiegarmi e non con frasi apodittiche , seguendo il Giovanni-Style.

      • Remo Tedeschi Says:

        Solo questo ,mi meraviglio che MDA , non si sia tenuto alla larga, come i “vecchi” dirigenti, si un’appoggio, ma non fare ,purtroppo una figura così, mi spiace, lo considero uno di razza. io con i neo dc? mai. , però vedo che presenta una squadra giovane, auguri, cosa debbo dire ? Veltroni dice che è il “Lingotto”, suo. boh anchio sino al31/12, che si tesserino chi lo ha votato.

  23. mauro zani Says:

    Giovanni. Mica detto. Chi cala i pantaloni potrebbe presto diventare un convinto sostenitore. Certo il tempo è poco. Ma un tipo così ci prova sempre…

  24. Remo Tedeschi Says:

    Speriamo ,che il politologo bolognese non vada a lavorare ai sondaggi, (Renzi….. potrebbe non vincere….) colpito !!

  25. mauro zani Says:

    Giovanni,
    ti capisco, ma non lo credo attuale. e comunque il nostro, forse, non c’entra granché.

    Remo, sei cattivo…

  26. mauro zani Says:

    Ah Remo la squadra è giovane, sicuro.
    Purtroppo la natura con quasi tutti non è stata benigna con loro quanto a dotazione cerebrale.
    Ma appunto Renzi non ha alcun bisogno di quelle vecchie segreterie dove ci si rompevano le palle a discutere.
    Son collaboratori…

  27. mauro zani Says:

    Claudio sei scorretto o sei finto tonto.
    Scegli tu.
    Se c’è uno che non ha mai maramaldeggiato sui molti errori di D’Alema son proprio io.
    Dopodiché io pontifico finché mi pare e piace.
    Se volevo militare da dirigente/ militonto accettavo il PD , come D’Alema, Fassino, Bersani e tutti gli altri , e ritornavo in carrozza nel parlamento europeo a pestar acqua nel mortaio.
    Nessuno al mondo può negarlo.
    Ma non ci son uomini per tutte le stagioni: non più.
    La mia s’avviava, inevitabilmente, al termine e non sono stato così stupido da farmi rottamare da nessuno.
    E adesso mi tengo lo sfizio di pontificare.
    E non farmi incazzare!!

    • claudiopagani Says:

      C’era un mio bravissimo professore di matematica che usava dire;
      ” …E che fai ,Claudio,ti incazzi?
      Guarda che se tìincazzi tu , m’incazzo di + io…”
      E lo diceva con un accento siciliano godibilissimo.

  28. mauro zani Says:

    Stronzo WordPress, il moderatore son io. Cretino!

  29. mauro zani Says:

    ma roba da matti qui è cambiato tutto. Se continua a funzionare così tolgo il disturbo.

  30. mauro zani Says:

    Scusate stavo combattendo con il programma.

  31. Giovanni Says:

    Mauro,l’arnese si è semplicemente scaldato

  32. mauro zani Says:

    Sì deve essere così perché poi ha ripreso a funzionare. Solo che uno come me pensa sempre che si scaldino solo le stufe.

  33. mauro zani Says:

    Siciliano? Son già qui che tremo come una foglia…Già stato in Sicilia: congressi provinciali, regionali, e mandati pure affanculo di brutto ,una volta a Palermo.

  34. mauro zani Says:

    E poi oggi m’è saltato il cambio in autostrada dopo che era già bruciata la frizione….
    State alla larga…

    • Giovanni Says:

      Mauro ,non fidarti dei tagliandi che fanno alle concessionarie.Hanno ridotto il personale ,aumentato i prezzi e smesso di fare controlli

  35. claudiopagani Says:

    Mauro ,spero conclusivamente per stasera,; credo di avere dimostrato in questo blog “non amico” che frequento da + di 3 anni, quanto ti stimi e ,perfino, ti sia affezionato.
    Ognuno ,nelle sue cose, credo abbia diritto al suo “stile” .
    Orbene tu che avevi capito fin dal 2007 “legittimamente pontifichi ” in questo blog dimostrando che l’antica passione per la politica non è acqua calda.
    Quell’altro ,un po donchissciottescamente, parla a 4 gatti nelle piazze di Foggia , non nutrendo nessuna illusione di cambiare il corso profondo delle cose ma ,sentendosi, comunque, in DOVERE di dare testimonianza pubblica di un dissenso.
    Certo che è passata un ONDATA ALTISSIMA!
    La vera tristezza è che FORZE BEN + POTENTI , avevano deciso la fine della sinistra , dal 1995 ,almeno..
    C’ è chi si è offerto in soccorso del vincitore da subito ( i +) e chi no!

  36. Giovanni Says:

    Stasera,conclusivamente,possiamo dire matematicamente,che ci siamo tolti definitivamente dalle scatole un ignorante saccente.Un ossimoro antropologico dell’Italia dei modesti:Massimo D’Alema

  37. claudiopagani Says:

    Bravo Giovanni hai realizzato il sogno ( ben modesta cosa!) della vita.! Tuttavia ,nella politica odierna, le cose cambiano molto in fretta e comunque la matematica ( che dubito tu conosca a parte forse le tabelline) poco c’entra con la politica. Scrivi in un modo che ricorda la “potenza geometrica di fuoco” delle BR; ma quelle furono una tragedia , mentre tu sei solo un comico involontario. A me tu pari l’ossimoro dell’Italia ignorante e rancorosa cosi di moda oggi, ossessionato dall’idea che i diavolo “esiste” . e ha i baffi.( parlane con il Papa che magari ti nomina suo ambasciatore) La tua lettura della politica è di una banalità disarmante e mi meraviglio molto di Zani che dialoga con una tale nullità.

  38. Giovanni Says:

    Per me è’ soltanto un divertimento….Mi piace sfottere i politicanti foggiani.Se tu fossi amico del ministro Mario Mauri ,sfotterei il ministro per farti perdere la testa,o,come dite voi,per farti venire il sangue agli occhi
    Mi diverto.E ‘più forte di me Soprattutto quando incontro uno come te che si prende sul serio
    In verità ,in verità ti dico che di MDA non mene può fregar di meno,perché da tempo non macina più al mulino.
    Non molla perché e’un caparbio foggiano,ignaro della realtà ,privo di guizzo,incapace di volare,ossessivamente ripetitivo,nelle parole e negli schemi e assai modesto,cioè mediocre
    La tua difesa ad oltranza dello “statista”battuto dal pescarese Scalfarotto e’a questo punto oltremodo patetico.Ma è nella tua natura non rendertene conto,Si direbbe,un problema antropologicamente irrisolvibile.Anzi non solubile
    Ma a legnarti non ci guadagno niente .Perciò guardo e passo avendoti scarnificato a sufficienza.
    Ormai anche tu sei all’osso.Lo intuisco,lo comprendo.
    Buona notte caro Claudio

    • claudiopagani Says:

      Lo che a te è sovranamente indifferente tutto e colpisci a destra e a manca per puro sadismo; ognuno davvero è libero di scegliersi i giochi che vuole , ma i tuoi sono proprio quelli di un cinico “amorale” che non crede in un cazzo .E poi ,se davvero di Mda non ti frega ,perchè stasera alle 23.11 ne hai scritto?
      Sei un perditempo Govanni, narcisista e del tutto inutile per la società :tuttavia,divertirsi sfottendo le persone corrisponde a quello spirito di “Franti” che da molto tempo ammorba l’italia .
      Buona notte ,caro Giovanni, e spero che ,prima o poi,ti risveglierai dal tuo delirio di onnipotenza adolescenziale.
      Chissa, un giorno mi piacerebbe chiederti gli ultimi 50 libri che hai letto….

  39. claudiopagani Says:

    Quanto alla mia “natura e antropologia” è quella di uno che ha superato l’esame di Fisica Teorica” ( il + difficile) con trenta e lode , leggendo, in inglese, 2 magnifici volumi del grande fisico russo Landau. E tu quali tests hai superato per segnalare che la tua intelligenza non è solo di poco superiore a quella di un primate.

  40. Giovanni Says:

    Fuggi da Foggia non per foggia ma per i foggiani.

  41. Milli Says:

    10 dicembre 1513
    8 dicembre 2013
    Ma il Segretario Fiorentino non è più quello di una volta!

  42. Andrea Says:

    Pietrangelo Buttafuoco, oggi sul “Foglio”:

    Piace a tutti e non mi piace. La pensa come la pensano gli altri. Ha l’acqua che gli va per l’orto e raschia nel fondo del barile tutto il basso della medietà pop e lo porta in alto fino a farne materia gassosa e piritolla. E’ l’eroe del tempo e la sua estetica è a livello dei Babbo Natale rampicanti, quelli che stanno appesi sui balconi con l’idea di essere più lirici dei Nani da giardino. E’ lesto di lingua, non sa niente, non fa e non sbaglia ma ha già vinto. Fischia come il vento dalle finestre ormai, tutto parla di lui e non ho scampo perché uno come me – già di mio cittadino coatto di codesta Repubblica – come dovrà sbrogliarsela nell’Italia a immagine e somiglianza di Matteo Renzi? Non mi piace, anche se piace tutti, non per tigna ma perché lo sa che sarà peggio di Silvio Berlusconi il quale, al netto della mobilia, quantomeno una sua cecità situazionista ce l’aveva… per non dire della sorcheria, tutta sana, dell’italiano innamorato delle donne (dotate di corpo, ebbene sì). Non ho necessità di sperimentarlo Renzi per dire che risulterà, al più, come un Ignazio Marino a Roma o come il Pappagone Crocetta in Sicilia. E’ il vuoto, lo è stato anche Berlusconi, certo, ma Renzi è ancora più vuoto e più pericoloso perché entra col cavallo di Troia della sinistra e nessuno perciò potrà mai togliercelo dalle scatole. Neppure la magistratura e figurarsi se mai gli faranno guerra i giornali dove, da ieri, è già tutta una gara a farsi accreditare appo lui, iddu, isso che è un malamente di furbizia et ignorantia. Piace a tutti, Renzi, perché è in sintonia con la gente e, soprattutto, con i conformisti bisognosi sempre di atteggiarsi a scienziati della vittoria prêt-à-porter. Piace a tutti, il sindaco d’Italia, perché è la replica di una destra orrenda. Quella dei tinelli. Dove stanno accomodati i patete, ’e matete, ’e fratete, ’e sorete e nessuno più, da nessun salotto de sinistra, potrà urlare loro jatevvenne, jatevenne tutte ’e quanti! Per questo non mi piace.

    • Giovanni Says:

      Ma parla fiorentino e fa finta di scrivere sulla tastirea della “mela”e sicuramente ha giocato con il Game Boy

    • claudiopagani Says:

      Sono molto inquieto caro Andrea; sono d’accordo con 2 destri come te e Buttafuoco! Ma come si fa con una sinistra di mer.. come quella italiana che si consegna “motu proprio” al cazzaro fiorentino? Comunque oggi ho le prove!!
      Dopo le primarie di domenica è CERTO che il “popolo di sinistra” è ,perfino peggio dei suoi dirigenti.

  43. Andrea Says:

    Andrea Marcenaro, oggi sul “Foglio”:

    “Ma non ce la può fare, siamo seri. E’ evidente che non ce la può fare. Certo che sembra sveglio, ci mancherebbe pure che dormisse, ma non ha la statura, ci inonda soltanto di cazzatine, di sognettini modesti e di deboreseracchiani. Poi sarà anche cresciuto dopo la caduta del Muro di Berlino; e si sarà pure iscritto a Giurisprudenza dopo le stragi di Falcone e Borsellino; e sarà per certo venuto al mondo della politica dopo il Ruanda e il massacro di Sebrenica, come lui stesso ama ripetere di sé per significare che è arrivato il turno di quelli della sua generazione, ma è lo stesso evidente che un cazzaro del genere non ce la farà mai, si dice uno. Poi pensa a quell’altro cazzaro di Chicago.” (Obama… ndr)

  44. Giovanni Says:

    “Un’incarto vuoto”Somiglia a Fini e Veltroni.Va alla partita della Fiorentina e fa finta di tifare.E’ assolutamente genuino perché non fa mai finta di pensare

  45. Remo Tedeschi Says:

    “Foglio”, giornale interamente fatto con carta riciclata (tenderly). pensate ai salotti di Arcore, con Fede, Lele Mora.e Platinette
    oh , pieno di vip, e Beldidietro, pardon Belpietro.

  46. Giovanni Says:

    Capita male,perche non é piu tempo per” i giochini”Non é ancora arrivato il ciclone sociale,ma da Torino a Genova cominciano ad arrivare folate di vento che pleludono alla tormenta

  47. mauro zani Says:

    Beh, insomma i ritrattini di Renzie che ci ha proposto Andrea son tutti da condividere.
    Qualche residuo dubbio solo sulla valutazione politica del mio compagno Marcenaro.
    Ce la potrebbe anche fare… il disastro verrà subito dopo.

  48. Remo Tedeschi Says:

    Forze armate di tutto il paese unitevi, è Grillo-Casaleggio dop che vi parla, unitevi ai forconi, e arrestate il napoletano, ( confinatelo ad Arbatax, campi della gladio) poi, Zamparini vi spiegherà il tutto…..

  49. Rudi Says:

    Ho ascoltato Matteo Renzi nel discorso dopo il trionfo.
    A tanti avrà ricordato il Veltroni del Lingotto.
    Stessa cultura politica (oddio, Veltroni è più colto, Renzi più furbo), stessa distanza dalla tradizione comunista e socialdemocratica italiana, stesso desiderio di proporsi come il Blair italiano.
    Ma due aspetti di contesto fanno la differenza, fra il dicembre 2013 e il giugno 2007.
    Primo: Berlusconi non è più in grado di raccogliere la maggioranza relativa dei consensi. Dunque, Renzi parrebbe avere un compito più facile di quello che aveva Veltroni.
    Secondo: all’epoca del Lingotto, non c’era Grillo. Dunque, Renzi si trova davanti a un compito più difficile di quello che aveva Veltroni.
    Non so trarre un bilancio fra queste due differenze. E non dimentico la differenza più grande fra ieri e oggi: la più grave crisi economica del dopoguerra. I cui effetti potrebbero farsi catastrofici. Aspetto di sentire che ha da dire Renzi dei “forconi”…

    Condivido la conclusione secca a cui giunge Zani: quel che resta di sinistra nel Pd: dentro il Pd non ha più senso.
    Ascoltare oggi Cuperlo e Civati suscita infinita pena: ragionano così perché convinti che l’onda è troppo alta, e mancano di coraggio. Chi ha votato alle primarie ragiona in modo analogo. Disperatamnete analogo: Diamanti l’ha mostrato chiaramente, i programmi contano zero, ha votato per Cuperlo chi è più critico con Letta, e per Renzi chi difende Letta…

  50. mauro zani Says:

    Esatto: pena.

  51. mauro zani Says:

    Aggiungo che la presenza di Grillo fa molto aggio a Renzi.

  52. Giovanni Says:

    Mauro,forse la variabile Grillo non e’poi facile da calcolare nel quadro politico prossimo venturo
    Oggi,considerato la crisi del ceto medio “commerciale”(professionisti,piccoli imprenditori ,commerciarti artigiani e sommersi vari)il discorso più semplice e immediato “scava “più a fondo e più efficacemente
    Il governo Letta non può mettere in discussione lo status quo,e perciò è condannato ad un sostanziale immobilismo proprio quando la crisi economica dispiega i suoi effetti sociali in tutta la sua estensioni
    Il ceto medio “commerciale”(quelli che si facevano la retribuzione o facevano il prezzo),a differenza degli operai ,non hanno mai sofferto la crisi negli ultimi 50 anni.Non sono stati abituati dai sindacati a fare sacrifici
    Ebbene ,questo ceto sociale “commerciale”non è disposto ad aspettare Letta Renzi e Napolitano e in ogni caso non sa cosa farsene della stabilità
    Anche a questo ceto oggi si rivolge con grande efficacia Grillo.E non saranno certo le “monachelle”di Renzie a costituire un credibile contrappeso alla veloce dinamica sociale provocata dalla crisi economica
    In conclusione non penso che il compito di Renzi sia facilitato dalla presenza di Grillo

  53. Giovanni Says:

    Andrea,tu che hai i mezzi per coltivare la filologia, potresti per favore rintracciarmi genesi,uso e significato dell’espressione”dialettica legittima”usata oggi da un politico trombato e trombante

  54. Remo Tedeschi Says:

    Sono d’accordo, con Mauro,
    Renzi, è cosciente che non può tergiversare, da qualche parte
    inciderà di sicuro, le prime mosse sono fondamentali.
    se ne azzecca qualcuna,… voglio vedere Grillo sbraitare come un’ossesso, la gente vuole risultati , se è in grado di ottenere
    fiducia……………. almeno per un’annetto è in luna di miele. .

  55. claudiopagani Says:

    Remo ,sei proprio incurabile! già a fare il tifo per Renzie!?
    Confermo che sono felice di essermi allontanato da voi!
    L’unica vs religione è il politically correct.
    Ma lo sai che il sindaco ha perfino fatto a Firenze un “cimitero per i bambini mai nati” . mi viene da tirare una bestemmia e non lo faccio solo perchè non si può

    • Remo Tedeschi Says:

      Claudio, macchè tifoso, , è ovvio che Renzi non stà a dormire, tu cosa faresti? devi dimostrare che i voti presi sono ben investiti , o no ? se gli riesce , cosa penseranno gli italiani ? ok
      a quel punto mandano a quel paese Grillo, e i dinosauri del pd, e forse B, che rimane un’osso duro.

  56. mauro zani Says:

    Grillo può esser un ottimo grimaldello che Renzi userà a proprio favore nel Pd e verso il governo. Questo intendevo e credo.

    • claudiopagani Says:

      E già Mauro , ma è un giochino di cui tirano i fili ben altri poteri!
      1 anno fa dopo le vittoriose primarie del povero Bersani ,Grillo era a circa il 10% ; ma poi Bersani e i suoi tortelli decisero che avevano gia vinto e “non fecero” la campagna elettorale.
      E così Lor Signori , con grande scelta del tempo e l’attiva ,e inconsapevole, collaborazione della banda bersanesca, presero a gonfiare “a dismisura” il Grillo ( basti pensare ai sondaggi taroccati di Mentana (non a caso nella 7 ancora Telecom guidata dal massone-bildenberghiano e noto bucaniere Bernabè):
      Ora con la vittoria di Renzi Lor Signori ( ci capiamo,vero Mauro Zani?) hanno ottenuto il MASSIMO POSSIBILE. Vedrai /vedrete tutti che in breve tempo “sgonfieranno” Grillo
      Questo è il vero scenario che sta al fondo delle cose; tutto il resto è panna montata ,come le primarie di domenica : E ,secondo me, non vale la pena di parlarne , e ,io nel mio piccolo, non lo farò +

  57. claudiopagani Says:

    Comunque nessuno mi rompa + i coglioni.
    Le primarie di domenica dimostrano che il cosiddetto “popolo di sinistra” è molto, molto peggio dei suoi dirigenti ( di qualsiasi dirigente!).
    Si sono consegnati ad un democristiano reazionario ( Prodi al confronto è un rivoluzionario) !. evidentemente era il loro sogno da sempre.
    Ma che vadano a morì ammazzati

    • Remo Tedeschi Says:

      ma cosa dici, Claudio, la gente vuole dire qualcosa, tutte le occasioni le sfrutta almeno la gente di affezione a sinistra, io sono sconcertato dalla denigrazione che anche sopra si esprime , sulla partecipazione , e ,lo scandalo è, che vengono da gente di sinistra, avvertire che c’è disprezzo per lavoratori ,pensionati e giovani che vanno a votare, ……….. mah, bravi compagni bravi.

  58. Remo Tedeschi Says:

    Claudio, trova il tempo di leggere .”Il gioco grande del potere” S. Bonsanti (chiare lettere) così vedi dov’è la massoneria , quella stragista, e di governo, a Firenze ci sarà quella bucaiola.

    • claudiopagani Says:

      Buona la Bonsanti ! e’ il capo del partito personale di Carlo de Benedetti che si chiama Liberta e Giustizia. In ogni caso se vuoi sapere qualcosa di serio sulle stragi ,p2,ecc leggi il documento finale dela Commissione Stragi a cui partecipò l’onorevole Mauro Zani ( atti senato della Repubblica

  59. claudiopagani Says:

    Ma per favore ! La partecipazione secondo te è infilare una scheda ,mettendo un nome, ogni tanto ( seguendo i suggerimenti dei media)! Suvvia non facciamo la caricatura della partecipazione quella vera: comunque , basta accontentarsi…
    In ogni caso molta della gente che ha partecipato domenica alle tue primarie , non si fara minimamente vedere alle secondarie e si guarderà bene , comunque, da votare PD.
    E’ proprio vero: dio acceca chi vuole perdere.!

    • Remo Tedeschi Says:

      , alla antica Curtis (l’odierna corticella) ci danno dentro di brutto, polentate e danze vertigini, dice P.Conte, che toglie le calze alle femmine, partecipano e sono vivi sino a 85/88, e vanno a votare
      li vuoi ammazzare?

      • claudiopagani Says:

        No vorrei solo che usassero un po di + la “loro ” di testa- ma ,forse in effetti per loro è tardi :io ,che ho 20 anni in meno ; mi batto per non finire ,come loro, mazziati cornuti e felici. Un pò di dignita! ,per dio! D’altra parte è proprio vero che nelle” regioni rosse” di sinistra prevalgono sole le tradizioni e i riti e gli va bene anche se il celebrante è Matteo Renzi.
        In termini “economici reali” si tratta di” leghismo rosso” e cioè di ceti medi e popolari che sono migliorati rispetto a 30 40anni fa e che ,nella crisi ,sono disposti a tagliare un bel po di welfare e la solidarieta verso gli altri pur di non andare indietro. La nuova sinistra, che certamente nascerà ,non rinascerà certamente da qui.

  60. claudiopagani Says:

    Una domanda a Mauro Zani.
    Ho appena sentito da una rassegna stampa che Occhetto dichiara;
    “Con Renzi si compie la mia svolta; i dirigenti della vecchia sinistra si rassegnino”
    Io ,qualche dubbio in merito l’ho avuto da qualche tempo ed espresso anche su questo blog.
    Tu Mauro non mi sembri cosi entusiasta di Renzi.Che pensi delle affermazioni di Occhetto?
    E comunque se fosse vero quello che dice Occhetto vuol dire che ,già ai suoi i tempi il PD di Renzi era l’ esito “inevitabile” di quella svolta E il “ruolo negativo ” di D’Alema , sarebbe inessenziale…..
    In questo caso , mi tengo il PCI.

  61. Remo Tedeschi Says:

    Ma , Occhetto, ancora? lasciatelo ai bacetti della signora ,riprodotti
    su Grand’Hotel, non ne ha presa una, forse inizia da lui la serie dei grandi “cappellatori” della sinistra, sembrava un fulmine,era una “castagnola”, ( e la lista con l’immobiliare Italia dei valori. ? )

    Lessi, tempo fà , non so dove, una intervista a Rossana Rossanda
    diceva che la sinistra, in sostanza, funziona solo all’opposizione, se và oltre ,è un disastro, si smarrisce, ma ,cosa dici Claudio, è vero?

  62. claudiopagani Says:

    Guarda che Occhetto ,che non mi è mai piaciuto, esprime un’idea importante sull’idea del Post- comunismo ; tanto è vero che fondò un partito Democratico di Sinistra( ma questo era solo un suffisso per “tenere buoni” la “base” , ma l’idea “buona era Democratico); e poi via Veltroni/Prodi è stata sempre l’idea maggioritaria nel fu popolo di sinistra.
    Fu scartata ,da subito , l’idea di fondare un Partito del Lavoro che avrebbe immediatamente collegato quella storia al Socialismo Europeo. Si tratta di roba molto seria ,caro Remo; e ,oggi ,giustamente, Occhetto rivendica il suo “successo ( per me un’autentica tragedia)
    E poi la Rossanda che radiata ,ingiustamente, dal PCI, divenne immediatamente una tifosa del Modello Cinese….Suvvia ,non è una cosa seria

  63. Remo Tedeschi Says:

    Scusa, Claudio , perchè, quando si andava a votare decenni fà
    con ancora il pci (lo votava anche Andrea e Giovanni) eravamo un grande popolo, votare adesso si è dei coglioni, spiegami un pò……

    Allora ,qualcuno, non la raccontava tutta, sulla madre Russia, però eravamo .quello che diceva Pasolini, un paese pulito dentro a uno sporco. c’è ancora un’enclave di paese pulito? per me era l’Emilia -Romagna, ( ma sì lo è ancora,).

    • claudiopagani Says:

      Si , voi in Emilia votavate PCI , ma già ,in fondo, avevate calato le braghe, tanto è vero che a Roma i dirigenti emiliani venivano considerati ” a destra” dei socialisti.
      E oggi , che la crisi morde davvero, volete solo essere protetti e non c’è miglior protettore del sindaco , e la solidarieta’ il minimo sindacale . Questo con la Sinistra c’entra nulla ,tanto è vero che la Nuova sinistra , che certamente nascerà, non sarà certo basata qui, ma laddove c’è davvero voglia di emancipazione.Oggi somigliate tantissimo ai socialisti dei tempi di Craxi ; siete ancora numerosi e molta roba al sole; ma il futuro non è certo vostro.

    • Giovanni Says:

      L’ultimo voto al Pci l’ho dato nel lontano 1996

    • Giovanni Says:

      preciso:nel lontano 1976

  64. claudiopagani Says:

    E ,comunque ,per essere chiaro; giustamente Occhetto è soddisfatto di questo “nuovo inizio” . Io ,per quello che vale ;quasi zero, me ne terrò BEN LONTANO , non farò neanche l’opposizione di “sua maestà” invocata dai giovani turchi . SEMPLICEMENTE MI OPPORRO’ , con tutte le mie ,scarse , forze e penso non sarò solo. Naturalmente ,siccome la politica e’ BATTAGLIA , COMBATTERO’ il PD con ogni mezzo ,democraticamente lecito; a partire dalle prossime elezioni e in quelle successive votando quelli ( non di destra) che sono in grado di arrecare il maggior danno possibile al PD :non disertero’ mai il campo di battaglia e siccome la crisi in atto è davvero devastante, penso ne vedremo delle “belle” . Il giovane PD ,giochera il ruolo del difensore dello status quo e dell’establishment e gli cadranno addosso ,anche le nefandezze fatte dai governi Berlusconi. Alè

  65. mauro zani Says:

    Non so bene Claudio. Ho letto due versioni alquanto diverse dell’intervista di Occhetto. Dice che la svolta era per costruire un’alternativa di sinistra. Tanto è vero che il partito nuovo era democratico e di sinistra: PDS. Così anch’io la concepii. Poi è stata intercettata e distorta. E fin qui ci siamo.
    Parzialmente.
    Perché l’analisi dei fatti e dei misfatti deve sempre tener conto dei dati oggettivi relativi alla vittoria di Berlusconi nel 1994.
    Poi subentrarono i DS, come tappa d’avvicinamento al progetto veltroniano .
    Mi permisi d’esser critico sui cosiddetti stati generali di Firenze (si può ancora ritrovare il mio intervento).
    Adesso Occhetto preferisce Renzi ancorato a sinistra da Civati.
    E qui c’è da sorridere. Civati pesa come il borotalco.
    Comunque il “merito” di Renzi consiste nel far piazza pulita dei suoi ex avversari interni (Di Occhetto). Questa è la verità.
    Per altri ha comunque il merito di rottamare un’intera classe dirigente che ha fallito ed è comprensibile, in questa chiave , il consenso che sta per giungergli anche da “sinistra”.
    Tutto qua.
    A me Renzi non piace perché è (con tutta evidenza) un Blair in sedicesimo.
    E per me Blair rimane un personaggio losco e intellettualmente disonesto per quanto molto abile e intelligente.

  66. mauro zani Says:

    Remo è forte.
    E conferma appieno il celeberrimo detto secondo cui l’intendance suivra.
    Sempre.
    A prescindere.
    Comunque e dovunque.
    Come la Vecchia Guardia dell’imperatore.
    Solo che quando arriverà nei pressi della Beresina, che già si scorge in lontananza, s’accorgerà di non esser più quella grande armata che passò il Niemen al suono delle fanfare in un caldo giorno del giugno….

  67. Milli Says:

    http://www.sbilanciamoci.info/Sezioni/alter/L-Europa-giusta.-Iniziamo-a-costruirla-21272

    Penso che nel Pd resteranno tutti insieme appassionatamente. Contenti loro… Le elezioni politiche non si faranno a breve. Ma a maggio ci saranno le europee. Cosa pensate di fare? Tra pochi giorni partirò per Napoli. In attesa di qualche risposta nell’immediato o al mio rientro a Bologna, invio a voi tutti tanti auguri.

  68. mauro zani Says:

    Europee? Quando saremo nei pressi vedremo. Si vive alla giornata.
    Buon viaggio.

  69. Andrea Says:

    @ Remo.

    Ho votato, nell’ordine: Pci, Dp, Pci (alla Camera) Psi (al Senato), Psi, Pri, Fi, Fi (alla Camera) Lega (al Senato), Lega, Pdl, Pdl (alla Camera) Lega (al Senato), Fn… e varie astensioni.

    • Remo Tedeschi Says:

      non ci credo, nemmeno se è vero, compagno Andrea , se vuoi ti presto 10 cassette degli “INTI ILLIMANI” ….. el pueblo …….

      • Andrea Says:

        Ho il 33 giri originale… dimenticavo: alle “europee” (1987?) riuscii anche a votare Pds, e nel 1999 presi per un anno la tessera Ds in memoria di mio padre… fu l’emozione per il cambio di secolo e di millennio, che mi confuse, produsse spleen.

      • Remo Tedeschi Says:

        Vedi, che bravo ragazzo eri !, lo, so , le compagnie, vero?

      • Andrea Says:

        Comunque… mi ha sempre colpito la “metafisica” del voto che ha avuto e ha tuttora la sinistra, tanto da comporre un’ontologia dell’essere elettore, come Anderlini, con i suoi comunicati Fb, giunti al 108, credo… Il voto come eucarestia laica, con la scheda intonsa messa nelle mani del cittadino… il giorno delle elezioni come il giorno del Giudizio Universale: lo trovo incomprensibile. Io, che sono stato per qualche tempo un “comunista in libera uscita”, ho trovato che la libera uscita fosse più interessante della sistemazione. Se non fossi stato sempre in contatto con me stesso – credo che Giovanni abbia ragione – avrei potuto fare molta strada, ma le due cose non sono compatibili. Ora penso, con Spengler, che la sinistra lavori sempre per il Capitale, anche quando non lo sa… cioè quasi sempre.

  70. Giovanni Says:

    Circola la voce che l’Esarca sarebbe stato completamente esutorato e che con le sue dimissioni si andrebbe andrebbe verso lo scioglimento del consiglio regionale.Il successore designatto sarebbe Vassallo
    Vero o falso,quali sarebbero i tempi tecnici per indire nuove elezioni del consiglio regionale?
    Mauro tu che la sai lunga ti pare plausibile questa mossa di Renzi per prendere due piccioni con una fava

  71. roberto Says:

    Posso chiedervi un commento alla domanda che si pone Aldo Grasso sul Corriere?
    “Succede anche questo, gli interventi di Cacciari non sono mai banali e un giorno il Pd dovrà pur spiegare perché si è tenuto D’Alema e ha fatto fuori lui.”

    http://www.corriere.it/spettacoli/13_dicembre_11/smorfie-vincenti-dell-ospite-cacciari-eaf96c32-622b-11e3-a809-0fced5f7d9ac.shtml

  72. Andrea Says:

    Si, Roberto… come An avrebbe dovuto spiegare perché Almirante scelse Fini piuttosto che Marco Tarchi… peraltro Tarchi e Cacciari sono amici da una vita, ed entrambi insegnano all’università. Credo che i filosofi e gli uomini di pensiero non possano avere nessun gradimento dentro qualsivoglia partito.

  73. Andrea Says:

    Io, da anni, non ho più la televisione, ma Cacciari è sempre stato ambiziosissimo, e posso immaginare che le smorfie siano un po’ studiate, un po’ dettate da un’enorme frustrazione, che non ha colpito così tanto né Tarchi, né Vattimo… intellettuali politici anch’essi, ma con un ego più misurato. D’altronde, Cacciari è stato favorevole alla nascita – o mancata nascita – del Pd, e ne interpreta l’ala moderata, ritagliandosi un ruolo (pagato) di fustigatore.

    Ho sotto gli occhi il numero 9 della collana di Marsilio Editori, “libri contro”:
    “Che fare. Il ’69-’70: classe operaia e capitale di fronte ai contratti”. A cura di Massimo Cacciari… Correva l’anno 1969 e Massimo Cacciari, in un libro di 160 pagine, riuscì a scrivere un’interessante introduzione di 80 pagine… aveva solo 25 anni! Questo è l’uomo. Devo aggiungere altro?

  74. claudiopagani Says:

    Oggi ,giustamente, gioisce Achille Occhetto il quale ne ha pienamente diritto!! ( anche perchè è stato sbeffeggiato per anni, non certo da chi ,come me ,gli è stato fierissimo avversario politico).
    Tuttavia la linea sua , ” fuoriuscita dal PCI su una linea azionista e caratterizzata da anticomunismo ( anti togliattismo ) democratico e garbato” continuo a considerarla profondamente sbagliata perchè butto via l’acqua sporca ( le degerazioni del PCi) con il bambino ( la salda collocazione a sinistra per fare l’interesse dei ceti popolari).
    Quando il PD renziano si sfracellerà ( le europee sono gia un duro banco di prova) per manifesta inconsistenza davanti alle durezze della crisi ( anche se finisse oggi , non si creerà alcun posto di lavoro nuovo), allora vedremo chi gioirà “politicamente” per ultimo.
    Allora ci vollero 4 anni per passare dal “trionfo” della svolta al disastro dell’elezioni del 1994 con la “gioiosa ” macchina da guerra”. Allora l’inarrestabile caduta fu fermata “temporaneamente” dalla POLITICA del duo D’Alema -Zani che, in soli 2 anni, portò la sinistra ( che perse nei numeri 43 a 52 (di Berusconi + lega politicamente divisi) al governo facendo buona politica.; poi ci penso Prodi ,con L’Ulivo, a dissolvere ogni speranza di una sinistra politicamente autonoma( a proposito ,mi chiedo Mauro perchè sei sempre così tenero con Lui ,mentre evidenzi , con nettezza, gli errori di MDA?)
    Oggi basterà molto meno tempo a far sfracellare il putto fiorentino con il suo partito.
    La costante dei gruppi dirigenti della sinistra, in questi 20 anni ,è stata la divisione su ogni questione( di potere e non ) e l’unita FERREA contro il perfido/complottista D’Alema , perfino facendo sponda con il neo democristiano furbastro Prodi( che infatti da questa lotta ha tratto immensi vantaggi di potere per se e il suo clan , in particolare in Emilia e nell’esarcato di Romagna). e vedrete che anche il furbastro Renzi rispetterà l’esarcato ( magari facendo finta di combatterlo “a parole”)

  75. mauro zani Says:

    Non mi parrebbe una gran mossa quella che tu subodori Giovanni.
    Perché mai Renzi dovrebbe disfarsi di Errani che così tiepidamente e tardivamente ha fatto finta di sostenere Cuperlo? Sarebbe un cretino fatto e finito. E non lo è. Anzi caso mai e quando mai Renzi facesse un governo ci sarebbe un posticino anche per Errani. Quello che non ottenne col cacciavite di Bersani, potrebbe ottenerlo con il martello pneumatico di Renzi.
    Ma qui siamo già nella fantastoria.

    • Giovanni Says:

      In considerazione dell’impegno profuso dall’Esarca nelle primarei ,il tuo ragionamento non fa una piega.E però il secondo livello é particolarmente agitato.Stasera più di stamattina
      Sempre rimanendo alla fantastoria o alla psicostoria,é ipotizzabile che lo scioglimento del consiglio regionale possa essere la conseguenza dell’immissione dell’Esarca nel governo,a seguito di un minirimpasto?
      Tutto sommato stiamo parlando di un prodiano a cento carati

  76. claudiopagani Says:

    Parole di grande saggezza , Mauro

  77. mauro zani Says:

    Claudio. Non ho ragioni di esser tenero con nessuno dei due. Mi vollero solo per ragioni puramente strumentali: Bologna e L’Emilia-Romagna etc…L’ho sempre saputo , naturalmente.

    PS. Tutt’e due equivocarono. Mi consideravano un insider mentre ero un outsider. Gli emiliani e in particolare i romagnoli ben lo intuivano. Infatti non si son mai fidati.

  78. claudiopagani Says:

    Mi considero soddisfatto della risposta.
    Faccio solo notare che mentre dietro D’Alema c’era solo….il suo staff( Velardi,Rondolino,ecc) ,dietro Prodi ,anzi all’orecchio , c’erano poteri economico-finanziari robusti e quindi l’esito era assolutamente scontato…E poi ,Mauro , MDA si considerava ancora del PCI ( temporaneamente in esilio) , mentre Prodi… e quindi preferivo e preferisco il primo. anche perchè dopo la fine ingloriosa del post-comunismo italiano ,resta solo il PCI e ,almeno io ,riparto da li: d’altra parte perfino nella Repubblica Ceca, alle ultime elezioni , il principale partito della sinistra ,dopo l’SPD locale ,è il partito comunista ceco ,con il 15% e l’SPD per governare ne ha bisogno. ( pensa che quel PCC non ha fatto nessuna autocritica del suo terribile passato!).
    Io ci metterei la firma per un partito di Sinistra al 15%..

  79. mauro zani Says:

    Se è per questo in tutte le ex repubbliche socialiste i dirigenti comunisti son diventati socialisti dalla sera alla mattina e nessuno ha obiettato. Resto convinto che in Italia, paese di confine nella guerra fredda, le cose sarebbero andate ben diversamente…Ci avrebbero massacrato.

  80. claudiopagani Says:

    Certo ,parlo per l’oggi .
    Allora ci avrebbero massacrato senz’altro.
    Dici solo che se ,alla caduta del Muro, avessimo proceduto con meno impazienza e meno baldanza , magari facendo gustare, alla ns. gente, le delizie del capitalismo globalizzato forse chissà..
    A mio avviso ci salvammo da Tangentopoli sulla base di un accordo con i poteri forti ( di allora e quindi + forti di oggi) cosi concepito:
    1) in economia via libera a privatizzazioni selvagge e adesione al “pensiero unico neoliberista sia pure nella versione ligth della cosiddetta terza via;
    2) Adesione all’ideologia “moralistico /giustizialista” tendenzialmente anti partitica che ha pervaso la sinistra post PCI( e che ha alimentato nella base la sindrome da ” superiorità morale” già difficile ai tempi di Berlinguer e impossibile dopo )
    Cosi facendo abbiamo messo ,volontariamente, la testa nel cappio che ci ha ,poi ,strangolato.

  81. Remo Tedeschi Says:

    Debbo ,dire una cosina,che per dirla poeticamente” entro mi rugge.
    Qual’è l’oggetto? è la situazione attuale della maggioranza.
    .
    In altri momenti , i più lungimiranti del blog, avrebbero detto (,se generosamente disposti,) però, hanno spaccato il pdl, messo Berlusconi all’opposizione, e si è formato embrionalmente un c.dx autonomo e non settario, collaborativo (circa), sbaragliata la tattica di Grillo ,( Le larghe int.) ora , lui si trova con B, qualche accenno di ripresa economica ( pro.ind. +0,5), fine del porcellum, e condanna
    del capo p2, 5mesi cosa dite?

  82. mauro zani Says:

    Scusa Tedeschi ma da Monti in poi, con il PD in posizione centrale la situazione è sempre peggiorata. Ha buon gioco il Wall Street Journal ha parlare di stabilità dei cimiteri e Grillo a rilanciare. Qualche accenno di ripresa economica?
    Ma siam pazzi?
    Crescita zero nel terzo trimestre dell’anno tu la chiami ripresa?
    Hai notato qualche barlume di novità nel discorso di Letta?

  83. mauro zani Says:

    Togli l’acca!

  84. Giovanni Says:

    Ma come Remo,anche tu hai votato per Faraone,quello che traffica con i mafiosi di Palermo
    Certo che siete un partito assai promiscuo:Pippo Baudo,Briatore,Faraone,le monachelle ,teleguidate dalle curie,e tu ,uomo della Corticella,associati per il governo democratico dell’Italia
    Faraone,Faraone,che passione

  85. Giovanni Says:

    Ah?!!Il deputato Faraone fa parte della Commissione antimafia.L’uomo giusto a posto giusto.
    Devo purtroppo dare ragione,seppur post mortem , a Sciacca

  86. Giovanni Says:

    Il senatore del Picierno,laureata in “scienze della comunicazioni”all’università di Salerno(non so se mi spiego)fa parte della Commissione Giustizia del senato senza ovviamente sapere neppure cosa sia una norma giuridica
    Ecco perché è entrata a far parte della segreteria di Renzi….per incompetenza

  87. Remo Tedeschi Says:

    Sono realista, badate bene, e la vedo la gente in piazza, ma qualche mossa ,quasi intelligente, c’è.
    Parlavano di piccola ripresa , mah, provavo a essere ottimista.

    Giovanni l’unico faraone che conosco è Amenofi 4° detto AkenAton
    grandissimo, artista , innovatore ,aveva emarginato il clero, poi fu obbligato alle grandi intese, il Renziano non so chi è, sentivo Epifani difenderlo alla camera, dopotutto non sono di quel partito ,
    è mafioso? però non lo deve dire Grillo, in un comizio in Sicilia aveva detto che la mafia lì, non cè, ricordi?, e io ci credo.

  88. Alessandro perini Says:

    Vi posto un comunicato stampa che ho scritto e spedito ieri ai giornali e oggi publicato a lettera sul resto del Carlino Ravenna.

    Alla fine ha vinto Renzi, e’ il nuovo Segretario del partito , Segretario che ,come non accade in nessun paese al mondo, viene eletto non dagli iscritti ( gli stessi che ci auguriamo di fare a valanga nel 2014 ma che nel congresso contano come un qualsiasi passante) ma dagli elettori ( elettori che ,magari, non voteranno mai il PD nelle “secondarie”). Ma qualche riflessione va fatta sul partito anche al di la’ dell’ importante risultato di affluenza ; in questi giorni ho sentito varie dichiarazioni alcune certamente in buone fede altre veramente discutibili.
    L’elettorato alle primarie senza dubbio ha optato per un rinnovamento anche se bisognera’ capire quale , ma ha ,soprattutto, votato contro i responsabili della sconfitta di febbraio e del suicidio dilettantesco del dopo voto. Io ho sostenuto Gianni Cuperlo e l’ho fatto dal primo momento e non nelle ultime 48 ore perche’ pensavo che lo stesso rinnovamento che sembra incarnare Renzi lo si potesse fare da sinistra sulla base di un impianto politico- culturale diverso , nella consapevolezza che si dovesse cercare un segretario e non il leader per elezioni che non sono all’orizzonte. Ma questo purtroppo non e’ stato possibile; una parte del partito che ,come me, chiedeva che la mozione Cuperlo fosse rappresentativa di un vero rinnovamento, incarnata da giovani dirigenti che rappresentassero il rinnovamento sulla base di quell’ impianto e’ invece stato escluso, emarginato con arroganza, da una gestione del tutto fuorviante e da dirigenti che nulla hanno a che fare con il rinnovamento;se si guardano i risultati , in circoli molto significativi, era abbastanza evidente ,anche da prima, che le cose non potessero andare che cosi’. Ora il partito deve andare avanti unito ok, ma per fare cosa? C’è tanta gente che è saltata sul carro del vincitore perchè ,dicono, finalmente così si vince;ma chiedo: e’ importante vincere ,a qualsiasi costo? Per fare cosa? Qui non si tratta di vincere il campionato di calcio o la coppa dei campioni;vincere dovrebbe essere il compimento di un progetto articolato di società, + ampio dei chiari punti già espressi da Renzi come riforme elettorale e istituzionale. Penso che una qualche analisi critica vada fatta per evitare di ripetere gli stessi errori. Ringrazio quanti hanno sostenuto Gianni ma l’errore non e’ stato ,come dice qualcuno, nel chi ha architettato la candidatura; non c’è stato nessun grande architetto ;e’ stata una proposta sincera nata dal senso di responsabilità di Gianni Cuperlo ; semmai l’errore e’ stato aver escluso il vero rinnovamento nella mozione a favore di molti soliti noti ormai impresentabili . Spero che molti di voi non si sveglino male dopo aver vissuto una grande illusione; io lavoro per ricostruire il perimetro di una sinistra riformista di stampo europeo e spero di riuscire a farlo ancora dentro questo partito e per il bene del nostro paese.

    Alessandro Perini Capogruppo territoriale Ravenna Sud

  89. Andrea Says:

    ” La responsabilità dei partiti socialisti europei è schiacciante. E’ prima di tutto diretta: questi partiti si sono arresi senza condizione davanti alle esigenze della finanza e del capitale; hanno imposto delle politiche di austerità inaudite alle popolazioni e sono di conseguenza fortemente responsabili della stagnazione economica che viviamo. Ma resiste anche una responsabilità indiretta. Nel pretendere che non esistono altre soluzioni oltre l’austerità, nel proclamare il dogma dell’euro ed ipotizzando scenari catastrofici nel caso di un’uscita, tali partiti socialisti hanno costruito un discorso politico che blocca la situazione ed è parte integrante della crisi. Ragion per cui non si potrà uscire dalla crisi se non attraverso la distruzione di questi partiti, la loro implosione, e delle ricomposizioni politiche importanti. E’ quello che stiamo assistendo in Francia ed in Grecia.
    Oggi, bisogna riunire le forze di sinistra e di destra che hanno capito il pericolo che rappresenta l’euro, unirli non in un solo partito ma all’interno di un’alleanza in grado di sostenere una politica di rottura.”

    Jacques Sapir, non un rosso-bruno qualsiasi come me…

    http://www.lantidiplomatico.it/dettnews.php?idx=6&pg=5595

  90. Andrea Says:

  91. Andrea Says:

    LA DEGENERAZIONE ASSOLUTA DELLA SINISTRA

    L’Italia è un caso particolare ed insuperabile (un vero e proprio caso di scuola) di degenerazione assoluta, in cui la cosiddetta “sinistra” è ormai un gruppo impazzito di veri e propri nemici del popolo realmente esistente, in quanto costoro hanno sciolto il popolo veramente esistente e ne hanno nominato un altro composto da culto dei migranti, gay prides, golpismo moralistico, religione olocaustica, ideologia dei diritti umani, antifascismo in assenza completa di fascismo ed altre aberrazioni.

    Costanzo Preve, 2009

  92. Andrea Says:

    L’ennesimo illustre economista che si schiera per la fine della moneta unica…

    http://www.lantidiplomatico.it/dettnews.php?idx=6&pg=6416

  93. Giovanni Says:

    Andrea,d’accordissimo la sinistra in Italia da 37 anni a questa parte ha schiavizzato il popolo per consegnarlo incaprettato alle esigenze del parassitismo statuale,clericale e mafioso e,aldilà di ogni intenzione,nelle mani della finanza e del capitale
    Vedi,il vero problema,e’che non si tratta di un gruppo politico impazzito,ma di singoli avidi individui associati sotto il vessillo di uno o due partiti.
    Vere e proprie associazioni a delinquere ,che dovrebbero essere chiamate a rispondere per delitti contro l’umanità dolente e sofferente, che oggi grida andate via

    • claudiopagani Says:

      Ma perchè Giovanni devi “spesso” emettere delle comunicazioni che nemmeno la + rozza direzione strategica delle fu Brigate Rosse potrebbe condividere?
      Si tratta di grossolana propaganda che, sono convinto, tutti quelli( dotati di media cultura) che partecipano a questo blog non possono non guardare come si guarda un brutto tema scritto in pessimo italiano .Io penso che qui tutti vogliano discutere opinioni anche molto differenti ,non assistere a improbabili comiziacci ( scritti) per gente di bocca buona.
      Cui prodest ,Giovanni?

  94. Giovanni Says:

    Dalla moneta unica non si esce più.Qualche studiosa può anche costruire la sua notorietà sostenendo la tesi dell’uscita.
    Ma ciò non è possibile,non solo per ragioni di vincoli,ma perché non risolve il nostro problema interno.
    Dobbiamo uscire dal nostro medioevo non dall’Europa

  95. claudiopagani Says:

    Caro Andrea, puo darsi che l’Euro sia condannato a morire per manifesta insipienza e grettezza delle classi dirigenti europee ( in particolare quella tedesca) che non hanno saputo ,o voluto, creare un’adeguata e necessaria cornice politica alla moneta unica. Va ricordato ,a questo proposito, il ruolo non positivo ,tutt’altro , svolto dalla Presidenza di Romano Prodi nei cruciali anni 1999-2004. ,Egli anzichè approfittare del fatto che in quel periodo gli stati europei erano prevalentemente guidati da leader progressisti e spingere sull’integrazione politica dei 15 stati ,allora membri della UE ,ha preferito svolgere un ruolo ragionieristico-mercantile allargando la Ue a 27 membri e rendendo cosi ancora +tenui i legami politici e avviando ,forse definitivamente, la Ue a diventare semplicemente zona di libero scambio ,dominata da pure ragioni commerciali, dentro la quale la Germania ha fatto prevalere nettamente le proprie ragioni. Drammatica è stata la vicenda greca in cui la UE non ha avuto nessuna forma di solidarietà, ed un intero popolo è stato oggetto di inaudita “rappresaglia” per i falsi in bilancio prodotti dai governanti conservatori greci per entrare nell’Euro ( fatto ben noto peraltro alle autorità comunitarie ,ma ,provvisoriamente, sottaciuto perchè alla Germania serviva una zona di libero scambio +ampia possibile).
    E cosi il popolo greco ,seguito poi da quello italiano e,via,via quello francese( è atteso un trionfo di Marine Le Pen alle Europee) si sono sempre + disamorati.
    Il rimbalzo porterà ad un sempre + forte avanzamento di forze populiste e fortemente nazionaliste e quindi è possibile che l’Euro sia condannato, e tuttavia..
    Se questo avverrà non sarà una festa ,caro Andrea, come pensa qualcuno e forse anche te, ma avvierà l’intero continente verso la CATASTROFE perchè nessuno stato , e neanche la grande Germania, può sopravvivere “significativamente” e conservando il suo tratto distintinvo e cioè il welfare universalistico, in un contesto fortemente competitivo caratterizzato da paesi come Cina,India, Brasile, USA,Russia, Messico ,ecc in cui il + piccolo ha 200 mln di abitanti: E allora ogni stato europeo ,in feroce lotta con gli altri, vivrà un drammatico impoverimento e cercherà di esportare le proprie tensioni interne aggredendo ( magari all’inizio non militarmente) gli altri. Sarà ( spero di no) una ripetizione ,in forme ancora + feroci, della disintegrazione della Iugoslavia e ci avvieremo ( avvieremmo) tutti verso forme di miseria inaudite in questo continente.
    Purtroppo ,siccome considero credibile il “dissolvimento” dell’Euro e siccome in giro c’è una grande quantità di classi “dirigenti” politiche rozze e incolte desiderose di risolvere i problemi “menando le mani” l’esito che ho descritto , a me sembra possibile.
    L’unico antidoto sarebbe l’esistenza di una vera SINISTRA ,degna di questo nome,che assumesse ,su di se, la bandiera della vera e profonda trasformazione verso una ridistribuzione della ricchezza ,ma purtroppo ,e in particolare in Italia, non ce n’è alcuna traccia. Come si diceva con un antico slogan ,mai come oggi d’attualità: “Socialismo o barbarie “. Mi pare che in Europa si stia riproponendo uno scenario tipo fine anni ”20 e l’esito + probabile è quello che ,in particolare in Italia,, si verificò anche allora.
    Naturalmente ,immagino che a te questo esito potrebbe non dispiacere, mentre io ne sono francamente “atterrito”, perchè quando il peggio è possibile ,finisce per accadere.

  96. Andrea Says:

    Non leggete, né attentamente, né distrattamente; non guardate i video che posto; siete infingardi; volete solo conferme a quanto già credete di sapere (la famosa ottusità di cui, addirittura, Milli si vanta…), siete al limite dell’offesa – quantomeno alla mia intelligenza, se non ti dispiace troppo, Claudio… -, quindi vi saluto e vedrò di sigillare il mio sarcofago, in cui vivo, e di non forzarlo più. Auguri di buon Natale e buon anno.

  97. Andrea Says:

    Ti pare, Claudio, che io non abbia il senso della storicità dei regimi? Ma questo sarebbe il meno: Giovanni ha idee immutabili e tu hai narrazioni immutabili. Inutile pensare che digitando su una tastiera si possa creare una omogeneità da club giacobino o da società di pensiero, peraltro di dubbio gusto.

    • claudiopagani Says:

      Guarda Andrea io non c’entro nulla con le cosiddette narrazioni che considero pura fuffa!
      Io, e me ne vanto , ho gli stessi ideali della mia gioventù e mi sforzo ,nei miei modestissimi limiti , di attuarli.Tutto qui

  98. Giovanni Says:

    Andrea,io idee immutabili? Non direi.Sono immerso in discussioni quotidiane con gli altri.E nel corso di una giornata mi trovo spesso ad esaminare plurime idee,ovvero possibili rappresentazioni e prospettazioni di fatti e loro soluzioni
    No Andrea,non parliamo di idee,stiamo semplicemente ricostruendo ciò ch’e’ accaduto,dopo averlo elaborato secondo la propria personale esperienza
    La tua e’una esperienza prevalentemente intellettuale,arricchita da molta informazione e accidentati approdi ideologici.
    Le mie conclusioni sono invece il frutto di una dura e penetrante esperienza sul campo di battaglia della vita quotidiane.Io combatto per gli altri,concretamente ,e, perciò non posso permettermi idee immutabili
    Il confronto con i dati materiali della realtà per me sono imprescindibili.
    Non ho mai potuto concedermi il lusso di prescindere dai fatti,anche perché come tu sai ,non si può scendere in lotta con i fatti.Tutt’al più vi si può porre rimedio
    Dunque io mi attengo al principio di realtà E la realtà mi dice che
    il 37% degli scambi mondiali avviene nella moneta denominata Euro e che 500 milioni di persone ogni giorno vivono pensando in Euro
    Da questo mondo non si esce dall’oggi al domani.Non dico che restarci sia vantaggioso o svantaggioso.Dico semplicemente che al di la dei discorsi accademici l’euro oggi non lo smonta nessuno per la semplice ragione che stiamo parlando della moneta più solida e forte.
    Tu sai quanto e’costato ai fondi speculativi americani la guerra all’euro.Paulson si è rotto le corna insieme a molti finanzieri ebraici
    Questa vicenda dovrebbe insegnarci che anche il”mostro globale”a volte sbaglia a far di conto
    Ecco,per me l’Euro e’una realtà tangibile non una idea.Il problema reale che noi oggi abbiamo di fronte non è euro si euro no,ma che uso dobbiamo fare “degli euri disponibili”ovvero di come impiegali e di come distribuirli
    Retorica a parte sono pronto ad un vero confronto,ma partendo dai fatti.
    Un confronto moderno,non referenziato,che prescinda insomma dalle opinioni dei dottori dell’economia e della politica

  99. Remo Tedeschi Says:

    Quella, che la sinistra da 37 anni ,ha schiavizzato il popolo, è una considerazione talmente generica e anche di fatto denigratoria, che
    non regge proprio,da nessuna parte.
    I mutamenti “ideologici” della sinistra , che poi parliamo di un partito solo, (i socialisti del Psi non sono stati ,quasi mai sinistra),sono avvenuti, coinvolgendo milioni di persone, congressi , assemblee,
    articoli, convegni ecc.ecc,, nessuno ha obbligato nessuno.
    Difatti, ci sono state innumerevoli scissioni, abbandoni dalla politica
    crolli di iscrizioni, e vediamo astensioni dal voto a % altissime, rappresentare, le cose come l’ultimo filosofo, scovato da Andrea,
    (Preve) è assolutamente opinabile, ma molto opinabile.

  100. Remo Tedeschi Says:

    htt://tv.ilfattoquotidiano.it/2013/12/12trapattoni-fa-pace-c

  101. Andrea Says:

  102. Remo Tedeschi Says:

    Volevo mandare la famosa conf. stampa di Trapattoni come ultima prova di orgoglio italico in terra tedesca, ( sono inesperto, Andrea se vuoi fallo tu, sito del “Fatto)”.

  103. Remo Tedeschi Says:

    Andrea , ottimo Vito fai attenzione alla foto, (mi assomiglia , parlo del tr…)

  104. Andrea Says:

    Remo, non devi fermarti alla fine di un video… devi proseguire… ve ne sono altri bellissimi che subentrano in automatico… è straordinario quello di “Avanzi” contro l’abbandono dei comunisti in autostrada! Goodbye!

  105. claudiopagani Says:

    …E comunque ,caro Giovanni, al di là delle ns. aspre polemiche, ti do una “buona notizia” . Alle prossime elezioni ( europee o politiche che siano) certamente voterò e voterò per il soggetto politico ( non di destra) che mi sembrerà + idoneo ad ostacolare il PD renziano. Se le cose resteranno come oggi, c’ è un unico voto possibile ,per me, il voto al M5ST( dovrò un pò turarmi il naso ,ma votando Renzi la puzza sarebbe insopportabile.)
    Renzi ,infatti , rappresenta , in tutta evidenza, un tentativo ,molto serio di STABILIZZAZIONE MODERATA e che i poteri costituiti stavano preparando ,con grande cura, da tempo. IO NON SENTO ALCUN BISOGNO DI STABILIZZAZIONE MODERATA in chiave neo dorotea. Renzi , a mio avviso , è un avventuriero/avventurista che si muove nel solco della stessa idea di Stabilizzazione che stava alla base del Midas di Craxi( ma Craxi aveva,a suo modo , i piedi ben saldi nella tradizione della Sinistra italiana).
    Inorridisco davanti ai primi passi della segreteria renziana che sta cercando di costruire una legge elettorale “ad personam” da costruirsi sulle ambizioni personali di renzi .
    Ma come ,penso io , la Consulta ha appena dichiarato incostituzionale il Porcellum ,per eccesso del premio di maggioranza senza alcuna soglia, e si vuole di nuovo “distorcere” profondamente la rappresentanza in nome della cosiddetta “governabilità” ? Mi sembra una follia.
    Ma poi ,quando vedo il “giovane Orfini” che si agita per costruire l’opposizione di sua maestà ,non capendo che Renzie così se lo “mangerà” ancora + facilmente mi cascano le bracce. Bisognerebbe spiegargli che ,ai tempi del Midas craxiano, anche i “sinistri” Signorile e Cicchitto ( proprio lui!) appoggiarono ,in nome del “ricambio generazionale”, Craxi e che lui ,dotato di molti maggiori attributi , li spazzò via rapidamente utilizzando un’oscura vicenda di tangenti…
    E comunque oggi il Pd è questa roba qui ; un leader spregiudicato affiancato da una moltitudine di dirigenti “opportunisti ” ,alla ricerca di qualche modesto vantaggio.
    Per altro al famoso “popolo di sinistra” le cose vanno benissimo cosi perchè ,come i gesuiti , usi a obbedir tacendo.
    A questo punto, poiche ogni valore è caduto insieme con le ideologie, non mi resta che tentare di “ridurre il danno” limitando la banda di Renzie( detto anche PD) e ,a meno di miracoli a cui non credo, ripeto il mio voto andrà a 5ST. Amen

  106. Andrea Says:

    +++ Gianni Cuperlo è il nuovo presidente del Pd +++

    14,40 – “il Foglio”.

    Spero che ora possiate trascorrere serene festività.

  107. Remo Tedeschi Says:

    Così impara Renzi a non candidare,L’ex premier,Massimo D’Alema
    diglielo, Claudio, come si permette, questo dilettante da strapazzo !!

  108. Remo Tedeschi Says:

    Personalmente apprezzo la decisione di Cuperlo, non giova a nessuno, lacerarsi, se i “giovani” fanno della unità un valore, ben venga, non piatta, dialettica ma poi , uniti.
    Per compesare la “follia” temporanea di Claudio potrei rivedere il preannunciato rifiuto della tessera 2014.(potrei…)

  109. claudiopagani Says:

    La mia non è nè “follia” nè “temporanea”; Finche dura renzi Segretario la MIA AVVERSITA’ al PD E’ DEFINITIVA. REMO ,ti invito a NON DARE RAPPRESENTAZIONI CARICATURALI di chi non condivide la “svolta”!
    E poi chi poteva dubitare, in questo blog, che tu ti saresti accodato e avresti preso la tessera 2014!? Come dice Zani l’Intendance…” Avete definitivamente perso l’onore e la dignità e io con voi “neanche una caffè”. Ma lasciatelo dire caro Remo, non vi andra meglio di quanto non accadda ad Occhetto nel 1994 con i “progressisti”!
    Per l’ultima volta ,Remo, NON DARE RAPPRESENTAZIONI CARICATURALI DELLA mia POSIZIONE POLITICA ALTRIMENTI Il tono dei miei interventi diventarà molto + violento!

  110. Remo Tedeschi Says:

    Andrea, sicuro che sia divertente,? per le feste , ricordati di Guzzanti, rosso pianeta, bolscevico e traditor.
    ps
    ma resta qui, qui hai gli amici, le idee, il calore umano!! e poi non è vero che non guardiamo i tuoi video, certo , se ci sgnacchi 1ora di Bagnai,c’è il rischio di orchite, ma il resto è cultura. buone feste , brinda con vino rosso che fà della canna.

  111. claudiopagani Says:

    Come disse il Presidente ALLENDE ,ai microfoni della radio cilena mentre infuravano sul palazzo della Moneda i bombardamenti dei golpisti:
    “…Voi avete dalla Vostra le ragioni della forza, ma non avete la Forza della RAGIONE…”

  112. Remo Tedeschi Says:

    Chi è che fà della caricatura? vatti a leggere quello che hai sempre detto della base pd? e adesso fai il “delicato”? Claudio ,canta che ti passa. buon natale.

    • claudiopagani Says:

      No ,mi incazzo perchè ti ostini a non capire che nelle mie posizioni ci sono delle ragioni politiche legittime quanto le tue e devi buttarla sulla “follia” o amenità simil. E poi ,Remo voi purtroppo, pensate che la bonta’ delle idee si misuri nelle farsesche primarie all’Italiana e come si fa a parlare di politica con gente cosi “politicamente” sprovveduta ? Ti faccio uno “Scoop”: Secondo i principali istituti di ricerca ,alle vs primarie di domenica,
      ha votato ALMENO 1 MLN di persone ( + di 1/3) che con il PD non c’entrano nulla ( e che quasi sicuramente non vi voteranno alle secondarie ) ,ma lo hanno fatto per la grancassa mediatica e hanno votato plebiscitariamente Renzi ( questo extra milione di abusivi) perchè ben felici di festeggiare la nascita del PD non + a guida “comunista”. Se rifai i conti senza quel milione tutto renziano , vedrai che si torna a quanto previsto dai sondaggi.Remo ,semplicemente, prendi atto che tra noi c’é un dissenso politico radicale e le mie critiche al popolo PD erano critiche “d’amore”, verso quella che io giudico una gravissima voglia di omologazione. I Ns Percorsi si sono separati e ,io, da infima minoranza, cercherò di far prevalere ,in altro modo, le mie buone ragioni . Per me non varrà nessun tutti a casa.
      D’altra parte, pensa a quanto tempo c’ è voluto perchè il povero ( lo dico con vero rispetto) Achille Occhetto potesse dire ,con buone ragioni, che “ha vinto la sua linea”.
      Penso ,con molta umiltà che ci vorrà molto meno tempo per affermare la bontà delle mie di ragioni. Io non canto , perchè sono stonatissimo , ma accetto di buon grado i tuoi auguri e li ricambio con auguri di buon Capodanno perchè ,purtroppo, non riconosco il Natale , in quanto irrimediabilmente ateo e convintamente anticlericale.

  113. Remo Tedeschi Says:

    Claudio, ho detto follia, così per dire, sorpreso per quello che , sopra dici. per il resto, (primarie ) io , ho partecipato non solo nel voto, ma “nell’attivo”, sono piccole esperienze , di contatto con la gente, compagni maturi, anche ragazze e ragazzi con le facce un pò emozionate.
    Perchè disprezzarle? e poi senza i vecchi marpioni ,rischiano di essere non pilotate.
    Guarda che ,non mi è piaciuto Renzi , su D’Alema, come parlamentare europeo ,và benissimo ,anzi sarebbe una presenza più che autorevole.
    Mi fà piacere la pres. a Cuperlo, non dovrebbe “sbandare”
    il pupo, vediamo, è un pò presto. anche a te buon Capodanno, ma torneremo sugli auguri. sono della stessa tua “religione”

    • claudiopagani Says:

      Ti sorprenderò ,forse , caro Remo , ma secondo me a D’Alema farà solo bene stare senza alcuna carica , compreso quella di parlamentare europeo., perchè cosi potrà ,se ne avrà voglia e visto che sostiene che fa politica per passione, tornare ,finalmente, a fare politica visto che ,certamente ,ha qualche peccatuccio da farsi perdonare e per me ,in primis, di avere consentito alla nascita del PD ,senza esserne minimamente convinto, anzi dicendone privatamente tutto il male possibile + o meno sulla linea “Zani”. Anche per lui è arrivato il tempo delle scelte e non può + trincerarsi dietro un realismo “togliattiano” un po all’acqua di rose per giustificare una sostanziale pigrizia. Io sono moderatamente fiducioso perchè ,giustamente, Renzi non gli vuole concedere “l’onore delle armi” e il tempo delle “gigionerie” mi sembra finito.

  114. claudiopagani Says:

    Nei giorni scorsi ,al Parlamento Europeo, la Risoluzione sulla salute e i diritti sessuali e riproduttivi di cui relatrice era la socialista portoghese Edithe Estrela non è nemmeno stata votata perché si è prima preso in esame un ordine del giorno del PPE, appoggiato da tutti i gruppi clericali, reazionari e neo nazisti dell’emiciclo di Strasburgo, che è passato per sette voti, con l’astensione dei deputati del PD ( tutti sostenitori di Renzi) .
    E’ questo il nuovo corso?

  115. Gianni Says:

    @ Remo mi mancava un tuo pentimento, sul tuo giuramento di non rinnovare tessera PD se Renzi fosse diventato segretario!

    Spergiuro!!!
    ma dimmi hai fatto tutto ciò sol per raccattare qualche voto per Cuperlo e per l’apparato? Argomenta almeno……….

    Si vede che ti piace la compagnia e cuocere salsicce!

    Almeno dai un’occhiata a quello che stà costruendo BARCA o anche questo è troppo impegnativo? ma dimmi ci fai o ci sei???

    Saluti Grazie Mauro

  116. Remo Tedeschi Says:

    Nessun pentimento, spero che Fabrizio Barca abbia un’incarico sulla riorganizzazione del pd. tu come vedi la situazione?

  117. alessandro perini Says:

    Domenico ceradona spiega bene perche’ anche secondo me Gianni non avrebbe dovuto accettrae la presidenza
    Si è finalmente concluso il congresso del Partito Democratico e il risultato è stato piuttosto netto. C’è stato un grande vincitore, Matteo Renzi, e una clamorosa sconfitta non tanto di Gianni Cuperlo, ma della sinistra del PD.

    Non voglio esagerare con la dietrologia, ma mi pare corretto dire che la recente campagna elettorale conclusasi l’8 dicembre sia stato il primo atto di quello che potrebbe essere l’omicidio perfetto della sinistra italiana.
    Intendiamoci, per sinistra io intendo quella di tradizione comunista/socialista alla quale Renzi è riuscito abilmente – con la collaborazione di molti media – ad affibbiare le colpe di quasi tutti i mali d’Italia non imputabili a Berlusconi. Ed il capro espiatorio perfetto di questa campagna è stato, manco a dirlo, Massimo D’Alema – novello Belzebù della sinistra.

    Dopo il deludente 18% ottenuto al Congresso (con tutte le roccaforti espugnate, persino la Puglia “regno” di D’Alema da quasi quarant’anni!) si cerca di concludere l’opera imbrigliando Gianni Cuperlo in un ruolo di garanzia, quello della Presidenza del Partito, che ne limiterebbe l’azione politica.

    Cuperlo si è impegnato sin dalla sera dell’8 dicembre a sostenere lealmente Renzi; ma allo stesso tempo di continuare sul solco tracciato durante la sua campagna elettorale: quello di una sinistra riformista di stampo europeo che rimetta al centro del suo operato eguaglianza e giustizia sociale.

    Renzi e Cuperlo: fair play?

    Per fare questo, però, non si può essere occupati in un ruolo “istituzionale” – che per definizione è super partes, rappresenta e difende l’unità del Partito e che, quindi, vieta di schierarsi in maniera eccessiva su questa o quella posizione.

    Parallelamente, bene ha fatto Gianni Cuperlo quando ha rinunciato ad indicare uno “dei suoi” all’interno della Segreteria di Matteo Renzi.
    Quello che si è appena concluso è stato uno scontro duro, che opponeva due idee distinte e distanti di Partito e di società: è impensabile che, a neanche una settimana dallo “scontro”, ci si unisca non tanto nella militanza leale nel partito (come è ovvio) ma addirittura nella gestione di esso.

    Ritengo che accettare la Presidenza sarebbe un errore politico da parte di Cuperlo: egli deve invece dare vita non ad una corrente, ma ad una componente “ideale” che sia promotrice di una proposta politica di sinistra. Sarebbe una ricchezza per il PD tutto.

  118. mauro zani Says:

    La sinistra nel PD e grazie al PD fu liquidata molto tempo addietro. Già nei DS.
    Difficile che chi contribuì all’omicidio possa assumere altro e diverso ruolo che non sia quello di portar acqua al mulino di Renzi.
    Verso un compiuto approdo al partito liberal-liberista-democratico.

  119. mauro zani Says:

    Il quale partito di centro ha comunque bisogno, almeno nei primi tempi, di una, sia pur pallida, copertura a sinistra.

  120. claudiopagani Says:

    Ma,caro Mauro , secondo me sbagli la consecutio temporum ( e non capisco perchè).
    Il primo attacco, micidiale, alla Sinistra di tradizione socialcomunista fu compiuto da Achille Occhetto con la svolta “azionista” ( che corrispondeva ,come hai scritto tu stesso, alla sua idea ).
    Poi ci fu il generoso tentativo di “resistenza” operato dalla “controsvolta” dalla segreteria d’Alema /Zani ( e conseguente vittoria del 1996 con Pds + Rifondazione al 30 % dei votanti di allora che furono l’86% pari al 26 % in cifra assoluta che, ,rapportati a quelli che votano oggi, sarebbe circa il 35%).
    Questa sinistra Post-PCI ( nota bene non dico tout-court post-comunista) fu “brutalmente” e “lucidamente ” assassinata ( su preciso mandato di molti poteri forti) dall’ulivo-movimento di Romano Prodi che ebbe la sua compiuta definizione a Gargonza nel 1997(!) , Poi certo ci furono i DS ,operazione difensiva mal condotta e peggio gestita ( in primis da Minniti) , ma ,ripeto ,fu un’operazione puramente difensiva quando ,ormai, la vicenda della Sinistra postpci aveva preso una china dissolutiva grazie all’ulivo prodiano.
    Vedi ,in realta non cambia nulla perche ,prima o dopo ,siamo stati entrambi sconfitti , ma tu sottovaluti o , addirittura, non menzioni, quanto avvenuto dal 1989 al 1997 e che è ,a mio avviso, estremanente +decisivo del pallido tentativo di fine 1997 che fu chiamato Ds( e che comunque aggiungeva i socialisti di Spini e i cristiano sociali di Carniti ,roba infinitamete + di sinistra ( come tradizione e pensiero) dei renziani e dello stesso Prodi.
    Non dando la giusta importanza ai micidiali anni 1989-1997 ,tra l’altro , tu svaluti il ruolo positivo e molto generoso da te svolto tra il 1994e il 1996.
    Io questo non lo capisco proprio, o forse, lo capisco, ma ,credimi oggi è roba che puo interessare dei “reduci” ruolo che non dovrebbe interessare a nessuno.
    Assolutamente d’accordo su “sinistra” e PD attuale ; credo che pochissima copertura a sinistra venga offerta dai cuperliani a Renzi e il fiorentino ,secondo me ,lo sa .
    Vediamo ,almeno, di ricominciarci a pensare sulla stessa barca .Rivendicare ,oggi, una propria “supremazia ” ( magari anche fondata) serve soltanto a rimandare il tempo di un “nuovo inizio”; purtroppo tra i denti demeriti della sinistra italiana c’è quello di riscoprire continuamente la “sicissione dell’atomo” gia effettuata da Enrico Fermi + di 80 anni fa.

  121. alessandro perini Says:

    si sono daccordo mauro nell’idea che chi ha assainato la sinistra non puo certo ora salvarla e sono daccordo con la ricostruzione di Claudio, tengo a precisare che la mia piu’ che una analisi sull’omicidio a sinistra voleva essere una mia affarmazione di contrarieta’ alla assunzione da parte di Cuperlo della presidenza.

  122. roberto Says:

    Sono in molti ad assassinare la sinistra: piccole cose, ma alle critiche sul viaggio a scrocco della badessa Boldrini e del suo fidanzato (?) quest’ultima ha avuto una reazione stizzita, che ha tirato in ballo anche il sessismo.
    Mi pare che la Merkel sia andata in vacanza a Capri con un volo di stato, e che il marito l’abbia preceduta (o seguita) con un volo low cost atterrato a Capodichino. Eppure uno strapuntino si sarebbe potuto trovare!
    “Da domani tutti in aeroporto, i posti liberi sono gratis!
    il volo è pieno? si ordina un aereo + grande e si creano posti liberi a GRATIS per tutti!”

    • remo tedeschi Says:

      Si può distinguere i voli di Berlusconi ,con Apicella, e zoccole varie
      con il marito/compagno del pres. della camera? allora la moglie di Obama deve seguire il marito con l’elicottero? era meglio la Pivetti come pres.d.camera o Casini? siamo ancora a “peccati” veniali, se sono peccati, dai ragazzi ,attaccarsi se il marito accompagna in sudafrica la moglie ? andate a riascoltare i discorsi della Boldrini, oppure a vederne il suo recente passato.

  123. roberto Says:

    Qui la notizia, ovviamente ricca di dettagli, http://www.ilgiornale.it/news/interni/boldrini-mandela-fidanzato-sul-volo-stato-975838.html

    Per quanto riguarda la Merkel nel 2012 era Ischia e non Capri, e il Corriere mette in evidenza quale sia il vero spread tra Italia e Germania, dove il marito accompagnatore avrebbe dovuto pagare a caro prezzo il viaggio http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/notizie/cronaca/2012/10-aprile-2012/alle-terme-aphrodite-poi-mareangela-merkel-gira-ischia-un-gozzo-2004019672350.shtml

  124. roberto Says:

    Qui la notizia, ovviamente ricca di dettagli, http://www.ilgiornale.it/news/interni/boldrini-mandela-fidanzato-sul-volo-stato-975838.html

    Per quanto riguarda la Merkel nel 2012 era Ischia e non Capri, e il Corriere mette in evidenza quale sia il vero spread tra Italia e Germania, dove il marito accompagnatore avrebbe dovuto pagare a caro prezzo il viaggio http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/notizie/cronaca/2012/10-aprile-2012/alle-terme-aphrodite-poi-mareangela-merkel-gira-ischia-un-gozzo-2004019672350.shtml

  125. mauro zani Says:

    La Boldrini non mi “finisce”…
    E meno ancora Grasso.

  126. mauro zani Says:

    Claudio, non ho mai partecipato ad una controsvolta. Bensì a un tentativo , in parte riuscito, di sbarrare il passo a Berlusconi. l’Ulivo lo concepimmo(è giusto dire la verità) non come orizzonte strategico ma come alleanza politica per conseguire l’obiettivo.

    • claudiopagani Says:

      Beh ,se è cosi, avevate capito male sia te,sia D’Alema( oppure eravate stati presi per il c.. entrambi dal furbissimo Prodi!) .Tanto è vero che Prodi lo “spiegò” subito dopo aver preso la guida del governo nel 1996( con i Vs/ns noti) E lo esplicitò CHIARAMENTE a Gargonza informandovi che non di” alleanza politica” si trattava ma appunto di “orizzonte stategico ” per dare vita all’Ulivo movimento( e rottamare la sinistra come soggetto politico autonomo). A quel punto (1997) D’Alema capi ,fino in fondo , e cominciò una serie di manovre ,anche malaccorte, per sottrarsi ad un destino “segnato”, visto che dietro Prodi c’erano molte forze potenti….E tu ,Mauro ,capisti? Cosa facesti per contrastare lo scivolamento dell’alleanza politica verso “orizzonte strategico” su cui tu ,poco fa, hai ribadito la tua contrarietà’
      Oggi ,a mio avviso , é necessaria la “risposta definitiva” a questi quesiti , visto che si tratta ,a mio avviso , di rifondare una nuova sinistra , criticando o autocriticando i limiti del passato.

  127. Giovanni Says:

    Oggi sono stati cremati i resti del compromesso storico.Una cerimonia giustamente celebrata senza neppure un requiem,ma celebrata da due pretonzoli senza tonaca(Renzi e Letta)che hanno bruciato mediadicamente gli ultimi gerarchi di quel che fu l’idea della solidarietà nazionale
    Coesione e solidarietà nazionale sono sempre stati dalla notte dei tempi del conflitto di classe la negazione diurna del conflitto politico,economico e culturale tra modernizzazione e conservazione.
    Cicerone,di giorno ,al senato e nel foro,predicava la concordia del popolo romano,mentre di notte ordiva omicidi politici contro gli avversari dei beati possidenti
    Pensava fosse possibile conservare lo status quo,in eterno, senza intravedere il pericolo esiziale che sarebbe derivato allo stato dalla repressione delle legittime istanze dei populares
    La negazione di conflitti economici e culturali e’ per definizione la tomba della politica,ovvero il non essere della politica.Se un partito abdica alla sua funzione sociale prima o poi è’ destinato a sparire
    La sinistra,in Italia e’dunque sparita da molti decenni.Da quando e’iniziato quel lungo processo di trasferimento della ricchezza dai più nelle mani di pochi,con la consapevole e volontaria complicità di chi doveva rappresentare e proteggere gli interessi del popolo.nel suo significato genuino
    E’iniziato dai sacrifici imposti da sindacati e partiti di sinistra ai lavoratori ,ai pensionati,ai quali sono stati decurtati retribuzioni e pensioni e proseguito con l’imposizione ai giovani di un precariato perenne
    Oggi nnon c’è chiu’ nnient da togliere ai populares e perciò il progetto di stabilizzare il sistema sconta l’inesorabile declino del paese
    E’tardi per mettere in pista politiche attive del lavoro,perché non ci sono più industrie che possano assorbire lavoratori .Non vi sono più capitali pubblici e privatizzati,perché le banche di sistema sono bancarottate. Non ci sono più soldi per mandare i figli a scuola,perché le famiglie hanno dato fondo ai loro risparmi.
    Siamo messi peggio della Grecia perché da noi le manovre e manovrine finanziarie sono iniziate 30 anni fa
    Tra poco mancherà il gettito fiscale .Lor signori lo sanno ,giacché implorano il rientro di capitali che oggi fuggono più di ieri
    Non ci sarà dunque nuova occupazione perché non è pensabile che le multinazionali delocalizzeranno in Italia e quindi il Pil non potrà che andare ancora più giù
    Che fare?
    L’unica soluzione e’smontare l’edificio eretto dai poteri marci.
    Letta e il Banboccio di Firenze hanno cominciato ad inseguire Grillo con le parole…ma quelli che hanno poco o niente chiederanno sempre di più
    In politica non ci sono “aste a ribasso”
    Non è un caso che i poteri marci han promesso maggiori risorse alle forze di polizia.
    Si cacano addosso
    L’unico ad uscire chiarissimo vincitore da queste esequie e ‘Remo che potrà continuare ad arrostir salcicce alle feste per i prossimi vent’anni
    La retorica non va mai in soffitta

    • claudiopagani Says:

      Tranquillo ,Giovanni, la sinistra ( che esiste in natura) appena “rottamata” rinascerà dalle sue ceneri + forte e libera di prima e ricomincerà a tessere la la sua tela storica di emancipazione delle classi subalterne…Altri fenomeni ,molto + passeggeri , di giusta protesta e indignazione , avranno vita molto meno lunga e prospera( anche se “nellta transizione” e magari alle europee riporteranno lusinghieri successi; anche io potrei ,forse, usarli come taxi ma ,appunto , i taxi, svolgono quasi sempre un percorso molto breve..)

    • remo tedeschi Says:

      Giovanni, hai seguito l’assemblea pd a Milano,? no? male
      discorsone del Renzi, sfidato il caro leader 5st, stà attaccando di brutto, sembra l’Olanda di Cruijf, occhio, ragazzi, resto però vicino a Cuperlino, così a modo…
      Guarda che le salsicce sono un’indicatore economico, se “vanno”
      gira la pecunia.

      • Giovanni Says:

        Certo Remo,ho sentito le scorreggine di Renzie.
        Se continua così,andiamo al 51%
        Meglio per voi sarebbe stato l’esangue Cuperlo cui non sarebbe venuto in mente di proporre uno scambio tra “refurtiva”e rappresentanza popolare

      • claudiopagani Says:

        Caro Remo,non mi stupisco nemmeno + . Sono bastati pochi giorni e poche paroline “dolci” e tu sei già in brodo di giuggiole per il nuovo Messia del Pd.
        E pensare che siamo ,almeno formalmente fino al 31/12, nello stesso partito …La differenza è ;credo, , che io ero già in sofferenza da un pò di anni perchè vedevo la necessita”oggettiva ” di una linea politica diversa con una formula ,diremmo di sinistra , naturalmente da attuarsi da un gruppo dirigente del tutto nuovo ( non dico banalmente giovane perchè per quello bastano le carte d’identità). Oggi a me è chiaro ( forse lo era anche prima ma non me lo volevo dire) che il l contenitore PD ha un’anima essenzialmente moderata/stabilizzatrice ,del tutto inadeguata rispetto alla realtà della drammatica crisi italiana( ecco ,forse, a mia discolpa, si puo dire che la crisi di sistema ha fatto precipitare la crisi strutturale del Pd , che forse poteva restare mascherata + a lungo).
        Io capisco che le mie parole ti siano incomprensibili ma ,credimi, non c’è nessuna malevolenza vs il PD ,nè tantomeno verso di te E ‘ chiaro che , se in linea puramente di ipotesi, io avessi ragione ,sarebbe necessaria una lunga e faticosa traversata del deserto, assolutamente estranea alla massima parte dei tuoi compagni di partito….
        E poi vedi tu ti compiaci che il tuo leader abbia preso di petto Grillo e parli del grande Cruiff; bastassero le parole e alzare le bandiere dell’orgoglio di partito… il vero problema ,e cioè la drammatica crisi materiale delle masse, ,alimenterà a lungo e massicciamente le diverse armate della insoddisfazione alle quali voi correggete “premurosamente ” i compiti NON BASTA ; l’anima moderata del PD potrebbe ,forse, in tempo di pace , ma oggi siamo in TEMPO DI GUERRA. Di + voi, con il vs orgoglio di partito , state “massacrando” i vs piccoli ma essenziali alleati, e da soli contro tutti…
        E poi certo “cuperlino tanto a modo..”
        l’ho già scritto, “troppo poco ,troppo tardi.”

  128. mauro zani Says:

    L’orizzonte strategico dell’Ulivo è superato da molto tempo. T’informo che adesso c’è qualcosa di completamente nuovo e diverso. Cerco di spiegarlo nel post. Sempre che lo si legga.
    E’ diverso perché non cerca rifusioni di vecchie forze in un nuovo “soggetto politico”. Salta a piedi pari tutti i percorsi sin qui immaginati , Ulivo compreso. Anzi secondo me il più interessato a ricoprire di calce viva il cadavere semisepolto dell’ulivo prodiano era proprio Renzi . Scrivo “era” perché l’obiettivo è già raggiunto.
    Siamo molto oltre. Ma su tutto ciò mi esprimerò più diffusamente in seguito. Proprio partendo dalla giornata odierna. In qualche modo uno spartiacque.

  129. claudiopagani Says:

    No ,non ci capiamo proprio.
    A mio modestissimo avviso l’ulivo prodiano ( che certamente non era la stessa cosa del Pd renziano di oggi)) segnava una “discontinuità” con la tradizione socialcomunista e proseguiva ,accelerandolo , il percorso “azionista” nato con la stessa Svolta di Occhetto, e che non poteva non portare al Pd renziano di oggi. Si negò ,allora, che potesse esistere un destino politico autonomo per una sinistra politica ,riformista o radicale che fossero, ( anzi si “giocò” deliberatamente” gli uni contro gli altri).
    In sostanza, sono d’accordo con quanto dice oggi ,e a ragione ; Achille Occhetto che rivendica la continuità del PD di Renzi con la “sua Svolta” ( e se lo dice lui come smentirlo).
    Quindi quella ,che oggi tu chiami Svolta renziana, è semplicemente l'”inveramento” del PDS cosi come concepito da Occhetto ,tanto + che si definisce “blairiano” che non è ,semplicisticamente, liberaldemocratico, ma socialdemocratico molto di destra oppure ,+ correttamente “lib lab.
    Caro Mauro Zani , la svolta VERA ,quella di Occhetto, era assolutamente necessaria , ma fu pensata male, dentro un’orizzonte culturale “asfittico” ( di tipo scalfariano) e gestita peggio provocando risentimenti per lo + non necessari ( a causa di una arroganza/dilettantismo non necessari) e pagando il prezzo di una scissione ,forse, evitabile ,almeno nelle dimensioni che ebbe . Tanto è vero che nel drammatico congresso di Rimini del 1991 , qualcuno , nei miglioristi come nella sinistra del no, propose un assenso a quella politica , in cambio di un pensionamento di Occhetto( forse ci poteva essere la sola scissione dei cossuttiani)…
    E così il legno nacque “irrimediabilmente “storto ” ab imis
    Quindi Il giovane Renzi non ha compiuto” nessuna vera svolta”. Semplicemente ha raccolto quanto già preparato dall’origine e profondamente sbagliato , nei modi , fin dall’origine. Per fare vere svolte ci vogliono vere culture politiche ,come ebbero Occhetto (lquella azionista dei Bobbio per fare solo un nome,) e anche Blair( la svolta fu lungamente preparata dentro la London School of Economics e ,scusate se è poco) E Renzi, culturalmente, è nulla: un pò di boys scout e tanta pacottiglia.

  130. Giovanni Says:

    Eh,progetto o non progetto,Prodi e’ ancora vivo e vegeto e pronto per i progetti a venire.Le etichette non contano.Asinello,Ulivo,Manzo,Castagne
    Per il momento si è accontentato di inviare alla corte renziana la sua domestica portavoce,Zampa.Una Zampa dentro e’meglio di niente,chi poteva scegliere Civati
    Piuttosto,traballa il progetto di stabilizzazione (meglio sarebbe dire di mummificazione)del sistema.
    La Cancellieri e’costretta a nascondersi a San Vittore,tra i carcerati,anziché sfilare alla Scala
    Dopo la sentenza della Consulta ben che vada ci scappa il matterellum. Più facile che non si voti nulla e si vada alle elezioni con il proporzionale
    La crisi economica non la puoi fermare neppure con i carri armati e tantomeno con chi ha soltanto il coraggio di picchiare inermi studenti
    Il voto verrà e ci libereremo da guesto governicchio.
    Chi doveva andare in pensione ,andrà in pensione.Letta e Renzie se vorranno governare lo dovranno fare con noto pregiudicato e in ogni caso dovranno con le loro mani smontare l’edificio,
    Dovranno chiudere la Rai della Venier di Vespa e Berlinquer. Dovranno restringere lo stato dei prefetti,dei pensionati d’oro,dei Rettori farabutti che fanno picchiare le loro vittime,dei banchieri ladroni.dei 3000 e passa governatori della banca d’Italia che si grattano l’ombelico o altro in 120 faraonici palazzi.Poi però ,nonostante tutto non vi saranno i soldi per pagare le tredicesime agli statali e perciò dovranno cominciare a tagliare il personale e financo le folli spese del Quirinale
    L’ingovernabilita e’assicurata.Quelli che non ne possono più li riconosceranno
    Meglio arrendersi prima,meglio scappare prima
    Un nuovo 8 settembre?Sarebbe in linea con la loro tradizione politica

  131. mauro zani Says:

    Claudio. Possiamo continuare a discutere ma tra Prodi e l’azionismo c’è un vero abisso. Te ne renderai conto, spero.
    Quanto alla simpatia per Renzi da parte di Occhetto , ci sta perfettamente. Ma c’entra nulla l’azionismo, quanto la lotta interna del tempo che fu.
    Quanto a Blair secondo te era socialdemocratico , secondo me era un liberista cristiano, come Renzi è un liberal -liberista-cattolico.
    Quello stesso Blair che fece sognare il Nostro.

    • claudiopagani Says:

      Poi non ne scrivo + . Certamente Tra Prodi e azionismo c’è differenza ( non saprei dire chi + progressista, tuttavia; certamente l’azionismo era molto + laico e non si pose mai il problema di riformare addirittura il cattolicesimo ,come ,con grande presunzione fecero Prodi e i suoi definendosi “cattolici adulti” ( mettendo le dita negli occhi a tutti gli altri cattolici e mescolando poltica e religione come tutti gli integralisti); certamente fu un cattolico -liberale il suo maestro Andreatta che ebbe ,tra gli allievi prediletti Enrico Letta . In questo senso vedo una linea di continuità tra Andreatta e Renzi / Letta( al netto del fatto che Renzi è molto + “ignorante”). Ma quello che è + importante ,a mio avviso , e quello che univa azionisti e cattolici -democratici alla Prodi , è la netta “ripulsa ” della tradizione socialcomunista , in forma “acomunista” gli azionisti migliori ( alla Riccardo Lombardi) in forma anticomunista-democratica i prodiani: Entrambi vollero ,innanzittutto a livello culturale, estirpare i socialcomunisti teorizzando la necessità della “loro guida politica” delle coalizioni di centro – sinistra nelle quali le sinistre ( riformiste o radicali ) dovevano semplicemente fungere da portatrici d’acqua. Io ,nel mio piccolo ,non ho mai accettato questa subalternità ( ripeto in primis culturale) e ho pensato/ sperato che il PDS ,congiungendosi ,in fretta , al socialismo europeo e diventando “partito del lavoro”, sfuggisse ad un amaro destino. Tuttavia ,parliamoci chiaro,i alla quasi totalità dei dirigenti PDS e alla “base” di questo non fregò un ca.. visto che l’accettazione della leadership prodiana significava ,in pratica, ministeri a bizzeffe ,sottogoverno in quantita , e ,in Emilia ,mantenimento del potere ,un pò , in cogestione con i prodiani.
      Certo Prodi era “apparentemente” + sociale di Renzi , ma ,bisogna avere presente che i tempi erano ben diversi e per egemonizzare il popolo( da poco) post -comunista bisognava ,indubbiamente essere aperti , al “sociale” : quello che conta sono i fatti e i fatti principali con Prodi furono 2 :
      1) ingresso nell’euro ,alle condizioni della banca centrale tedesca( e ,ancora oggi, capisco i vantaggi della Germania ma NON CAPISCO i vantaggi dei ceti popolari italiani).
      2) Negli anni cruciali della Sua Presidenza della UE ( 1999-2004) NON FECE NULLA ( e in Europa c’erano molti governi progressisti) per dare un’anima POLITICA alla UE ; si limitò ad assecondare le burocrazie di Bruxelles,allargo a dismisura laUE ( da 15 a 27) allentando di fatto i già tenui vincoli politici tra europei e si distinse ,peraltro per allargare ,rapidissimamente, il WTO alla Cina. Su questo il mio giudizio è è FERMISSIMAMENTE NEGATIVO e ,molto ,molto + rilevante delle piccole beghe domestiche con D’Alema.
      Infine ,quanto a Blair ,il giudizio di essere ” un socialdemocratico” di destra non è mio( che conta poco) ma dei laburisti inglesi della sua epoca; a partire da Neil Kinnock che fu il principale bersaglio della” rottamazione blairiana” . Certamente Blair “l’imbroglione” ebbe grandi capacita di leadership anche sul socialismo europeo ( ad esempio nella forma del neue Mitte di Scrhoeder). Non credo che D’Alema sognasse per Blair; semplicemente pensò ,sbagliando, che quello di Blair fosse il “canone” durevole del socialismo europeo e poichè ,temeva ,giustamente, una deriva provincialista del post -comunismo italiano tentò di ancorare il PDS a Blair ( dopo che il PCI era stato cosi a lungo nè riformista ,ne rivoluzionario)

  132. mauro zani Says:

    Giovanni, ti invito a ponderare ancora. La stabilizzazione seppur dinamica e al tempo stesso depressa, può subentrare grazie a Renzi. Il quale non rinuncerà ad ottenere risultati sul sistema politico a breve. Prima delle europee.
    Il PD è partito ormai centrale nel sistema politico italiano.
    Ad occhio e croce lo resterà a lungo.

  133. Remo Tedeschi Says:

    Claudio, c’è anche ironia in quel poco che dico, però io non ti capisco. ma come mai stai SEMPRE su periodi ormai lontani.
    A differenza di te, provo di vedere cosa combina e nulla mi costa
    avere una distaccata fiducia, proviamo a firmare una cambiale.
    Avvertivo, un clima positivo nella assemblea di Milano, se restano uniti, e su un programma, può andare bene quello indicato, per me è un pò velleitario, (sembra risolvere tutto, scuola, lavoro giovanile ,integrazione, moralità , nuove isttuzioni .cultura,ecc.)
    Parliamo dell’oggi, ragazzi, poi la trombata, e sempre lì.
    Viene dalla dc, quindi, … ho visto bene la disponibilità di Cuperlo,mi fido, cosa dire ?, Fallirà, si ? no? Claudio lo sai tu?
    .Poi, rimango del parere che tre milioni di persone che si muovono
    non sono dei pirla,vogliono dire la sua, questo smuove anche la passività di altri elettori. di altri partiti.

  134. Giovanni Says:

    Mauro,dovresti soppesare meglio quello che una volta si definitiva “l’avvitamento della crisi”
    A breve si possono proporre piccoli condoni,che nessuno è’ disposto a pagare.Per l’occupazione o per un po’ di redistribuzione del reddito questi non possono fare niente
    Anche aiuti esterni,come la possibilità di sforare i parametri della Merkel non servirebbero a nulla,perché all’estero nessuno scommette sulle nostre banche piene di BTP e di crediti in sofferenza:i risparmiatori nostrani comprano soltanto BOT oppure debito con una duration di due anni
    Siamo però d’accordo il PD e’un partito centrale in un sistema che sta per collassare
    Vorrei che tu considerassi il difetto di origine del nostro sistema costituzionale
    Il contratto,cioè la costituzione repubblicana,non è mai stata attuata,salvo in tema di protezione del posto di lavoro per chi un lavoro c’è l’aveva e per un’arco di tempo assai breve,dal 1966 al 1975.
    Poi quelle faticose conquiste sono state smantellate.Il sistema pertanto non ha subito significative cesure giuridiche e culturali rispetto al periodo fascista
    Questo aspetto Mauro tu lo hai sempre trascurato,in linea con la teoria marxiana delle sovrastrutture,che il pensatore di Treviri ha incolpevolmente trascurato
    Manca il contratto sociale,manca la parola, come veicolo di incontro tra diverse esigenze e interessi in grado di unire gli uomini
    Oggi la parola si fa Martello per demolire l’edificio,la fortezza dei poteri che stanno conducendo il paese alla rovina.I ceti ex medi non accettano un futuro miserando.I poveri meridionali che sono emigrati fino agli anni 70 del secolo scorso non sanno dove andare
    Mauro i nostri schemi non funzionano più .Tutto è’ terribibilmente semplificato.Per molti si tratta di vivere o morire lentamente,quotidianamente.
    Renzi?Anche se fosse un grande leader non riuscirebbe a far nulla.
    Manca una classe dirigente all’altezza del compito:rimettere in cammino un popolo partendo dalla fondamenta dello stato
    La sinistra e la destra sono ormai categorie della storia,la differenza specifica di domani sarà tra democrazia economica e oligarchia economica
    Ecco dobbiamo semplicemente mettere fuori legge l’oligarchia economica e fuori dallo stato,la religione ,ancella del potere da sempre.
    Politicamente parlando fascismo e clericalismo
    Sarà forse un caso che oggi Letta ha invocato l’aiuto dell’ebraismo,la religione degli oligarchi?

  135. Giovanni Says:

    Leggo Scalfari e mi viene torna in mente “L’autunno del Patriarca”
    Attacca persino una borghese ,come la Spinelli.Ticordati che sei la figlia di tuo padre.Lo capisco deve difendere il suo padrone che al contempo e’indebitato con le banche per due miliardi e incassa 150 all’anno di profitti.E poi Barbara Spinelli ha la colpa di aver autorizzato Travaglio a pubblicare le memorie del marito Padoa Schioppa,che svelano le insidie quirinalizie
    Non si usano i libri per tradire le proprie origini,dice l’ottuagenario in camicia nera

    • Remo Tedeschi Says:

      Diciamola tutta, critica la Spinelli per l’apertura che fa al Grillismo, gli ricorda la cultura Europeista del padre.
      Certo che Travaglio , lo prendi a giorni alterni, quando ti fà comodo
      per me fetente era e tale rimane, era leghista, dipietrista, ingroiano e ora grillino, potrebbe diventare renziano, scriveva sul borghese e sull’unità. e fa la morale a tutti.
      Scalfari in camicia nera, sai Giovanni, quanti anche nel primo pci sono stati nella guf? e allora….

  136. Remo Tedeschi Says:

    Possibile, che ancora , si va a proporre accordi vari con i 5stelle?basta, comincia a lavorare nuovo seg.pd!! Grillo,
    è ,ormai partito di testa, solo così ha una funzione, urla , offende, è impazzito, ingovernabile, insopportabile, ma si fà così politica? e dire che ha un’occasione storica per avere meriti, governa con qualcuno, fai pesare la tua forza.entra nel governo del paese. Grillo non vuole muoversi da un ruolo di fustigatore, e non sono riusciti nemmeno a fermare un inceneritore(Parma).

    • claudiopagani Says:

      Io non condivido nè lo “stile” , ne gli obiettivi di Grillo. e tuttavia lui ha intercettato una necessità “storica” di parte significativa dell’elettorato. Questo elettorato sente ( magari in maniera primitiva) che la crisi si sta avvitando e , nello stesso tempo, non vede nessuna forza politica ,nel campo del centro-sinistra ,che non sfidi Grillo ,a parole , ma che si faccia carico di una proposta di cambiamento ” drastico” a favore dei ceti ( medi impoveriti o popolari ) che + stanno pagando la crisi ,ad un tempo, del capitalismo finanziario globalizzato ,del modello di UE ( a egemonia tedesco-austeritario) e della crisi specifica italiana ,schiacciata da un ventennio di crescita quasi zero. Nel campo del Centro-destra ( da cui proviene circa il 60% del M5ST) si stanno muovendo Berlusconi e la lega di Salvini per riportare “a casa questi “elettori “delusi ( e in parte ci riusciranno a partire dalle prossime europee)
      Nel Centro- Sinistra ,in pratica il PD renziano , si pensa solo ad esorcizzare Grillo ( come già fece Bersani immaginando che il M5st fosse una corrente esterna) ,al + “sfidandolo ” sul tema dei costi della poltica :ripeto ;caro Remo; troppo poco e troppo tardi. Ci sono motivazioni profonde che attengono ad una “crisi del sitema Italia” non + in grado di creare ricchezza, problema che nessun partito tradizionale ha le categorie giuste per affrontare.Certo Grillo non è la soluzione, ma fino a che lo considerate un “matto “estemporaneo ” e non l’indice di un malessere sociale drammaticamente radicato, Lui continuerà a crescere sulle vs insufficienze. Io non ne sono contento , ma finchè non si affronta il “toro per le corna” e si pensa che basti un’aspirina somministrata da un giovane medico, affiancato da tante giovani infermiere, e non si da luogo ad una robustissima terapia antibiotica, il sintomo ( e cioè il M5ST) crescerà.
      Ripeto a destra si stanno attrezzando ,mentre il PD pensa alla legge elettorale per fare vincere meglio Renzi. Ci sarà poi questa vittoria annunciata?!

  137. Giovanni Says:

    Più che una forte terapia antibiotica,sarebbe il caso di pensare ad una prostactomia radicale,da praticare ai soggetti che compongono il “Corpo del Re”(Kantorowicz)

  138. Remo Tedeschi Says:

    Tardi?,forse, ma oggi devi partire e non sbagliare. Speriamo sia finita la telenovela delle primarie,con un’assetto che integri almeno il 90% delle “fazioni”, coscienza del ruolo politico, per frenare la disgregazione sociale. Dice Renzie dobbiamo essere il partito del lavoro, allora incontra le banche, e fuori la pilla, sblocca il patto di stabilità, fai lavorare gli enti locali, (cose dette ,per onestà, anche da Bersani). Bisogna fregarsene dei 5st, sono lì per non fare una minchia, trattasi di sciacallaggio politico che Letta e il nuovo pd deve battere con il”” faare” (Crozza)
    Anche intervenire nelle tematiche europee, C:Maltese faceva una disamina su quello che succederebbe uscendo dall’euro,
    fuggi fuggi dei risparmi all’estero,spread a 1000, default del paese
    aggiunge che a portare i soldini fuori ci sarebbero in prima fila gli antieuropeisti.
    ps
    adesso provoco te e Giovanni, cosa ne pensate della nuova vicepresidente pd , non ricordo …… ma sì è lei Sandra Zampaaa

  139. Remo Tedeschi Says:

    Claudio, dimenticavo , ho finito di leggere il libro della Bonsanti, c’è una postfazione di Zagrebelsky, notevole, che integra l’esperienza diretta della giornalista, con un discorso sullo Stato e sua “natura che può essere davvero un “manifesto” di programma del nuovo pd,
    spero ,venga letto , discusso e integrato.

    • claudiopagani Says:

      Che noia ,Remo, con ‘sti giornalisti di Repubblica! E poi dici che sei del PD; no sei del partito di Repubblica! Però sappi che Repubblica si è sempre sbagliata nel “farvi” scegliere il segretario!
      Occhio ai brutti risvegli!

  140. Giovanni Says:

    Remo,vedo che non hai perso neppure un giorno di lavoro.Nella continuità più assoluta ti sei messo a fare markette per Renzi
    Certo che Mauro da casa può contarvi anche i peli del culo

  141. Giovanni Says:

    Caro Mauro ,pare che il mestolo sia scappato si mano a Napolitano, Comincia a traballare
    Remo no ,si è già accasato e pare stare a suo agio.i tuoi polii prossimi li conosci davvero a fondo

  142. Remo Tedeschi Says:

    Macchè marchette, siete preoccupati che un gruppo di giovani dirigenti ci prova a cambiare le cose? , Renzi non è solo, ci sono altri che la pensano diversamente e che forse si comportano (speriamo)
    senza vendette meschinerie varie del passato.
    Claudio, Giovanni e altri dovete solo fare una cosa , giudicare a tempo giusto l’operato di questa nuova classe dirigente
    Avete nostalgia di Prodi? Veltroni? D’Alema?
    Claudio il partito di Repubblica esiste solo nella tua testa, e nei tuoi metafisici discorsi, convinciti., sempre pieno di complotti massonici, su andiamo, meno film di H.Potter

    • claudiopagani Says:

      No, dell’esistenza ,di quel partito ,tu ,caro Remo sei la prova vivente ( e insieme a te centinaia di migliaia di pseudo-miltanti del PD). Vi hanno fatto il lavaggio del cervello( mentre i partiti precedenti il PD non facevano minimamente formazione politica) e oggi raccolgono il frutto di quel lavoro. Quanto ai miei “metafisici discorsi ..e ai complotti massonici…” , ti ricordo che:
      1) La loggia P2 era una loggia massonica e attuò EFFETTIVAMENTE un complotto contro l’ordinamento dello Stato ( commissione Anselmi)
      2) il massone Verdini ( quello di Forza Italia) portò molti militanti del PDL a votare Renzi , nelle primarie del 2009 che incoronarono Renzi candidato Sindaco.
      3) Il padre di Renzie oltre a essere un democristiano è un massone , amico di tanti massoni toscani ( regione nella quale ,da sempre, la massoneria è fortissima).
      4) la Massoneria italiana è parte integrante di quella lobby ebraica che è tra i principali sponsors del sindaco ( basti vedere il ruolo del principale consigliere economico del pupo tale Yoran Gutgeld che fu ,un tempo, responsabile della spending review del MINISTERO DELLA DIFESA dello Stato di Israele ;abitando alcuni anni a Tel Aviv).
      Quanto all’apertura di credito che tu fai a Renzi e alla “giovane classe dirigente” sei liberissimo di fare quello che vuoi , ma noto che sei passato ,in pochi giorni, dall’affermazione, fatta in questo blog, che non avresti + preso la tessera del Pd di renzi ad una apertura di credito entusiastica ma ,anche su questo aspetto , ognuno è libero di avere le contraddizioni che vuole. Secondo me tu appartieni a quella categoria di militanti emiliani che “se la fanno sempre andar bene” e che ,comunque, sono sempre schierati con il segretario pro-tempore( Occhetto ,D’Alema, Veltroni, Fassino,Veltroni ,Bersani e ,oggi , Renzi); in Veneto questo atteggiamento si chiama “doroteismo”.
      Quello che tu ,forse , chiami “metafisica, è un tentativo ,da parte mia , di rileggere la storia del post-pci per vedere in che punto e su quale vera questione, si è iniziato a sbagliare; infatti ,secondo me, se non si comprende questo ,si e’ condannati a ripetere ,in eterno i propri errori; io non mi accontento della “assoluta banalità” secondo la quale c’è un solo grande colpevole o ,alcun grandi colpevoli . No, gli errori sono errori POLITICI.
      Io ,nel mio piccolo , resto coerente, con quanto affermato ,in questo blog ,il giorno delle primarie “ad urne aperte”; MAI con PD di Renzi! e mi batterò con le mie limitate forze per costruire una forza Democratica e Socialista che raccolga quelli (ormai pochi) che si ritengono sinistra del PD, quelli ( di+) che per disperazione votano Grillo e quelli che ,sfiduciati , non vanno + a votare…

      • Remo Tedeschi Says:

        Credo che una prova di fiducia va data ai quarantenni, la mia reiscrizione , verrà (se verrà) dopo aver constatato un avvio ,concreto, tangibile e serio di questa segreteria, non dico balle . stanno marciando bene ? ok no? allora ,adieu: ( Comunque, non è un problema, per nessuno)
        ho partecipato al congresso di zona , non ho visto nessun emissario di Repubblica a verbalizzare l’evento. saluti

  143. Giovanni Says:

    Ahahah “nuova classe dirigente”Che parolone Remo.Pero’ per condurre le pecore a ben pensarci basta un pecoraio Invece per le pecore che hanno giudizio ci vuole un venditore di pentole.Quei venditori che si vedevano nei mercati paesani e che esordivano immancabilmente dicendo “signori” qui non si fanno “giochini”ma si vendono pentole di qualità ….
    Remo sei ancora incantato dall’uomo delle pentole ,come Pinocchio dal paese dei balocchi
    Il resto della favola dovresti conoscerla per averla già sentita più volte

  144. Remo Tedeschi Says:

    Giovanni, il politico che più assomiglia a un pecoraio,nei modi e nel look ,sai benissimo chi è, è furbo, però, a fine giornata tira la somma delle entrate pubblicitarie del blog, sembra che assieme all’altro pecoraio la sfangano sui 7/8 milioni annui a testa, che poi è un finanziamento pubblico ,di fatto. bravo ,contribuisci,(ha intravvisto una nuova zona, in Costa-Rica, ….)

  145. Remo Tedeschi Says:

    E’ in forma ,non c’è dubbio, vince in trasferta nettamente, anche di notte sbaraglia il confronto, ironico, preciso, e non affonda, per rispetto , chi è ? ma non lo capite da soli?

    SCALFAROTTO poi canta quella di Caparezza
    vivere in puglia

  146. Giovanni Says:

    Lunedì il PD restituirà il malloppo di 45 milioni,a prescindere.
    E Grillo canterà meritata vittoria
    E’solo l’inizio.
    Tra deputati,ministri,consiglieri,sindaci,assessori,portaborse,portavoce ,consulenti,giornalisti,imprenditori,banchieri,assicuratori,faccendieri,preti,mafiosi e camorristi,un milione di individui vive di mala politica in Italia
    Il costo di queste sanguisughe diretto e indiretto,compresi i danni da corruzione e peculato e’pari ad un terzo della spesa pubblica 250 miliardi di euro
    La semplice decimazione di questo insostenibile obbrobrio nell’arco di due anni porterebbe alla soluzione di tutti i problemi che gravano sul Paese saccheggiato e sui cittadini che non possono più neppure riscaldare le proprie case
    Non si vergogna Bersani a incassare 15 mila euro al mese,oltre la scorta, dopo aver ridotto in miseria centinaia di migliaia di concittadini con le sue liberazione
    E la Zampa illegittimamente sedente in parlamento,che non ha mai lavorato in vita sua prima di essere nominata da Prodi,dovrà restituire il malloppo in base alla sentenza della corte costituzionale o no?
    Questa gente andrebbe trascinata in tribunale.

  147. Remo Tedeschi Says:

    hai, dimenticato chi fà milioni con il web.

  148. Remo Tedeschi Says:

    Però anche Grillo dovrebbe restituire i milioni elargiti sul suo conto dalla televisione fanfaniana, clericale e vaticana del Bernabei, milioni per sparare cazzate.

    • claudiopagani Says:

      Ma che c’entra quando faceva il comico? Allora fu cacciato ,dalla tv, per aver dato dei “ladri” ai socialisti? Scommetto che,allora, eri entusiasta ,Remo. Capisco che Grillo vi ossessioni, ma lui ha intercettato un malessere profondo delle masse e per ridimensionarlo bisognerebbe risolvere i problemi di “sfiducia profonda” e anche di “risentimento” che si sono accumulati nel tempo ( come minimo a partire dal governo Monti e dalla riforma delle pensioni con annesso problema esodati). Per farla breve ,servirebbe un partito di “sinistra” che fosse avvertito come davvero vicino alle masse popolari massacrate da 6 anni di crisi e che ,a tutt’oggi , non vedono nessuno davvero interessato ali loro drammi; se non capite questo , anche il PD di Renzi andrà a sbattere contro un muro.
      Ribadisco che a me Grillo non piace nè nei contenuti , nè nelle forme; ma cosa vuoi che importi ai tanti “disperati” che non vedono “nessun futuro ” per sè e i propri figli? E voi gli rispondete con le Primarie e con le ambizioni del giovane Renzie. Sveglia ,Remo , è già molto ,molto tardi.

  149. Remo Tedeschi Says:

    Claudio, oggi anche il partito di Grillo deve rispondere ai contribuenti emiliani ,compreso Giovanni, dei 200.000 euro rimborsati a due , (2) cons. reg. 5stelle, capisco che tv , e divani firmati, costano .
    Se vai nella zona est di Parma vedi un” camin che fumano” è l’inceneritore che grillo diceva.. non partirà mai! governano così
    Claudio ,dagli il voto, poi lo dico io Svegliati !

    • claudiopagani Says:

      Veramente il problema non è il voto , ma capire le motivazioni profonde che ci stanno dietro… Penso che ,quasi nessuno neanche i + fanatici, pensino davvero che Grillo sia la soluzione, tuttavia non vedono risposte all’altezza da nessuna parte.
      E’ un pò come quando agli inizi degli anni 90 , molti operai del nord,ex -pci, ritenendo la svolta PDS poco in sintonia con i loro interessi materiali ( ah, ristudiare un pochino Marx)! ,votarono la Lega ( nonostante che Bossi fosse molto poco politically correct)

  150. Andrea Says:

    Per chi vorrà seguirmi in Fb:

    https://www.facebook.com/andrea.ventura.182

  151. Remo Tedeschi Says:

    Claudio, la Lega aveva anche argomenti piuttosto suadenti, ricordi la questione del permanere a livello locale una % maggiore del dovuto fiscale centrale, federalismo e macroregioni.
    Per me qualcosa si poteva “prendere” ad esempio una maggiore autonomia finanziaria delle regioni, rapporti industriali diretti.
    Chissà anche il federalismo…. ma forse bisognava farselo organizzare dai tedeschi o dagli elvetici, siamo cronicamente mariuoli.

    • claudiopagani Says:

      Siamo quello che il ns ritardato svuiluppo economico e l’egemonia plurisecolare della Chiesa Cattolica Romana ( mai
      riforma protestante, mai qualcosa di analogo alla Rivoluzione francese) ci consentono di essere… Certo che la conquista della guida del PD da parte del cattolico -tradizionalista Renzi è del tutto in linea con questa storia e certamente non segna nessuna rottura di quel paradigma culturale che sta scavando un vero abisso tra noi e gli altri paesi svilluppati dell’occidente ( non c’ è nessun dna che ci rende strutturalmente “mariuoli” ,quanto piuttosto una cultura o , meglio, subcultura che ci tengono ai margini della modernità).
      Proprio per questo e ,quindi , innanzittutto per motivi culturali e cultural-politici, che sono IRRIMEDIABILMENTE AVVERSO alla svolta renziana del PD

  152. Giovanni Says:

    Chi salva il cumulo tra pensioni d’oro e super stipendi ?
    Il Pd
    Chi salva gli affitti d’oro che lo stato paga ai magnaccia?
    Il Pd
    Remo,siete un partito di sporcazzon

  153. Remo Tedeschi Says:

    Ma come ,Giovanni , ricordi quella frase… voi porterete l’Italia alla rovina , e toccherà, noi comunisti.. risollevarla !!
    guarda che sarà ,così, macchè sporcazzon guarda i volti dei “nuovi” li credi capaci di tali p………te ? sono ..disguidi, come la questione Comuni-slot, abbi fiducia.

  154. claudiopagani Says:

    Più sento parlare Renzi , più aumenta in me la voglia di…votare Grillo per pura protesta. Povero PD ,in mano ad una cuccuzza vuota, ma con tanti potenti suggeritori ( oggi leggo sull’Huffington Post l’entusiasmo del duo Della Valle-Briatore)!!!!

  155. Remo Tedeschi Says:

    La proposta che viene da Nomisma, patrimoniale sui 1130 miliardi
    giacenti, cioè 113 miliardi subito, (10%) è da sostenere subito, poi
    dite di Prodi, eh, è ottima, ma anche Grillo tace, spero la sostenga
    Landini, Camusso, Rodotà, Cuperlo, Vendola, ma non se ne farà nulla, tutti hanno paura di andare a toccare,zone intime. anche gli amici di Giò.

    • claudiopagani Says:

      Ti informo che Modiano il “banchiere rosso” , presidente di Nomisma , marito di Barbara Pollastrini, nonchè “amico personale ” di MDA da illo tempore, è l’autore della proposta ( che condivido anche io al 100%) e che non verrà MAI inserita nell’agenda politica perchè “lorsignori” si sono ormai impadroniti di tutti i partiti ( compreso il PD di Renzi lo sciocchino) :tuttavia l’unico modo per tornare a respirare ,in Italia, sarebbe proprio quello indicato da Modiano/Nomisma , perchè ,per creare posti di lavoro, non servono le chiacchiere di Renzi lo sciocchino, ma grandi investimenti privati/pubblici ( o yes) che sarebbero possibili solo con una grande patrimoniale che servisse ad abbattere il debito Pubblico. A questo proposito ,2 o 3 anni fa, Giuliano Amato( se ne può avere qualsiasi giudizio , ma è uno che ne capisce) fece una proposta ,in forma di articolo su Il Sole 24 Ore, ancora+ radicale , di importo pari al 30% dei capitali giacenti e nessuno ,dico nessuno , lo accusò di essere un “comunista”.
      Di questo dovrebbe occuparsi la politica ,e invece si occupa di “fuffa” e dei sospiri di Renzi lo sciocchino. I cittadini normali ,ovviamente, sono sempre +incazzati…

  156. Giovanni Says:

    Si può fare il prelievo forzoso insieme ad una taglio delle spese di 250 miliardi,a cominciare dal taglio,anzi dalle eliminazione degli affitti d’oro,considerato che lo stato italiano dispone di migliaia di immobili vuoti o abitati da fantasmi
    Si comincia a vendere alle grandi catene alberghiere (Hilton ecc) Castel Porziano,Villa Panphili,la ‘Casupola di Napoli,il Quirinale ,Palazzo Madama,la sede del CNEL ecc.Tutti i dipendenti possono essere prontamente riutilizzati per la bonifica della Campania e di tutte le discariche d’Italia
    Finito tale lavoretto entro dieci anni possono essere nuovamente impiegati per riparare le strade dissestate e demolire tutte le opere inutili e/o incompiute d’Italia
    Oh stipendi non superiori a quelli degli operatori ecologici 1200-1500 euro
    Poi si mette una bella norma transitoria nella costituzione(i saggi napoletaneschi non ci sono ancora arrivati)in cui si scrive che per i prossimi 20 anni la pensione di chicchessia non può superare 5000 euro mensili,che i dipendenti pubblici o ex pubblici non possono avere consulenze da tali enti ed infine che i dipendenti pubblici di qualsiasi ordine e grado devono andare in pensione entro 65 anni
    Prima c’è lì togliamo di torno più risparmiamo
    Poi si passa alle cariche sociali
    .La norma e’semplicemente quella applicata negli Stati Uniti :a 65 anni tutti a casa
    Il primo dovrebbe essere Bazoli l’amico di Prodi
    Non vorrai Remo che i risparmiatori italiani svuotino le proprie tasche per riempire quelle dei soliti noti
    Poi basta con la iacovella degli appalti:ti pare che per rifare 80 metri di tetto di Palazzo D’Accursio ci vogliano 10 professionisti 291 mila euro e 10 mesi di cantiere
    Acca nisciun e’fess!
    Vero Milli?
    Ma dove sei finita

  157. Giovanni Says:

    I buchi più grossi nel sistema bancario italiano,al netto di Zale,l’amico dell’amico,li ha fatti Unicredit Banca d’impresa,prestando soldi a tutti i mattonari d’Italia.
    Indovina Claudio chi dirigeva le imprese dei mattonari?
    Modiano ,naturalmente.
    E non pensare male del “Banchiere”.
    La sua colpa massima e’di non sapere niente sul ciclo del mattone. Ma ancor di più di non sapere come funziona un derivato
    Cosa vuoi pretendere da un “bocconiano”di rito prodiano
    Ora sto c…vorrebbe che noi coprissimo i buchi,anzi le voragini di Unicredit ,che ha la pancia piena di mattoni falliti e che sta pagando montagne di fideiussioni
    Se Remo crede alla bontà delle proposte di Modiano,sia perdonato.
    Ma tu come puoi crede ai buoni propositi di questi qualunqui?
    Non vedi l’abuso che fanno dei depositi postali?
    Farinetti,l’amico di Renzie,ha prenotato 350 milioni dalle poste a gratis
    Poi tutti correranno a sottoscrivere altri 700-900 milioni quando sarà quotata in borsa eataly
    I risparmiatori non decideranno nulla.Sia chiaro
    Saranno le banche di “sistema ” a fare una bella “spalmatura”sui portafogli gestiti
    Ma insomma è da sempre che le banche italiane fanno prelievi forzosi sui patrimoni degli italiani

    • claudiopagani Says:

      Se proprio non ti piace Modiano ,considera la proposta di Amato che ,ripeto , ha tanti difetti , ma sa quali sarebbero davvero le soluzioni.Una robusta patrimoniale o la facciamo noi ,da soli, o ce la imporrà , manu militari , la troika perchè cosi l’Italia non può proprio andare avanti e senza crescita il debito cresce continuamente. Solo riportando il debito verso il 100% ,potremo riprendere un po di sviluppo ,con un ciclo di investimenti adeguato:del resto con Cipro la troika ha gia fatto cosi. A mio avviso la festa sta per finire e ,dopo il disastro inevitabile dei partitii di governo italiani alle prossime europee , la Germania che DEVE salvare l’Italia, se non vuole andare essa stessa in grave didfficoltà, dichiarerà cessata la credibilità della politica italiana e ci manderà i commissari e allora..
      In fondo non tutto il male verrà per nuocere e, dopo altre durissime sofferenze ,l’italia ,forse ,si rimetterà in cammino.Certo nessuno ,in Europa consentirà a Renzi, e ai suoi boys scout, di gestire un paese cosi malmesso, nè ,tantomeno, di lasciar continuare l’ignobile pagliacciata che è oggi (tutta) la politica italiana

  158. Giovanni Says:

    Taddei da Bologna,un po’ balbuziente,civatiano,prodiano ,renziano,e’andata dalla Gruber una settimana fa per esporre idee e programmi inesistenti.
    Si è presentato come un professore di macroeconomia
    Sti giovani non hanno nemmeno un pelo di pudicizia
    Adesso si scopre che deve ripetere l’esame di assistente universitario.Insomma un Asino senza orecchie
    È state in campana se non volete essere sputtanati il giorno dopo
    Remo,Remo,ridacci i vecchi puzzoni

  159. Remo Tedeschi Says:

    Però, Giovanni, l’assemblea delle Aldini, volevo dire i grillini, vogliono che tutti i parlamentari caccino quattrini per la piccola e media impresa , va bene tutto, ma anche la “merciaia” di corticella ha portato soldi oltr’alpe, e pò.. la “ziga”,! (come i gatti), anche per di lì non vanno a buon fine. come dice Crozza -Razzi …. amico stai attento ,questi ti fanno il ……….

    I vecchi….p. troppo tardi, se Grillo voleva un pò di bene al buon Pierluigi,…….

  160. agostino Says:

    Caro Giovanni più ti leggo e meno condivido quello che scrivi.
    Per quanto riguarda la ricostruzione storica fai risalire i guasti dell’Italia al compromesso storico. Tesi assai ardita e alquanto discutibile. E per il presente? Sostieni, cito testualmente: “dobbiamo semplicemente mettere fuori legge l’oligarchia economica”. SEMPLICEMENTE? MI sembra che tu la faccia facile.E chi dovrebbe fare questa cosina così semplice se, come sostieni,
    “destra e sinistra sono ormai categorie della storia”? Io mi ostino a pensare che destra e sinistra non siano affatto categorie della storia. Ma forse mi sbaglio.

  161. Giovanni Says:

    Buon natale Remo Come vedi la grande politica Pentastellare espressa con una ferma opposizione al peggio governo di sempre ,ha costretto il Quirinale a scendere dal Colle
    Sai parlare di salvare Roma e si prevedeva il condono per chi ha devastato le spiagge guadagnando miliardi,da Viareggio a Rimini
    Anche Rutelli insieme a Lanzillotto voleva regalare le spiagge ai bagnini che pagano qualche migliaio di euro per la concessione.
    Poi c’è anche chi a milano Marittima vende una concessione per 3 o 4 milioni esentasse
    Questi sono i magnaccia che proteggete
    Anche la bottegaia di Corticella ,prima protetta dai democristiani poi da Berlusconi oggi e’protetta da voi ,così come proteggete l’orefice che dichiara un reddito esentasse di 8000 annui
    Se costoro guadagnano così poco dalla loro licenza di commerciare e allora gli sia revocata la licenza,così non possono fare più le loro porcherie
    Vedi Remo i Pentestallati non devono nulla a nessuno,vengono dal nulla,ma puliti.Possono attaccare tutti gli interessi precostituiti.
    L’aveva promesso Grillo”il parlamento sarà aperto come una scatola di tonno,per mostrare il verminaio che contiene aggiungo io

  162. Giovanni Says:

    Caro Agostino tu probabilmente hai aderito con entusiasmo all’idea del compromesso storico ,io no
    Tu ,Claudio,Mauro e persino Andrea siete implicati nella diffusione del verbo berlingueriano,io no
    Difficile per voi ritornare sui vostri passi e ammettere i vostri errori.
    Difficile per voi riconsiderare l’antitesi politica tra il partito delle “mani pulite”e la sospirata alleanza con i clerico fascisti della DC.
    Come fini la politica del compromesso tutti noi lo sappiamo.
    Certamente non potete continuare a dire che fallì perché la dicci e gli americani assoldarono Moretti,
    Poi passando all’oggi problema si può semplicemente risolvere tagliando la “testa del serpente”
    Il boa che strangola l’Italia e’la stretta alleanza tra l’oligarchia economica e i politici di ogni risma,salvo qualche rara eccezione.
    Per eliminare la testa di un serpente basta un colpo secco e convinto
    Si può fare e’più facile di quanto pensi
    Certo bisogna alzare il culo dalla poltrona

    • claudiopagani Says:

      Caro Giovanni ,buon Natale anche a te che pure in questo giorno diffondi il tuo verbo.
      In grande amicizia ,e a proposito di compromesso storico, ti replico che è meglio aver torto “in compagnia” che “avere ragione” (si fa per dire) da soli, o con pochissimi, perchè questo è il tratto distintivo di quell'”individualismo piccolo borghese” che tanto ha conflitto nella storia con la SINISTRA.
      E stai tranquillo ,la Sinistra ( niente a che fare con il modesto PD italiano che è un puro accidente) esisterà sempre dove ci sarà un gruppo di persone che cercherà “metodi scientifici” per combattere lo strapotere dei gruppi economici dominanti e ridurre l’ingiustizia sociale (,purtroppo via ,via crescente nel mondo globalizzato). Certo con le parole e gli slogans si “abbatte” tutto in un secondo, ma se, faccio un esempio , nell’ottocento non ci fosse stato Karl Marx e il “socialismo scientifico” e le leghe operaie , i bambini italiani lavorerebbero ancora 14 ore al giorno…
      E comunque onore a te che provochi dibattito politico anche in questo giorno

      • Giovanni Says:

        Mi chiedo,o Claudio,come uno spartachista,quale sei,possa aver sposato il compromesso storico e votato il PD
        E tempo che il vostro conformismo storico sia rivisitato a dovere,con scrupolo e la dovuta autocritica
        Il problema della giusta ripartizione dei beni e delle possibilità ,in una parola della giustizia, pre-esiste alla sinistra,risale alla notte dei tempi
        La legge,che limita il potere del più forte,può produrre giustizia
        Le leggi che proteggevano i lavoratori in Italia sono state cancellate,a partire dal compromesso storico.Potrei farti l’elenco,ma oggi e’il natale dei cristiani e voglio anch’io essere indulgente
        La mia speranza e’che il raziocinio rapisca le menti di tutti coloro che hanno imboccato le scorciatoie in luogo della via maestra,come Cappuccetto Rosso,per finire in bocca al lupo

  163. Giovanni Says:

    Ps Agostino,come si fa a sostenere che oggi esiste in Italia un partito di sinistra,che fa politica di sinistra e che l’ideologia della sinistra che fu sia autosufficiente a rappresentare una realtà mutata radicalmente nel mondo
    Dove sta’la classe operaia,dove sta il ceto medio,dove è finita la borghesia,la famiglia,l’arte,la musica classica il teatro e il balletto classico dell’800
    Chi è l’uomo oggi?
    Può essere descritto e rappresentato dal vecchio pensiero di sinistra?
    Cosa ne pensi delle donne che si infilano un pollo nella vagina?Parlo delle Pussy Riot
    Dopo aver dato una risposta a queste e altre domande anche tu non potrai concludere che la la sinistra oggi e’soltanto una categoria della storia passata e non di quella che sarà

  164. Milli Says:

    Da ” Lapidi per gli uccelli ” di Fernando Bandini

    E tutta questa gente che mi supera
    senza voltarsi indietro, non badando agli ehilà

    che grido alle sue spalle
    ( spalle piegate in avanti nello
    sforzo di andare più in fretta più in fretta )

    Non li ho veduti in viso e non mi hanno guardato
    Erano indifferenti agli incontri sporadici
    ai saluti e agli allarmi

    E vanno ( me lo mormora la mia bile crepata )
    al posto che anch’io so, che vorrei anch’io
    Con nuche altere e certezze nel passo
    caracollante e superbo quali
    nella mia vita ho mai osato

    Ma io non vado verso, io mi sono fermato,
    per questo qualcosa riesco a vedere

  165. mauro zani Says:

    Mah. L’ossessione del compromesso storico come causa di tutti i mali persino quelli anteriori. E’ un’ossessione nulla più. Roba che non c’entra con la storia, la società e la politica. Materia per psicoanalisti.
    Quanto alla sinistra , sì hai ragione. Concordo. La classe operaia, Giovanni, invece esiste. Eccome. E’ di molto cresciuta e nel contempo frantumata e smarrita nell’erosione accelerata della classe media. E’ diversa dall’800 e pure dal ‘900. Solo che oggi bisogna riconoscerla altrove. In luoghi diversi dalla grande fabbrica fordista. Ma tu lo sai bene. Fai solo finta di non saperlo. Il vero problema – per dirlo in modo “classico”- è che non c’è più da molto tempo, con la sconfitta della sinistra, “la classe per sé”.

    C’è stato un tempo in cui pensavo a questa scomparsa di coscienza come (dialetticamente)ad un progresso, ad una realizzazione, ad un avanzamento , al risultato di un affrancamento non solo materiale.

    Poiché è giusto che la persona-operaio possa riscattare la propria originaria condizione.
    In altri termini era una scomparsa che realizzava una presenza nuova e piena.
    Non solo operaio ma persona a tutto tondo.

    Perciò non son mai stato operaista.
    Può esserlo, razzisticamente, solo chi l’operaio non l’ha mai fatto ma solo studiato.

    E’ avvenuto però l’esatto contrario.

    Non c’è stato avanzamento e superamento dialettico nella storia concreta della fine del novecento.

    All’opposto.

    C’è stato un arretramento drammatico i cui risultati già si percepiscono ma si vedranno ad occhio nudo solo tra qualche tempo.

    Di questo arretramento non possono accorgersi quelli che “studiano” al calduccio i fenomeni sociali.
    E anche quelli che nel PD s’ostinano a darsi una veste di tenera sinistra.

    Loro si ostinano a credere (o forse nulla gli frega) che la scomparsa di ciò che un tempo solevasi definire coscienza di classe è solo l’ovvio riflesso di un processo liberatorio destinato , nonostante la disperante evidenza empirica degli ultimi cinque lustri, a costruire le condizioni per una società più libera.

    D’altro canto la cultura liberista ancora imperante , seppur sempre più mascherata,(vedi il PD) ha largamente diffuso una “falsa coscienza” quella cui s’abbeverano, inconsapevoli, molti tra i seguaci di Grillo.

    Quanto all’Uomo, beh è tutt’altra faccenda…

  166. Giovanni Says:

    Mauro,condivido,il compromesso storico ,e’un ‘affare che appartiene alla psiche,più esattamente alla psico-storia del PCI
    Complicato parlarne. Ne’ era mia intenzione tornarci su questo blog se Agostino non mi avesse tirato per la manica
    Proverò a scriverci un libro per quelli che lo hanno subito
    Quanto alle classi sociali Mauro,di sicuro oggi possiamo dire soltanto che è venuto meno l’ordine disegnato dalla rivoluzione industriale
    Certamente nessuno di noi potrebbe dire cosa oggi avrebbe cavato Marx ,in termini analitici ,ricostruttivi e costruttivi ,dallo stato delle cose presenti
    E allora forse vale la pena nella contingenza abbandonare anche il concetto di classe per la semplice ragione che non ci consente di afferrare e descrivere la “comunità”degli uomini .A meno che non si voglia introdurre il concetto di classe operaia allargata.Un puro non senso
    Forse bisogna reintrodurre la vecchia e pre marxiana distinzione tra ricchi e poveri
    Una forte semplificazione,non bisognevole di altre distinzioni,perché in grado di innescare una prassi che può importare rapidi cambiamenti per ripristinare nella società un nuovo equilibrio
    Un nuovo equilibrio che assicuri la sopravvivenza delle stesse organizzazioni sociali
    La coscienza di appartenere ai nullatenenti o a quelli che possono perdere tutto oggi e’ piu’ che bastante
    E politicamente parlando, ti sfido ad indicarmi,in termini reali e attuali,una valida alternativa a Grillo

  167. mauro zani Says:

    E che ne dici di una variegata moltitudine di proletari? Gente che non ha nulla e nulla mai avrà se non la prole e la sua forza lavoro da impegnare nel vasto continente dei lavori servili . Al servizio di una classe di ricchi, sempre più ricchi. Un vero e proprio grande balzo: all’indietro. Da questa condizione bisognerà risalire a comporre una classe capace di combattimento sociale. Non so come si chiamerà. So che senza coscienza collettiva dell’ingiustizia vigente la situazione materiale e morale della comunità degli umani non potrà che peggiorare.

    Ho letto di un tipo di Wall Street che parla della crisi. Dice che sarà lunghissima , una intera era. Bravo .
    Nel mio piccolo ho parlato tempo addietro di una crisi anemica. La mia definizione è migliore. Più esplicativa ed efficace.
    Il tipo non esclude però ,in USA, un tracollo improvviso, per cui consiglia di predisporsi a sopravvivere per le prime 72 ore, anche dotandosi di armi da fuoco.

    PS. In termini reali e attuali alternative a Grillo non ne vedo perché non vedo la sinistra. Tuttavia resta in me , molto forte la sensazione, che Grillo lavori (non importa con quale consapevolezza) per il Re di Prussia. Dunque non mi avrà. E tu sai , come sanno i lettori, che ho sempre cercato di capire il fenomeno, al di là delle scomuniche politiciste.
    Un giorno scrissi su sto blog che almeno Grillo impediva Alba Dorata anche in Italia e che bisognava essergli grati di questo. Qualche giorno dopo Grillo disse la stessa identica cosa. Io pensai : gatta ci cova.
    Mi sta coglionando.
    E non mi piace esser coglionato.

  168. claudiopagani Says:

    Ottimo e convincente ,sopratttutto la parte riguardante . “Grillo e il lavoro ( non importa quanto consapevole per il re di Prussia)…”
    Anche io ho sempre pensato che “il re di Prussia” abbia utilizzato Grillo per “costringere” il Pd a scegliere “liberamente” Renzi. Ora ,a mio avviso , ci può essere una variante. O Renzi farà fino in fondo quello che desidera il re di Prussia ( aumentando il conflitto sociale) e riducendo il PD puramente e semplicemente a “guardia bianca ” degli assetti esistenti. Oppure ,se Renzi ” si monterà la testa” e cercherà minimamente di esercitare il potere datogli dalle primarie, il Re di Prussia gonfierà di nuovo Grillo a dismisura e ,in tale caso ,ci sarà una precipitazione degli eventi dagli esiti imprevedibili.
    Un fatto è certo ,secondo me. O nascerà un Nuovo Principe ( di sinistra) , e opererà una vera svolta ,imponendo una forte patrimoniale finalizzata all’abbattimento del debito verso il 100% e al rilancio ,conseguente, di un serio ciclo di investimenti ,innanzitutto pubblici ,perchè i privati sono piuttosto stitici e pensano + alla rendita, oppure lo stesso verrà imposto dalla Germania ,per tramite della Troika, perchè la Germania non può assolutamente permettersi che un’Italia allo sbando faccia saltare l’Euro , che nella configurazione attuale è funzionale solo agli interessi tedeschi .Naturalmente una tale “soluzione” potrebbe attivarsi nel caso di insuccesso del Pd renziano e trionfo grillesco ( 30%?) alle europee e conseguente “dimostrazione conclamata” dell’impotenza della politica italiana . Anche questa potrebbe essere la “premessa” di un avvio a soluzione del problema Italia ,naturalmente attraverso ulteriori elevatissimi costi sociali. Comunque io non credo affatto alla stabilizzazione renziana ,perchè troppo fragile ed esile è il gruppo di comando attorno al fiorentino e incapace ,quindi, di quelle DUREZZE che sarebbero necessarie per una tale stabilizzazione. Resta aperta la questione ,assai modesta per altro, di chi votare alle europee visto che, giustamente, Mauro non si vuole fare “coglionare” e neanche io ,modestamente.

  169. remo tedeschi Says:

    Ma, qualcuno, ha detto ,e i fatti non gli danno torto, che ogni pseudo nuovo in politica, che abbia “smadonnato” contro il sistema esistente ha fatto “fortuna” chi? Berlusconi ha notevolmente incrementato le sue fortune, Di Pietro, un discreto immobiliarista,
    la famiglia Bossi, e nulla vieta di credere che la coppia Grillo-Casaleggio non ci “rimetteranno” , conclusioni nulla è più redditizio
    che mettere su un’azienda di incazzati.

  170. Giovanni Says:

    Mauro,siamo quasi vicini ad un onorevole compromesso.
    Dobbiamo però convincerci che c’è un eccessivo numero di potenziali proletari a fronte di un enorme richiesta di lavoro servile
    Siamo in un guazzabuglio tra medio evo e nascita dei liberi comuni
    Come siamo arrivati a questo punto?
    Non c’è dubbio i modelli di riferimento sono la Cina e l’America ,oggi più simili di quanto si possa pensare
    Chi ha reso possibile che quei modelli si inverassero anche in Italia
    Una legislazione bipartisan che ha scardinato prima di tutto la dignità del lavoro salariato ,poi ha decurtato il salario e infine precarizzato il lavoro in termini tali da renderlo servile
    Tu che conosci il resto d’Europa,non puoi affermare che la stessa cosa e’avvenuta in Germania ,Francia ,Belgio Olanda o Spagna
    E’accaduto in Italia per la semplice ragione che è assente,almeno da venticinque anni ,una opposizione politica a qualsiasi governo.o meglio al sistema
    Oggi l’opposizione politica c’è e si vede.Se lavora per il re di Prussia non è detto che non possa lavorare anche per noi
    Meglio Grillo che Bersani
    O mi sbaglio?

    Ps anche Grillo,suppongo,legge il tuo Blog.Se ti scopiazza qualche intuizione che male c’è ?

  171. mauro zani Says:

    Si il numero sta diventando eccessivo. Tuttavia è già successo per centinaia d’anni nella storia umana. A un certo punto li si terrà a bada con la forza dello stato e di volenterosi mercenari. Anche se, nella contemporaneità, ciò deve essere inteso come metafora di un dominio capace di impiegare altri mezzi. Magari più crudeli , certo più raffinati.
    Condivido , Giovanni, la similitudine tra USA e Cina. Meno invece la situazione in Europa. L’Europa è più grande dei paesi che richiami. E ,in ogni caso persino in Germania non è tutt’oro quel che riluce. Basta poco, chessò un’alleanza tra i “periferici” per far saltare il modello tedesco che peraltro si basa anch’esso sull’assenza di una robusta opposizione politica.

    Quanto a Grillo , non son così egocentrico da pensare che mi copi. Semplicemente s’è verificata una coincidenza che ho considerato assai significativa. Se scrivo io una cosa è un conto se la dice Grillo su di sé , beh è paraculaggine…

  172. Milli Says:

    http://ilmanifesto.it/le-armi-chimiche-sbarcano-in-sicilia/.

    Per ora ci becchiamo queste. Scusate se è poco!

  173. mauro zani Says:

    Claudio non nascerà un nuovo principe a sinistra. Quanto a Renzi confesso che ci sto ancora pensando. Ad occhio e croce non mi par così fragile. Spero di sbagliarmi. Comunque devo farmi un’idea più precisa sulla base degli atti e dei fatti.
    Quanto alle europee c’è ancora tempo. Ora come ora io voto scheda bianca. A meno che il voto non diventi davvero utile a sbarrare il passo al peggio…E’ ancor presto.

  174. mauro zani Says:

    Preciso.
    ma deve esser davvero molto, molto peggio…

  175. Giovanni Says:

    Eh,Mauro,nel secolo scorso l’elite politica non si accorse neppure che ormai era troppo tardi.
    Facciamo conto sul popolo

  176. Giovanni Says:

    Claudio ,il 13 dicembre di questo medesimo hanno,su questo blog hai annunciato urbi et orbi che avresti votato Mm5
    A cosa e’dovuto il tuo ripensamento

  177. claudiopagani Says:

    Nessun ripensamento ,solo che ,a questo punto della mia vita, non mi va di fare l'”utile idiota di nessuno” e ,qunidi , le giuste riflessioni di Mauro Zani su Grillo e Re di Prussia , hanno fatto riflettere ,anche me, sul fatto che “per fare dispetto alla moglie”( diciamo il PD) non ha senso tagliarseli ( cioè votare l’agente del re di Prussia. ) . A me può anche stare bene che Grillo vinca le europee ,disarticolando il PD renziano ,ma mi fermo li e cioè al + Grillo puo essere un taxi per una corsa sola…

  178. Giovanni Says:

    Claudio,troppo cervello guasta la vista

  179. claudiopagani Says:

    …E poi ,hai visto mai che Renzi e Grillo siano le 2 facce di una stessa medaglia nella piena disponibilità del 2 Re di Prussia” e che le agita a suo piacimento… Nel dubbio…

  180. Giovanni Says:

    Troppo cripto per le mie meningi

  181. Milli Says:

    @Giovanni un saluto da Napoli. Ieri sera alla Galleria Principe di Savoia i parlamentari del M5S hanno incontrato i militanti della Terra dei fuochi. Nella stessa sala Gemito in cui Peppe Grillo e padre Alex Zanotelli nel 2005 presentavano ufficialmente il movimento. I parlamentari hanno contestato il decreto legge del ministro Orlando per le terre dei fuochi. Chiedono una legge organica. Per il momento sono stati stanziati pochi soldi gestiti dai partiti con le stesse modalità dei tempi di Bassolino. Anche Renzi è venuto a Napoli per incontrare i boy scouts di Casal di Principe e i cattolici di padre Patricciello, rifiutandosi di incontrare gli altri movimenti. Come vedi grandi manovre tra il Pd di Renzi e il M5S. Intanto i roghi di rifiuti tossici continuano in Terra di Lavoro in attesa dell’esercito che verrà. Questa sera da Santoro sentiremo i militanti delle Terre dei fuochi. Per quanto riguarda le elezioni europee penso che andranno a votare pochissime persone. Questa è l’idea che mi sono fatta ascoltando amici, parenti e cittadini vari. Naturalmente posso sbagliare. Napoli comunque è piena di turisti ed è bella e dannata come sempre. Un saluto a tutti voi ed auguri per il prossimo anno che sarà ovviamente peggiore di questo che muore.

  182. claudiopagani Says:

    Leggo un gustoso trafiletto su Repubblica di oggi :
    “…il vero avversario da abbattere è Carlo De Benedetti perchè favorisce sfacciatamente, e contro il diritto Europeo, la sua società di pubblicità la Manzoni sr…”
    Come non essere d’accordo con questa ottima dichiarazione di Grillo? O ,forse, ( perchè a pensar male…. ci si indovina quasi sempre) semplicemente Grillo non ha tra i suoi finanziatori ( dietro le quinte ovviamente) la potente lobby ebraica italiana di cui CDB è uno dei principali esponenti… E questo perchè l’ottimo comico ha una moglie di origine iraniana , ma nata a Ravenna…
    D’altra parte la lobby ebraica ha investito fortemente su Renzie( al quale ha ordinato di fucilare MDA perchè, da sempre, troppo vicino ai palestinesi e quindi “oggettivamente” ( secondo loro) nemico di Israele).
    Comunque ,almeno per oggi, gloria al compagno Grillo!

  183. remo tedeschi Says:

    Claudio, stai fermo da qualche parte, a volte sembri (e questo
    può essere un complimento) una ragazzina di 16 anni, con sbandate
    settimanali, non mi convinci, Grillo è un trombone sponsorizzato da Richard-Ginori, (poi ti spiego,la presenza di ceramisti), ma lo ascolti?
    cosa ha fatto,cavolo, per 60’anni? lo hai sentito per le stragi di Bologna , Brescia, ? si faceva i c……i sua. e oggi ci vuole insegnare a vivere, perché non và a parlare ai camalli?.

  184. claudiopagani Says:

    Io cerco ,solo, di essere fedele agli ideali della mia giovinezza. E quindi ,per dirla con Mao:
    ” Il percorso può essere tortuoso ma l’obiettivo è luminoso!”

  185. Milli Says:

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/12/29/lombra-di-valter-lavitola-sullunita-nuovi-soci-incroci-pericolosi/827393/

    X Remo da Napoli

  186. Milli Says:

    Ma cosa si sono messi in testa Ruotolo e Santoro? Un confronto tra il mafioso Schiavone e due mamme che hanno perso i loro bambini! Cose da pazzi. Per giunta il pentito Schiavone si è messo a fare il moralista e fustigatore del popolo napoletano. Una scena surreale. Naturalmente nessun giornale ne ha parlato né in bene né in male. Avevano già detto del terremoto e quindi…
    Ed io che mi ostino a parlare dei mali del Sud! Ma a chi interessa? Penso a nessuno.

  187. remo tedeschi Says:

    Milli, ma da quanti anni, l’Unità è un’oggetto misterioso? ma forse non era più “lei”, anche quando sul giornale scrivevano Padellaro e Travaglio, non escluderei, anche

  188. claudiopagani Says:

    Cara Milli,purtroppo ,semplicemente, quei 2 sono ( non da ora) 2 sciacalli del dolore della povera gente che utilizzano cinicamente per aumentare l’audience delle loro trasmissioni; ma ,cosa ancora peggiore, il cosiddetto “popolo di sinistra” li considera degli eroi ,mentre sono ,banalmente, degli autentici squali della “società della comunicazione” in cui non contano i “veri semtimenti e le vere passioni” ma quelli rappresentati. A loro ,in realtà , dei problemi sociali non frega nulla cosi come al loro “maestro” Travaglio che ,quando lancia le sue intemerate , con quel profilo nordico e quegli occhi chiarissimi, mi fa,immediatamente, pensare ad un tenente delle SS( magari di origine sudtirolese, i peggiori). Io ,in ogni caso, li disprezzo tutti e 3 , non da ora…

  189. remo tedeschi Says:

    Non sono d’accordo, avrò torto, ma denunciare lo scandalo grave dei veleni della Campania, è fare cosa utile, compreso il confronto vittime -Schiavone, se c’era un limite ,riguarda l’assenza di un Bertolaso o Bassolino, ma chiaramente avrebbero dato forfait.
    Ma cosa deve fare un giornalista? per me Ruotolo non è dei peggiori, Milli, la trasmissione è stata vista da parecchia gente,speriamo serva a qualcosa.

  190. claudiopagani Says:

    Se tu facessi il giornalista potrei capire , ma tu sei ( o dovresti essere) un militante politico che si adopera per risovere i problemi e non per “agitarli”… Ma ,temo, la scuola di Repubblica , ti ha trsformato in un…giormalista di complemento.
    Quanto all'”utilita della trasmissione” che speri “vista da parecchia gente” l’unica utilità sarà ,temo, fare incazzare ancora di + i cittadini italiani ( che sono già giustamente sovraeccitati) e ,in definitiva li farà propendere, nelle scelte elettorali, non per il grillismo-soft del tuo segretario , ma per il grillismo del fondatore.
    Contento te…

  191. remo tedeschi Says:

    Stò con Napolitano. buon anno a tutti, e facciamoci gli auguri perché di neo-golpisti è piena l’Italia, e occhio alla penna.

  192. Giovanni Says:

    Tienitelo ben stretto.Ieri sera e’stato penoso.Registro retorico ai limiti della decenza
    La polemica di Grillo ha raggiunto il suo scopo:molti più dell’anno scorso hanno potuto capire che ha paura di fare il bis di Umberto Ii

  193. Giovanni Says:

    Claudio,sei per la censura perché credi che il popolo non abbia giudizio
    Ormai non bastano più le TV e tutti i pennivendoli ad arginare il sentimento del popolo
    Molti cominciano a parlare metaforicamente di cappi e ghigliottine
    Non ci sono più argini.
    Perché recitare la parte dell’ultimo giapponese?
    Alle europee voterà il 52-56%
    Perciò i Pentastellati porteranno a Bruxelles più della metà dei seggi
    “La forza e’con noi”

    • claudiopagani Says:

      Che c’entra la censura?Ho solo detto che Santoro,Travaglio,ecc fanno politica strumentalizzando “cinicamente “il dolore della povera gente , mentre fanno finta di fare i giornalisti “indipendenti “pensosi del bene comune” .NO loro fanno parte a pieno titolo della “società dello spettacolo” che ammanisce al popolo povero, disperato e senza guida ( sono FERMAMENTE convinto che il popolo privo di avanguardie che lo guidino è popolaccio caotico) merce sempre + “eccitante” tipo “lsd dei poveri ,in modo che il popolo, cosi “drogato”, possa essere facile preda di qualsiasi avventuriero di passaggio. Naturalmente non mi sfugge che questo è anche ,forse soprattutto, colpa dei partiti tradizionali che non sanno offrire prospettive credibili e convincenti ; in particolare oggi è SOPRATTUTTO colpa dell’unico vero partito, e cioè il PD di Renzi, che offre ,anzichè una via d’uscita “a sinistra” come sarebbe non solo utile , ma perfino necessario, l’ennesimo “ghe pensi mi ” ( di berlusconiana memoria) come se i problemi italiani fossero solo questione di generica “energia giovanile”.In questa situazione ( disperante per chiunque abbia un pò di sale in zucca) ho già detto ripetutamente che, proprio per dissolvere l’equivoco PD di Renzi , sono disponibile a votare ,”provvisoriamente” e turandomi il naso , il partito grillesco alle europee. Quindi ,se perfino io sono disponibile a questa scelta “disperata” non c’è dubbio che Grillo possa andare avanti ,anche molto , alle europee.Ho scritto in precedenza fino al 30% ,quindi non vedo il tuo “scoop”. Che poi ,dopo, siano rose e fiori non lo credo affatto, ma si approfondirebbe la crisi di sistema, avendo , almeno , dissolto l’equivoco PD. La tua frase finale . “la forza è con noi ” non mi piace perchè assomiglia troppo al “gott mit uns ” dell’esercito hitleriano

  194. Giovanni Says:

    Milli,se non vuoi che torni Bassolino e la sua cricca neo renziana Pentastellati

  195. Roberto Says:

    Per iniziare bene l’anno, ho fatto due passi a Bologna.
    Nei pressi della stazione c’èl’enorme edificio ex Traumatologico, pressochè vuoto dove ha sede l’ufficio d’Igiene e qualche altro servizio medico. Proseguendo c’è la sede INPS,che è stata venduta e dove l’istituto ora paga l’affitto.Faccio notare che un palazzo INPS,non strumentale e occupato principalmente da abitazioni per il personale a 200 metri da questo , è rimasto invece sul gobbo perchè era più facile vendere un bene strumentale affittato per lungo periodo al venditore contestualmente al rogito.
    Più avanti c’è una sede INAIL, che ha seguito la stessa sorte: venduto e affittato, peccato che sia pressochè inutilizzato (sparo 200 metriquadri per impiegato). Anche lì sono rimasti in carico all’INAIL alcuni appartamenti, con tutte le rogne che la gestione comporta.
    In Piazza dei Martiri ci sono gli ex uffici della Regione, vuoti da oltre 2 anni: dopo il terremoto sono state montate impalcature per evitare la caduta di calcinacci, recentemente tolte senza che si capisca quali lavori siano stati fatti in facciata. Proseguendo per via dei Mille, c’è il grande palazzo ex ENPAS e INPDAP, unificato con INPS da Monti e quindi con operatività ridotta ma costi di gestione inalterati.
    Poi in piazza bruciano la caffettiera coi buchi, simbolo dello sperpero.
    E Napolitano va a riposarsi a Napoli nell’appartamento presidenziale: ma non ha nenneno un appartamentino nella sua città d’origine? In fondo sono solo lui e la moglie…
    Io non voterò per Grillo, ma faccio sempre più fatica a capire perchè c’è chi vota altro.

    • Giovanni Says:

      Una passeggiata istruttiva ma breve.Se tu avessi deciso per una ricognizione dei beni pubblici Bologna ,avresti deciso senza indugio di dare una lezione al “Partitismo sgovernativo e ladrone”,almeno alle prossime europee
      Insomma,Roberto,da parte tua mi aspetterei almeno la campanella dell’ultimo giro

  196. remo tedeschi Says:

    La forza è ……? grande Giovanni anche Obi wan Kenobi, e si ….. quando si dice la cultura……
    chissà perché 10milioni non hanno dato retta al trombone di genova
    che attaccando la corte costituzionale, diventa sempre più nero.

  197. Milli Says:

    Giovanni, io non voterò nè per il Pd nè per il M5S. Sono e resto di sinistra, anche se la sinistra in Italia non è più rappresentata da nessun partito. Villa Rosebery è dagli anni ’50 residenza in dotazione del presidente della Repubblica. Dopo Napolitano altri presidenti vi si recheranno. E allora?
    Tutti gli urlatori dell’ultima ora mi danno profondamente fastidio. Non capisco perchè ti piacciono tanto i grillini.

  198. Giovanni Says:

    Tutti hanno visto almeno una volta nella vita un film di George Lucas e ,dunque,la potenza evocativa della forza buona,unisce e rende possibile A new hope
    Remo,tu fai parte di un partito putrescente,aggrappato e retto da un decrepito scheletro
    Dopo le europee anche Renzie cadrà e l’anarchia,la lotta per bande,diventerà clamorosa
    Se tu è tutti i salcicciai d’Italia volete arrostire ancora qualcosa,vi conviene abbandonare la nave dei folli

  199. Roberto Says:

    Spero vivamente che le “dotazioni” del Quirinale tendano alla riduzione, e che dopo Napolitano nessun presidente soggiorni a spese dei cittadini a Villa Rosbery, che potrebbe essere impiegata in modo più proficuo per la collettività che assicurare qualche giorno all’anno di riposo ad un Presidente. Perchè no, una Scuola di alti studi: il prof. Nicolais potrebbe avere buone idee.

    “Villa Rosebery, estesa su una superficie di mq. 66.056, si sviluppa in declivio verso il mare, con un dislivello di circa quaranta metri.
    Nella parte più bassa del parco si trovano i fabbricati denominati “Casina a mare” e “Piccola foresteria”, prospicienti il porticciolo. In posizione più elevata la “Grande foresteria”. Proseguendo, nella zona nord, si incontra la costruzione più antica, la Palazzina Borbonica, composta da numerose sale di rappresentanza”.

    Ovviamente non mi sento chiamato in causa come urlatore dell’ultima ora: da oltre trent’anni ho una certa insofferenza nei confronti di Napolitano, anche quando era PCI.

  200. Giovanni Says:

    Roberto ,bisogna dismettere queste lussuose e costose dimore
    Io ci vedo piuttosto un grande ed esclusivo albergo gestito da una grande catena alberghiera
    Soldi per lo stato e lavoro per i napoletani
    Una scuola di alti studi può essere insediata in qualsiasi luogo decoroso

  201. Giovanni Says:

    Milli,oggi i poteri marci hanno paura soltanto di M5s.Non c’è al momento un’alternativa possibile
    Se vuoi continuare a leggere i tuoi libri con un minimo di serenità
    I poteri marci hanno in progetto di eliminare la tredicesima e di tagliare indiscriminatamente,in percentuale,le pensioni ordinarie

  202. Giovanni Says:

    Il Palazzo del Quirinale e’il sesto palazzo più grande del mondo 110.000 metri quadri.
    Già residenza dei papa,dei Savoia e oggi di Napolitano
    Sfrattiamo il “capo del governo”e ci facciamo un grande museo(2 o 3 milioni di visitatori all’anno)
    Napolitano potrebbe accontentarsi dell’appartamento,si fa per dire,del presidente della camera

  203. remo tedeschi Says:

    Sulle residenze esterne,del Quirinale ci ragionerei un momento, si fa presto a farle diventare un troiaio, parchi naturali, a tempi brevi di visita, e bona lè, datemi retta, alberghi per ricchi? poi ci và Grillo incappucciato a fare corsette, Giovanni, rifletti, i 5st
    vivono sulle estemporanee di Grillo, di fianco a lui il nulla, può reggere un movimento pieno di opportunisti dell’ultima ora?
    tanti di loro hanno battuto marciapiedi, anche nostri.

    • Giovanni Says:

      Roberto,lil sindaco e la sua “risma”sono degli incapaci.
      Quanto al dipartimento culturale della città ,e’nota la sua vocazione al consumo enogastronomico
      Non ci sono speranze.Percio’anche Villa Ghigi può essere destinato ad un’albergo a 5 stelle,con beneficio per la conservazione della Villa e le uscite del Comune
      Con le entrate si potrebbero costruire almeno cinque asili nido decorosi per i nostri bambini ,dove a pulire i sederini dei piccini siano le stesse dade,mentre gli operatori scolastici potrebbero essere riqualificati per il verde pubblico,la manutenzione coscienziosa delle pubbliche vie e lo smaltimento degli oggetti ingombranti
      Quanto alla dissipazione del patrimonio del PCI forse e’un po’ tardino per chiedere il rendiconto
      Ne è passata di acqua dalla Bolognina

    • Giovanni Says:

      Remo,non comprare alla coop il vino da 2 euro
      Meglio,ma molto meglio ,una brocca di acqua del Tuo sindaco

  204. Roberto Says:

    Il mio pensiero laterale è stato sollecitato dal titolone su Repubblica di oggi: NAPOLITANO: … ANCHE LA POLITICA FACCIA SACRIFICI”

    Ma lui che è?

    A già, un’Istituzione.

    E intanto Merola vuol vendere Villa Chigi, e il prof. che l’ha lasciata al comune gli divorerà il cervello, nell’aldilà.
    Io da studente portavo mattoni e secchie di calcina per la casa del popolo, naturalmente venduta, e mi brucia ancora: penso che chi ha provocato il dissesto del PCI sia stato un ladro che ha approfittato della buona fede dei compagni (che è un’aggravante) e non un incapace.

  205. Milli Says:
  206. Giovanni Says:

    le Pussy Riot (Sommossa di fica) hanno ragione. Basta maschilismo, basta cazzoni (Putin) al potere in Russia! Servono fiche al potere, ma non quelle loro svalvolate e volgarotte che – nel “grande gioco” dei veri poteri mondiali – scivolerebbero su tutte le bucce di banana possibili.

    PUSSY RIOT CONFERENZA STAMPA
    E subito magari venderebbero, dopo l’Ucraina, persino la Kamchatcha a Sa Grandeur NapoHollande, che scalpita (& rutta & scoreggia) con la sua “force de frappe” ed esporta strumenti di morte (armi) dappertutto (a insaputa dell’ormai dorniente popolo della pace italiano).

    Servirebbe magari una fica ardente e illuminista come quella di Caterina la Gande, amica di Voltaire e altri fari del pensiero moderno. Dubito che queste stronzette eterofinanziate sappiano chi era Caterina o che siamo mai state a Petropavolosk! Strano (“and quite devasting” a pensarci bene) però: gli States, faro di sedicente democrazia, non hanno mai avuto una donna come Presidente federale, mentre la Russia, faro di verace autocrazia, ne ha avute più di una. Tra quelle di un certo valore, oltre l’immensa e grande scopatrice Caterina II, la zarina Elisabetta, figlia del principale padre della Patria russa: il gigantesco (anche fisicamente) Pietro il Grande.

    PUSSY RIOT PUTIN
    Mi scuso per le parole volgari usate, ma veramente non ne posso più di leggere tutte le sciocchezze (mescolate a razzismo non tradizionale ma verace) che i media occidentali scrivono sulla Santa Madre Russia. Guardassero (i media occidentali) un po’ di più alle loro savane & giungle sociali dove spesso la paura si mangia l’anima (ma é proibito dirlo, perché “tout va très bien Madame la Marquise de PompaGold).
    Dago Darling

  207. Milli Says:

    http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/notizie/cronaca/2009/5-maggio-2009/camorra-sequestrato-club-balneare-marechiaro-accanto-villa-rosebery–1501325088834.shtml

    Il clan di Nuvoletta sarebbe interessato a trasformare Villa Rosebery in un albergo a 5 stelle? Al clan non manca liquidità. E poi ci sarebbe una comoda vicinanza.
    Dimenticavo: Grillo dopo la famosa nuotata nello stretto di Messina, annunciava alle masse osannanti che in Sicilia non c’era mafia. Per quale ragione hanno poi aumentato la scorta ai magistrati palermitani? A detta del M5S non ci sarebbe stata necessità. Populisti confusionari o confusionari in mala fede?
    A primavera prima delle elezioni europee Grillo dovrebbe farsi una nuotata nelle acque di Marechiaro. Il posto merita, il clima è buono e si mangia benissimo. Come possibile dismissione Giovanni non poteva dire di meglio: gli acquirenti non mancano.
    Sarà il caso forse di calmarci. Se Zani volesse darci una regolata…

    • giovanni Says:

      Milli,non sono mica uno sprovveduto.
      Chiunque puo’ leggere che ho proposto di cedere(ovviamente a peso d’oro e con asta internazionale) ad “una grande catena alberghiera”Villa Rosbery
      il camorrista Nuvoletta’e’ un parto retorico della tua fantasia.
      Nel discorso reale non ci sta
      Poi Milli. non vorrai sostenere che ad inquinare Marechiaro sia stato Grillo
      Marechiaroe’ inquinata perche la citta di Napoli e i napoletani ci scaricano di tutto.financo i frigoriferi ed i cessi
      Quanto alla mafia,quella vera,ha ragione Grillo:non si trova i Sicilia,ma principalmente a Roma e Milano,dove sié insediata da lungo tempo
      Potrei dartene ampia dimostrazione ma soprassiedo alla fatica,perche la vicenda Ligrestos ha aperto gli occhi anche ai ciechi
      Ma forse a forse a “farti scendere la catena”é stato il post di Dago Darling sulle Pussy Riot
      Beh,sei hai qualcosa da dire in proposito dillo chiaramente
      Il padrone di questo clock ci ha sempre concesso licenza di parlare chiaramemente e direttamente

  208. Milli Says:

    Mentre noi ci si gingilla, alla Fiat la classe operaia italiana più che in paradiso va all’inferno. Qualche tecnico andrà in trasferta negli Stati Uniti, Merchionne permettendo. Cosa farà Renzi, cosa dirà il governo? Pazientemente attendiamo.

    • giovanni Says:

      Sulla Fiat abbiamo discusso e ci siamo scazzati su questo blog due anni fa.
      Tutto é andato secondo programma.
      Il governo Monti,sostenuto dal PD,anzichè espropiare la Fiat del marchio Alfa Romeo,haricevuto Marchionne e il suo padroncino a Palazzo,divertendosi a farsi prendere per il culo dal Magliaro
      Diversamente,i sindacati canadesi e a usa dei lavoratori si sono fatti scucire 4,7 miliardi per le pensioni dei lavoratori
      Al netto di Landini e della Fiom.Pd e sindacati nella vicenda Fiat si sono comportati da camorristi
      E tu,come nessuno su questo blog,conosci il significato primo del termine “Camorra”

  209. claudiopagani Says:

    Milli carissima ,possibile che tu non abbia ancora capito che Giovanni è un uomo intelligente ma di un cinismo “terrificante”?! O meglio un pò ci è e un pò ci fa e il suo vero slogan dovrebbe essere: “muoia Sansone con tutti i filistei.” Per il resto non gli frega un c…..Però , a volte , lancia delle provocazioni intellettuali intelligenti , mentre questa, sulla vendita di Villa Rosberry, è una autentica stupidata; del resto il suo recente mentore e cioè Grillo è specializzato in questo genere di stupidate , ma gli Italiani ( e in particolare quelli di sinistra) gli danno il voto come forma di protesta estrema contro il dissolvimento di ogni forma organizzata di sinistra ( come potrei fare anche io alle europee). Se questa forma di protesta funzionerà il PD renziano entrerà nella sua crisi terminale e allora , ma solo allora , si potrà ragionare di ricostruzione della sinistra e ,poco alla volta, potremo fare a meno del comico genovese. Una cosa è certa: a Grillo ( e Giovanni) della “classe operaia italiana” non frega assolutamente nulla , se non ,eventualmente, come massa di manovra a fini di marketing elettorale.

    • giovanni Says:

      Claudio,la mia non é una provocazione,ma una proposta reale,che risponde al criterio dell’uso dei beni,al criterio economico della riduzione dei costi,al criterio dela conversione delle immobilizzazioni in capitale mobile,al criterio di produrre occupazione qualificata secondo la vocazione e la tradizione di un popolo
      I napoletani,una volta erano i piu bravi al mondo nel gestire e far funzionare gli alberghi
      Hanno lavorato e lavorano ancora nei piu grandi alberghi del mondo,nelle posizioni piu elevate.In inghilterra uno tra i tanti ha creato dal nulla unadelle catene alberghiere piu importanti e rinomate nel mondo

  210. Milli Says:

    Faccio a meno del comico genovese e del giovane Renzi fin da ora. Se alle elezioni europee si presenterà la Sinistra Unitaria Europea con il candidato greco Alexis Tsipras, andrò a votare. C’ è al momento qualcosa di meglio contro le politiche di austerità? Non credo. In caso contrario andrò a prendere il sole a Rimini

    • giovanni Says:

      Ti consiglio la Grecia
      Mare Blu,spiagge dorate,zero ombrelloni
      Il tutto a prezzi pari a meno della metà di Rimini
      Poi se vuoi mi racconti come pensa sto Tsipras di tenere 3,5 milioni di greci alle dipendenze dello stato,mentre a lavorare negli alberghi ed a pulire le strade ci sono milioni di immigrati trattati come bestie

  211. Roberto Says:

    Ecco una buona idea suggerita da Milli: Villa Rosebery donata dalla Presidenza della Repubblica al FAI.

    E i presidenti in visita a Napoli in Prefettura o in albergo, nell’eventualità pagando quest’ultimo di tasca propria.
    L’appannaggio dovrebbe consentirlo.

    • giovanni Says:

      Roberto,non facciamo piu regali ,ti prego.
      Tra Centri studi Fai e altre mille associazioni benefiche,qui va a finire che ci ritroviamo altre mille Boldrinove con il grave problema di dare un nome ad un gatto.
      Altre mille gatti neri?
      No,per favore…

  212. Milli Says:

    http://m.youtube.com/watch?v=-eQqc6IguJk&desktop_uri=%2Fwatch%3Fv%3D-eQqc6IguJk

    Capisco l’ironia. Per me andrebbe benissimo. Basta proteggere il Fai dai vicini molesti. Puoi ammirare se vuoi gli interni della Villa. Bellissimi.

  213. Milli Says:

    Roberto, la scuola di alti studi esiste già a Napoli. È l’Istituto italiano per gli studi filosofici fondato dall’avvocato Marotta che vi ha speso il suo intero patrimonio. La sede è in via Monte di Dio n.14 nel palazzo settecentesco Serra di Cassano. Una volta ho seguito un seminario del prof. Domenico Lo Surdo, filosofo e marxista. Sui Serra di Cassano ci sarebbe molto da raccontare. Ma puoi, se ti interessa, cercare tutto quello che vuoi anche su Internet

  214. Remo Tedeschi Says:

    A proposito di Quirinale e d’intorni, non dimentichiamo che se la p2
    non ha chiuso il cerchio, lo si deve a un ristretto numero di inquilini,
    compreso Napolitano. meditate, giovanotti.

    ps Giovanni deve avere azioni della catena jolli-hotel

    • giovanni Says:

      Remo complimenti.La battuta non é male
      Ma sono mesi che biotecnologici e tutto il mondo internet tirano che é una bellezza,voui che mi distragga con gli alberghi
      Tutta sta “manfrina ” lo tirata avanti nel tentativo di farvi comprendere che il mondo delle chiacchiere vale zero
      Quando la sinistra parla di valorizzare i beni collettivi gonfia l’aria.Potrei parlarti di come afrontare il problema di Pompei o dei Bronzi di Riace,ma mi rendo conto che é tempo perso

      • claudiopagani Says:

        Giovanni non cessa mai di stupire.
        Adesso fa pure il “business man ” sia pure delle biotecnologie ! Che sia in affari con il Grillo di Genova( l’unica “ideologia” che gli ho sentito nominare è confusamente quella della green economy)?
        E poi la frase “…il mondo delle chiacchiere vale zero” la dice lunga su come Giovanni si atteggi ( realmente e non fantasiosamente) con il piccolo mondo di noi tutti che dialoghiamo “faticosamente” in questo blog. Potrebbe anche essere una delle sue “smargiassate”, ma lo squarcio che fornisce ,comunque, della sua “interiorità” , mi induce a qualche riflessione sul senso di continuare a partecipare a questo “mondo di chiacchiere”…Che ne dici Mauro Zani?

      • Giovanni Says:

        Caro Claudio,la green biotechnology mi interessa relativamente,anzi di striscio
        Sono invece molto interessato alla red biotechnology,per svariate ragioni e perciò’ conoscendo il tema,investo qualche dollaro
        Nulla di più nulla di meno
        Sicche’ le tue “sparate” denotano soltanto un malcelato (e poco intimo)senso di inferiorità e di acrimonia
        Non e’un problema.
        Tutto fa brodo
        Quanto al mondo delle chiacchiere, il tema,invece,e’serio.
        Meriterebbe un lungo post,perché significa misurare le scorie ideologiche e culturali del nostro passato con il mondo reale
        Ma lasciamo stare.
        Chi vuol intendere intenderà.Chi vuol partire,partirà
        Tu resti o parti ?
        Ma si resta Claudio,dove lo trovo un ‘interlocutore come te?

  215. Milli Says:

    Ritorno per l’ultima volta su questa benedetta Villa Rosebery. La villa è bellissima ma ha un accesso dal mare che la rende molto fragile. Ha bisogno di manutenzione e di sorveglianza. Lo stato dovrebbe in ogni caso spendere un bel po’ di denaro facendone un museo o un centro studi. Meglio lasciare le cose come stanno. Abbandonata a se stessa sarebbe distrutta nel giro di qualche mese, così come hanno distrutto la Reggia di Carditello, ora messa all’asta. L’Italia è piena di bellezze lasciate all’incuria del tempo. Certo una politica culturale diversa che contemplasse la salvaguardia e l’uso del patrimonio artistico del paese darebbe lavoro e favorirebbe il turismo. Ed ora amen: non è male il consiglio di Claudio di lasciare questo ” mondo di chiacchiere “.

  216. Milli Says:

    http://www.repubblica.it/speciali/arte/recensioni/2012/03/14/news/la_reggia_di_carditello_all_asta_per_15_milioni-31501246/

    Un esempio di dismissione

  217. Milli Says:

    http://m.youtube.com/watch?v=Vtv3I9VsGac&desktop_uri=%2Fwatch%3Fv%3DVtv3I9VsGac

    I consigli gratuiti sull ‘uso del patrimonio artistico di Napoli mi sembrano un insulto alla intelligenza dei meridionali. Non basta il degrado a cui gli imprenditori del Nord ci hanno costretto, inviandoci tonnellate di rifiuti tossici,complici ignobili figuri. Ora si parla di comprare degli autentici tesori per niente, dopo un degrado pilotato. I compratori sarebbero imprenditori napoletani o gente del Nord? I proletari napoletani, a detta di Giovanni, potrebbero sempre fare i dipendenti (a 1000 euro al mese, perché questi sono i salari nelle strutture alberghiere). Giovanni, perché non consigli Merola di vendere Palazzo Pepoli , invece di pensare a Napoli? Vai, che come apprendista stregone sei proprio bravo.

    • Giovanni Says:

      Milli,sei sicura che i “salari”nelle grandi strutture alberghiere sono di 1000 Euro al mese ?
      Potrei scansionare cinque buste paga,una per ogni livello retributivo per metterti in crisi
      Si va da 1500 a 4000,al netto dei superminimi ad personam ,che nel settore sono molto diffusi
      Se rileggi sopra ho ipotizzato anche la vendita di Villa Ghigi che si trova dalle parti di via Saragozza
      Sul piano metodologico permettimi di dirti che quando inizia una discussione su questo blog non si finisce dove vuole chi l’ha introdotto
      Perciò scappa anche qualche consiglio che tocca le “nostre sensibilità culturali
      Prendersela con il nord per la “munnezza”non ha senso.E’stata la camorra ad inquinare la Campania con la complicità di molti campani che hanno agito sotto gli occhi di tutti
      E’amaro dirlo da parte mia,ma le cose “stanno a cussi'”

  218. Roberto Says:

    Scusa Milli, per mantenere Villa Roerbery lo stato dovrebbe spendere esattamente gli stessi soldi che spende ora, con la differenza non trascurabile che la fruizione potrebbe essere molto più ampia che garantire qualche giornata di ritiro regale ad un vecchio che ha avuto dalla collettività molto di più di quanto abbia dato.
    Mi pare che il Suor Orsola finanziariamente non se la passi bene, nonostante l’interesse del ministro Bray, che ha buoni propositi.
    “Investire in alcuni progetti concreti per i beni culturali in Campania è una delle priorità del Ministero. Investiremo risorse per fare in modo che in Campania ci sia un circuito virtuoso che riesca a conciliare cultura e turismo. L’idea è di far diventare alcune aree museali della Campania centri di eccellenza di tutto il Paese, come per le Dimore borboniche e per San Leucio che hanno non solo uno straordinario valore culturale, ma rappresentavano qualcosa di più per le comunità del territorio”.

    http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/notizie/arte_e_cultura/2013/22-giugno-2013/bray-salvare-istituto-marottafare-siti-borbonici-eccellenza-2221801889079.shtml

    Ma come dirlo a Renzi, che oltre che parteciparealFamily Day voleva sistemare l’orologio di Palazzo Vecchio perchè “con una lancetta sola non si capisce mai che ore sono”.

    • Giovanni Says:

      Roberto,e quale sarebbe il management e il secondo livello che dovrebbe gestire questo ipotetico “circuito virtuoso” delle residenze borboniche?
      Per caso quelli di Pompei ed ‘i lavoratori socialmente utili’
      Se non li hai visti,dovresti averne sentito parlare

      • Roberto Says:

        Che dire, non lo so proprio.
        Ma, ad esempio, ho personalmente molta stima del prof. Nicolais (ingegneria), che ha molto ben meritato in Università, ha attivato proficui contatti con l’industria dei polimeri, è stato assessore nella giunta Bassolino “tirando” quantità impensabili di soldi dall’Europa e ministro del governo Prodi, dove ha dovuto cedere ai dictat che imponevano un suo decreto perchè la RAI potesse pagare oltre un milione di euro alla Huntzingher per fare la spalla mi pare a Pippo Baudo al festival di Sanremo.
        Il professore ha obbedito arrossendo, ed è tornato all’accademia.

  219. Roberto Says:

    Milli, aggiorno la base d’asta della Reggia di Carditello: 10 milioni di euro.
    Ipotizzo che l’asta del 9 gennaio 2014 andrà deserta.

    Il napoletano Romeo (Romeo Gestioni) che fa da sempre affari con il pubblico ci farà un pensierino?

  220. Milli Says:

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/03/19/lanci-affida-tributi-a-romeo-condannato-in-primo-grado-a-napoli-per-corruzione/533237/

    Per Roberto

  221. Roberto Says:

    Milli, il mio era un riferimento ironico: Romeo ha avuto guai anche a Roma dove gestiva qualcosa (mi pare strade)per il comune (giunta Alemanno)

  222. Giovanni Says:

    Remo,Fassina,sbeffeggiato da Renzie si è (ri)dimesso,mentre la moglie del Boccia(to) ,la ministra dell’agricoltura De Girolamo e le sue porcate,non suscita l’interesse di nessuno
    Se non ci fossimo noi,a difendere la specie,Renzie vi sbranerebbe in 3 giorni ,come han fatto i 120 cani del pazzo nord coreano

  223. Milli Says:

    C’era una volta il blog di Zani…

  224. mauro zani Says:

    Quello rimane.
    Ma non mi sento obbligato a concionare su tutto.
    Ergo questo è, peraltro sin dall’inizio, uno spazio libero.
    Coloro che lo usano lo possono fare anche prescindendo totalmente dal post.
    Anzi lo fanno quasi sempre.

  225. Milli Says:

    Il problema è che non sopporto i Forconi di Grillo e, dal momento che questo spazio è libero, li mando volentieri …a trasformare Castel Sant’Elmo a Napoli in un albergo a 5stelle…
    Buonanotte Zani e in bocca al lupo.

  226. Milli Says:

    http://napoli.repubblica.it/cronaca/2014/01/05/news/terra_dei_fuochi_manifestanti_davanti_a_villa_rosebery-75182091/?ref=HREC1-4

    Penso alla Città della Scienza e mi si stringe il cuore. E dire che Cassandra mi fa pure antipatia

  227. Giovanni Says:

    Mauro il 9 dicembre alla fine di questo post,hai preconizzato che l’astuto Renzi avrebbe ottenuto la riforma elettorale e del Parlamento.
    Hai pure ipotizzato una possibile tenuta del governo Letta fino al 2015
    E in effetti Renzi si è mosso rapidamente nella direzione da te prevista
    E tuttavia pare che Grillo abbia deciso di non concedere nulla politicamente a Renzi .Sulla stessa lunghezza d’onda si muove il partito di Berlusconi
    Napolitano sostiene che la riforma elettorale si può fare anche a stretta maggioranza
    Sostanzialmente con i parlamentari che votano per il governo
    A meno che il governo non ponga la fiducia sulla legge elettorale non mi pare che vi sia un’effettiva maggioranza “politica nel Pd”
    Nessuno degli eletti dal porcellum ha voglia di tornare a casa,così come parte dell’ex maggioranza del Pd vuole essere fatta fuori dal Renzi
    Costui e’uscito improvvidamente allo scoperto prima del tempo e anche quelli che erano saltati sul carro del vincitore non si sentono al sicuro
    Insomma,se la sentenza della Corte non prevederà il termine di decadenza delle camere si può ipotizzare che la legislatura e’destinata a protrarsi fino alla scadenza naturale
    In conclusione,nel breve periodo,Renzi,riuscirà ad ottenere un piccolo rimpasto governativo e due sconfitte elettorali(Sardegna ed Europee)

    Ps e’ da considerarare poi che una eventuale approvazione della riforma elettorale con la fiducia ,equivale allo scioglimento delle camere:riuscirà Napolitano ad obbligare Letta ed i numerosi parlamentari Pd ad autolicienzarsi?

    • Remo Tedeschi Says:

      peccato, la poltronite ha colpito anche il Grillo-sardo, sono il primo partito dell’isola, ma non si presentano ,motivo? una sorta di faida tipo Sanna&Porcu, che delusione!! guardavo con simpatia codesto mov.democratico, nato dal basso ……

  228. Giovanni Says:

    Insomma,Mauro,con la crisi economica e sociale in fase di crescita ,il logoramento del “nuovo”partito liberaldemocratico mi pare alquanto inevitabile

  229. Marco da Bologna Says:

    Un commento da uomo della strada quale sono,spero di non essere l’ultimo di questa lunga discussione,nel senso che non mi sento per cultura ed esperienza politica tipo da conclusioni.Credo che si esce da questa crisi con una sostanziosa patrimoniale;seguita da investimenti pubblici seri.politiche Kenyesiane;anche l’alta velocità,progetto assurdo può appunto per assurdo dare una scossa al Pil,;bisognerebbe vigilare sul tipo di appalti questo si. Anche scuola e sanita’meriterebbero spesa pubblica.Credo che i nuovi proletari sono di fatto i lavoratori dipendenti;si va dal farmacista della farmacia comunale,all’impiegato che ormai deve essere laureato.al tecnico che è il vecchio operaio e via cosi’.Ci mettiamo i precari e il cerchio si chiude.Non è poi una classe cosi’ ignorante qualche speranza per una nuova sinistra c’è!!!!Sul fatto che Renzi faccia poi il gioco della Merkel idem per i Grillini sono abbastanza concorde se ho capito bene.Non si parla mai del periodo stragista in Italia quanto meno dai Grillini,credo che non a caso in quel periodo fu colpita Bologna perchè vi erano teste pensanti.E’ vero ogni epoca storica ha avuto le sue medicine per fare andare le cose in un certo modo!!!!Prodi democristiano soft,Renzi democristiano più liberal il che è tutto dire.Credo che D’Alema sia tutto di un’altra pasta rispetto al nuovo che avanza,ma ormai credo pensi alla pensione!!!Buon Anno a tutti!!!!!

  230. Milli Says:

    @Remo. Non sei contento per la Sardegna? Il M5S dalle stelle alle stalle. Almeno i sardi non dovranno sorbirsi il forcone-pensiero di Grillo. Soltanto le intemperanze di Renzi

  231. Remo Tedeschi Says:

    Meglio sarebbe presentare Benito Urgu quello di Gambale twist

  232. Milli Says:

    Se qualcuno è interessato a strutture alberghiere per risolvere il problema della disoccupazione in Sardegna, si può sempre rivolgere a Soru. Mi hanno raccontato,ma non ho mai approfondito,che abbia acquistato in tempi non sospetti, e per somme irrisorie,molti terreni nell’Iglesiente. A quel tempo nella zona si estraeva carbone, ma dopo poco l’Europa impose la chiusura delle miniere. Volgari pettegolezzi. Non saprei. Se qualcuno ha un amico sardo si faccia raccontare.
    Da allora – governatore Soru – furono presentati magnifici progetti per la creazione di strutture alberghiere, ristorazione, linee ferroviarie e acquedotti. Un lavorio continuo e disinteressato. Certo Soru non è Grillo. Ma credo che nel settore se ne intendono entrambi.

  233. Milli Says:

    Intendano

  234. mauro zani Says:

    Se il partito liberal democratico si logora.. beh son contento essendo io fermo a sinistra. Ma non avverrà. Credo.

  235. mauro zani Says:

    leggi: “fermo”. Virgolette….

  236. Giovanni Says:

    @Remo,per fortuna la scienza politica non è andata ancora in soffita
    Il M5s non partecipa alle regionali sarde per le seguenti ragioni:
    1)le elezioni regionali in una piccola regione sono ad alto tasso di clientelismo
    2)un modesto risultato compreso tra il 12 e il 15% avrebbe influito negativamente sul “sentiment”dei potenziali elettori del M5s alle prossime elezioni europee
    3)parte dei voti del M5s confluiranno nel Partito Sardo
    Consequentemente Renzie perderà e tu non potrai non esserci grati perché avrai una qualche chances di continuare ad arrostire salsicce alla “Festa”
    In giro si dice che alle prossime feste tutto sarà appaltato a Eataly
    Perciò ti rimane soltanto la speranza che Renzie prenda due sonore bastonate

    • Remo Tedeschi Says:

      però, Giovanni , le opportunità politiche dei grillini, che giustamente descrivi è roba da prima repubblica, o peggio, e i “cittadini”?
      forse i voti li acchiappa Renzi, mah, consoliamoci con qualche lasagna rimasta in freezer( fatte dalla sdora, non eataly)

  237. Giovanni Says:

    @Milli,sarebbe certamente per tutti proficuo che ogni intervento fosse innanzitutto rispettoso del principio di distinzione,tra fatti,individui,volgari pettegolezzi,opinioni ecc
    Frontone rimproverava al grande Lisia di disporre il discorso alla rinfusa,di giustapporre il prima al dopo,la fine all’incipit
    Non poteva immaginare Frontone che il XXI secolo avrebbe prodotto discorsi dove non è possibile operare distinzione alcuna

  238. Giovanni Says:

    @Mauro,succede quello che si vuole soltanto se si agisce
    Il tuo e’un lavoro splendido perché fai vedere in anticipo quello che può accadere e io ci vedo il ….logoramento dei liberalnazisti
    Farinetti,il mentore di Renzie(mi scuso per il furto lessicale a MDA)ha detto che fa perquisire i suoi dipendenti perché guadagnano poco e perciò sono dei potenziali ladri
    Non andranno lontano.
    E’certo

  239. Milli Says:

    Rilassati Giovanni. Eri più simpatico quando criticavi il compromesso storico. Da quando fai il grillino doc annoi un po’, ma solo un po’. Ne vedremo delle belle seduti davanti al computer di casa. Per il momento sono sotto attacco gli insegnanti. Aspetto senza ansia che mi tocchino la pensione. Sono vecchia, malata e senza un soldo ma non perdo quasi mai il buon umore. Noto con la giusta perfidia che prima di partire all’attacco aspetti l’attenzione di Zani. Hai bisogno di approvazione? Buon anno Giovanni, buon anno: questo è uno spazio libero.

  240. Milli Says:

    Forse sarebbe meglio dire uno spazio liberato e non per nostro merito.

  241. Milli Says:

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/01/04/pippo-fava-trentanni-dopo-chi-sono-oggi-i-suoi-ragazzi/832171/

    Zani sono andata fuori tema. Ma la mafia è in Sicilia, a Roma, a Milano. Negarne la presenza in Sicilia,per strappare qualche voto, è un insulto alle vittime. Grillo non avrà i voti della sinistra delusa. Almeno spero. Non aspetto nessun cenno di adesione da parte tua. Non c’ è bisogno, non ne ho bisogno. Certo che sono una grande rompiscatole. Claudio, torna nello spazio liberato. È necessaria la tua memoria.

  242. Giovanni Says:

    @Milli,tu dici che sono perfido,Claudio dice che sono cinico.Sarta vero?
    In realta non c’e persona piu generosa e altruista di me
    Io ti avevo avverita che questo governo voleva tagliare stipendi e pensioni,cosi come ha fatto il governo reazionario spagnolo
    Vogliono tagliare l’esistenza di chi ha lavorato una vita e rirurre in schiavitù i giovani
    In Spagna,le multinazionali Ford e Tojota hanno insediato le loro fabbriche di auto dopo che i sindacati di concerto con il governo hanno tagliato stipendi e contributi nella misura di un terzo
    Perciò il Saccomanni che ha incassato negli anni milioni e milioni dalla Banca d’Italia ,oltre ad altri privilegi immaginabili,oggi si sente in diritto di chiedere agli insegnanti italiani la restituzione di parte dei loro diritti,o meglio di parte di ciò che serve al minimo sostentamento
    Come vedi se parlo di “poteri marci”lo faccio a ragion veduta.
    Del resto,come tu sai ,il blocco degli scatti di anzianità riguarda tutti i dipendenti pubblici
    Al contempo la la Consulta ha dichiarato incostituzionale il taglio del 5%alle pensioni che superano i 90.000 mila euro all’anno e il tribunale amministrativo di Parma ha condannato lo stato a restiture ad un giudice amministrativo ciò che che gli era stato trattenuto.
    I diritti quesiti in questo paese,ormai é chiaro esistono solo per i ricchi
    Che fai allora?
    Te la prendi con Grillo,il quale sostiene che li dobbiamo mandare tutti a casa
    Ci vuole una rivoluzione civile perche siamo tutti coinvolti da politiche mirate a far pagare la crisi a chi lavora o a chi a lavorato per un modesto stipendio
    Bisogna perciò mandare a casa una classe politica che quest’anno spendera 5 miliardi per armi che non sono utili al paese,che continua spendere 24 miliardi per far funzionare le loro istituzioni,che strapaga il dott Sarmi(1,5 milioni all’anno) per far buttare la posta in luoghi reconditi,che tiene aperte 120 sedi della Banca d’Italia del tutto inutili per assicurare stipendi d’oro a dirigenti e funzionari,ecc
    Non sono io dunque il tuo perfido nemico
    Io immodestamente guardo ai fatti e traggo le conclusioni,senza l’appovazione di Mauro,con il quale mi sono sempre confrontato all’arma bianca

  243. Milli Says:

    Caro Giovanni non mi riferivo alla tua perfidia. Mi sono espressa male. Parlavo della mia cattiveria. Avevo notato una certa ansia nel tuo cercare l’approvazione di Zani. Penso che a leggerci sbuffi come un tricheco matto. Ed ha pure ragione. Non penso di essere buona o generosa. Sono come tutti. A volte buona e a volte cattiva. Ma tutto questo non ha importanza. Noi siamo stati sconfitti alla grande e paghiamo e pagheremo moltissimo. Ma sono convinta che non sarà Grillo a tirarci fuori dai guai. Per il momento Saccomanni chiede agli insegnanti di restituire allo Stato una bella somma. Secondo me con un duplice scopo: fare cassa e mettere in difficoltà il giovane virgulto fiorentino. Se volesse andare a maggio anche alle politiche Renzi si troverebbe nei guai. Si troverebbe tutti gli insegnanti contro, i precari, gli operai, i cassaintegrati etc etc. A Saccomanni, Letta e alla mutata maggioranza interessa restare fino al 2015. Tanto sempre intese ci saranno, piccole, medie o grandi a piacere. In Grecia da un anno e più hanno tagliato agli insegnanti il 50% dello stipendio. Qui in Italia Lor Signori sono più attenti. Vedono fin dove possono arrivare per far piacere ai grandi potentati, si fermano e poi di nuovo vanno all’attacco. Non so chi farà questa rivoluzione civile.
    Mi hanno regalato a Natale un libro di Manuel Vàsquez Montalbàn, “Luis Roldàn né vivo né morto” del 1994. Incredibile: una lucidità e una ironia incontenibile. Praticamente parla di oggi.
    Scrivi a Claudio. Penso che gli farà piacere. E come diciamo a Napoli:” Nun fa’ ‘o capuzziell’ “.
    A presto, qui sullo spazio liberato.

  244. claudiopagani Says:

    Su questo blog c’è troppa “sindrome da sconfittismo” che genera INEVITABILMENTE rabbia impotente. Certo che ,noi sinistra, siamo stati sconfitti e non solo in Italia perchè ,circa dagli ’80, si è affermato un nuovo pensiero egemone il cosiddetto “neo -liberismo”, coltivato , a partire dagli anni 60 nelle principali università americane e ,soprattutto , in potenti fondazioni con grandi investimenti di VERI POTERI FORTI ( non quelli ridicoli italiani che ,al massimo, riescono a rottamare MDA ,per mezzo del ridicolissimo sicario Renzie, con l’applauso scrosiante di tanta ,e parte , della mediocrissima e inutile sinistra italiana.)
    Ora ,in tante parti del mondo , si sta costruendo ,su basi nuove, un nuovo pensiero progressista( basti pensare ,solo per fare un esempio, al premio nobel Krugmann che ,da almeno 10 anni prima da solo e poi sempre + in compagnia, sta combattendo una dura battaglia quotidiana contro le mosche cocchiere della reazionarissima destra repubblicana; a mio modestissimo avviso , non è lontano il tempo in cui questo nuovo pensiero progressista tornerà ad essere egemone( anche perchè i guasti del neo -liberismo rischiano di affondare il mondo occidentale e ,in primis, la vecchia Europa , guidata dalla vecchia e rancorosa Italia.
    Dopo che il nuovo pensiero sarà diventato egemone , in un tempo non lungo, diventerà “senso comune” e quindi si potrà ricostruire la politica su basi nuove. Naturalmente, nella provinciale Italia , dove il dibattito politico è particolarmente povero e ,prevalentemente, isterico, ci vorrà + tempo. ( basti pensare che ,ancora oggi, si pensa che pubblico è brutto e andrebbe privatizzato tutto ,purtoppo lo pensa anche Giovanni; naturalmente nessuno riflette sul fatto che i ns “imprenditori” hanno sempre preferito la “rendita” all’investimento produttivo” e la ns INDUSTRIA a VOCAZIONE DOMESTICA , pari a 2/3 del totale, non effettua un ciclo significativo di investimenti da tempo immemore e quindi è praticamente morta.
    Ora , a fronte di un’imprenditoria cosi poco dinamica, é ASSOLUTAMENTE NECESSARIO UN CICLO DI INVESTIMENTI PUBBLICI , naturamente mirati a pochi essenziali obiettivi , per un importo di almeno 50 MLD ; senza sta roba l’Italia ,in un tempo non lunghissimo , è defunta, come i paesi socialisti di non buona memoria. Oltre a ciò è ASSOLUTAMENTE NECESSARIO riportare il debito pubblico verso il 100% con una drastica patrimoniale sui redditi alti e medio-alti ( diciamo chi possiede ttitoli del debito e patrimonio oltre i 100000 Euro ) che ricavi almeno 400 MLD. Tra l’altro cosi si risparmierebbero circa 25 MLD di spesa per interessi ,cioè circa la meta della cifra di investimenti necessari.
    . Purtroppo la “colpa ” ,se questo non si fa ,è della maggior parte degli italiani dei ceti alti e medio-alti che ,rendendosi conto della drammaticità della situazione, chiedono ,responsabilmente , ai loro governanti di farlo e non gli chiede di risparmiare pochi euro sui cosiddetti costi della politica; da ultimo questi ceti hanno delegato l’onere di continuare il disastro al giovane e chiacchierone Renzie , ma questo servira ad allontanare solo di un pò l’amaro calice..
    Comunque ,visto che il pensiero precede sempre l’azione, come dimostra la vicenda dei think tank di destra negli USA ,che in circa 20 anni hanno cambiato il senso comune della politica, basta piangersi addosso e cercare di svolgere al meglio le “funzioni superiori” che ,uniche, ci distinguono dalle bestie ( naturalmente non sottovaluto i soldi di cui disponeva la destra USA , mentre qui…)

  245. Remo Tedeschi Says:

    ottimo, Claudio, faccio però l’avvocato del diavolo, sconfitta la sinistra?? ti risparmio l’elenco delle “cariche” istituzionali” a gestione
    diciamo…. di sinistra-centro, come la mettiamo?

    (Ti ricordo che ho la tessera scaduta, e rimane così)

    • claudiopagani Says:

      Io parlo di sinistra che fa la sinistra in senso tradizionale- classico ( tipo SPD prima della svolta neo-liberista di Schroder): questa sinistra aveva , prima di tutto, come obiettivo strategico la difesa dei lavoratori salariati ; oggi i partiti cosiddetti ” di sinistra” sono tutti diventati interclassisti , cioè rappresentano tutti i ceti sociali ,cioè ,in pratica, nessuno davvero; naturalmente in Italia il presunto partito di “sinistra” e cioè in realtà ,come dice giustamente Zani, il partito liberal – democratico a guida Renzie è un partito che ,in GB ai tempi di Blair, sarebbe stato alla sua destra. In questo contesto, tu mi parli di cariche istituzionali a gestione “sinistra- centro” e immagino ,tu pensi, in primis a Napolitano. Bene Napolitano è un uomo d’ordine ( e lo dico con grande rispetto) che ha orrore del disordine , a prescindere dalla sua militanza nel PCI, e quindi è uomo ,sinceramente e non fraudolentemente, dell’establishment politico -economico; tanto è vero che, alla caduta rovinosa di Berlusconi ( che fece impennare in pochi mesi lo spread da 100 a 574) , non penso minimamente di sciogliere le camere e ,magari, consentire al “povero ” Bersani di vincere le elezioni ma insedio Monti ( naturalmente sotto FORTE pressione di Merkel e BCE). Quindi Napolitano ,al di la delle sue parole, nulla c’ entra con una sinistra attuale , cosi come nulla c’entra Renzi il quale ,tuttavia , da diversi mesi ,parla spesso di sinistra , ma è pura tecnica di comunicazione o , + crudamente, un vero e proprio inganno consumato con l’aiuto dei media ,in primis la Repubblica di CDB. Tutto qui.

  246. Remo Tedeschi Says:

    Guarda, che Bersani, dopo le dimissioni di Berlusconi, disse: non
    si governa sulle macerie, e approvò la fase Monti, come periodo di “decantazione” dello scontro politico.
    comunque.Claudio, è bello restare in un’ambito “utopico” , noi siamo una generazione che lo può fare, per chi vuole o spera di cambiare
    sostanzialmente qualcosa, deve fare i conti con quello che c’è, oggi
    e obbiettivamente è davvero dura, l’illusione Grillo, resta solo illusione e … qualunquismo pseudo-progressista.

    • claudiopagani Says:

      Chi vuole “sostanzialmente cambiare qualcosa” deve:
      1) cambiare la propria “mentalità” capendo che oltre il 90% di quello che crede di pensare in realtà glielo ha letteralmente “ficcato” in testa lo strabordante battage mediatico e molte cose che vengono date per scontate sono semplicemente INFONDATE; in definitiva bisogna diventare portatori di un pensiero critico( e questo vale non solo in politica)
      2)Leggere molto ( possibilmente libri di carta) : anche in rete ,sapendo scegliere, c’è moltissimo pensiero critico che aiuta a orientarsi meglio( altro che partecipare a tantissimi blog dove ci si addestra solo all’insulto).
      3)Nello specifico della politica bisogna imparare che oggi vengono per lo + dibattute questioni di assoluta irrilevanza ( potenti armi di distrazioni di massa) ,mentre è ASSOLUTAMENTE NECESSARIO tornare ai fondamentali e cioè al nesso strutturale tra politica ed economia: oggi l’economia globale è riuscita a ridurre la politica ad un ruolo ancillare e l’obiettivo sarebbe quello di azzerare la politica; in Italia siamo molto, molto avanti e Renzie ha il compito “suggeritogli all’orecchio” di completare l’opera.
      4) Sentire come assolutamente ineludibile la questione dell’INGIUSTIZIA SOCIALE che ,come tale, mette a rischio la stessa ns natura umana.
      In mancanza di questi prerequisiti si parla solo di “aria fritta” o ,+ cinicamente, come fanno Renzie e i suoi “dirigenti l’unico vero obiettivo è sostituire un vecchio ceto politico decotto ,con uno nuovo che ,però, muovendo dalla stessa cultura politica -politica,( anzi un pò + a destra visto che il solidarismo cattolico è molto attenuato) , non è assolutamente in grado di cambiare nulla di quello che sarebbe necessario e da solo un pò (poco) ossigeno ad un sistema che andrebbe rifondato dalle fondamenta.
      Io non mi sento affatto un “utopista” ma una persona di una certa età che cerca sempre di “dire la verità” credendo cosi di fare un servizio anche ai giovani, almeno quelli in buona fede e detesto quelli della mia età che ,per non avere conflitti, assecondano lo spirito del tempo

  247. Milli Says:

    Una giornata strana ieri. In Italia Letta, mal consigliato dal tecnico liberista Saccomanni, ha fatto uno scivolone incredibile sulla scuola: restituzione immediata dei soldi per gli scatti di carriera. Andreatta si deve essere rigirato nella tomba. Una volta tanto tanto tempo fa, nel secolo scorso, la scuola italiana era un serbatoio di voti per la DC. Dopo i vari ministri della pubblica istruzione, a partire da Luigi Berlinguer, la scuola è stata ridotta a barzelletta. Una tragica barzelletta. Eppure, a differenza della classe operaia, una buona fetta degli insegnanti vota (votava?) Pd. Renzi, più svelto, ha capito ed è intervenuto.
    In Grecia invece il partito di Samaras, Nuova Democrazia, è intervenuto pesantemente su un articolo apparso su Avgi, giornale di Syriza.
    Riportano la notizia su il Manifesto di oggi, Massimo Bascetta e Argiris Panagopoulos. Avgi ha pubblicato un articolo di Toni Negri apparso sul sito EuroNomade con il titolo ” Rompere l’incanto neo-liberale: Europa terreno di lotta “. Apriti cielo! Nuova Democrazia ha attaccato il terrorista italiano e la terrorista Syriza, chiedendo all’Italia l’arresto di Toni Negri. Una pubblicità inaspettata per il prof. che in Italia è seguito da una sparutissima pattuglia di nostalgici. Sembra che non avesse mostrato neanche tanta fiducia nel giovane greco. Avgi ha risposto ironicamente riportando una intervista di Negri pubblicata nel 2003 dal giornale filogovernativo Vima, quando Syriza non era ancora nella mente degli dei.
    I liberisti italiani e greci al governo in palese difficoltà fanno figuracce inenarrabili.
    Ma per Alexis Tsipras si è espressa favorevolmente di recente Barbara Spinelli che ha ben altra memoria e orientamento sull’Europa. Anche Lerner sulla Repubblica ha parlato di Tsipras e sul romantico atteggiamento dei precari europei a suo favore. Dà vincente Schulz ma invita il Pd a creare un rapporto tra il tedesco e il greco. Non ho capito bene cosa volesse dire. Per quanto mi riguarda tra Davide e Golia, la mia simpatia va al giovane armato di fionda. Sarà per il mio romanticismo? Boh

  248. Giovanni Says:

    Sorgerà più splendente di pria il Sol dell’avvenire…
    Non per incanto ma per virtù di uomini coltissimi,appassionatamente dediti alle letture delle sacre scritture.
    E si perchè tra qualche anno nessuno leggerà più libri dotti e le scienze umane saranno appannaggio degli ultrassessantenni che rimembreranno il tempo in cui….
    Moderazione compagni,moderazione

  249. claudiopagani Says:

    Checchè tu ne pensi ,i grandi cambiamenti nella storia sono preparati da discontinuità nel pensiero precedente. Certo se qualcuno si accontenta , molto cinicamente e molto da “vecchi, di pestare la solita acqua nel solito mortaio e di imitare i ragazzi (molto invecchiati) della via Paal…buon pro gli faccia

  250. claudiopagani Says:

    …E io,comunque, non sono minimamente interessato alle vecchie baruffe chiozzotte!

    • Giovanni Says:

      Baruffe?
      Le detesto
      Volevo soltanto evidenziare che mi par strano che un ultrasessantenne confonda il crepuscolo co l’aurora
      Tutto qui

      • claudiopagani Says:

        Io mi sento idealmente vicino al Vico dei “corsi e ricorsi” e quindi…finita l’epoca “neo- liberista” per la “sopravvivenza dell’umanità mi pare necessaria una fase di orientamento “socialista”; a meno di pensare la storia come un flusso unidirezionale dove la fase successiva “elimina totalmente” quella precedente , ma mi pare una teoria molto rozza e ,per altro , largamente smentita da una serie analisi degli avvenimenti. Il crepuscolo e l’aurora poi “dipendono dal sistema di riferimento” come scoprì il grandissimo Albert Einstein nel 1905 ; evidentemente qualcuno è rimasto alla fisica newtoniana ( che è una buona approssimazione della realtà solo quando la velocità è bassa e non approssima quella della luce). Naturalmente se si considera il duo Grillo/Casaleggio ( che ripeto potrei perfino votare per depotenziare il PD renziano) come l’alfa e l’omega di tutto , allora…
        Tutto qui.

      • Giovanni Says:

        Tutto vero,ma noi abitiamo ancora il pianeta Terra

  251. Remo Tedeschi Says:

    Notizie dal profondo sud. A.R.Sicilia 50 neo portaborse, 26 del mov.5stelle di Grillo, 3180 euro mese, , (rep) ma sono sicuro che è una notizia falsa e tendenziosa, loro, sono diversi,sembra che al posto della borsa usano lo zainetto.

  252. Giovanni Says:

    Tedeschi ,per fare “disinformazia”occorre iscriversi quanto meno ad un corso serale alla J Opkins

  253. Milli Says:

    Guillaume Apollinaire:” Li portammo sull’orlo del baratro e ordinammo loro di volare. Resistevano. Volate, dicemmo. Continuavano a opporre resistenza. Li spingemmo oltre il bordo. E volarono “.

  254. Milli Says:

    http://www.repubblica.it/spettacoli/cinema/2014/01/06/news/virz-75235095/

    Per chi voterà la borghesia brianzola? Non più per la Lega. Penso proprio per Renzi

  255. Remo Tedeschi Says:

    Quattro anni,per verificare le elezioni in Piemonte , liste piene di firme false, se il ricorso di Cota sarà respinto, non dovrebbero restituire gli stipendi ? in media 800.000 E, per consigliere.

    In Sicilia abbiamo già detto dei portavalori, in Sarda, i grillini non possono presentare il simbolo alle regionali perchè è privato, è di Grillo, come fosse di Coco Chanel, chi può smentire la creatività degli Italiani? aggiungiamo, un venditore di terraglie toscane
    diventa seg. di un partito che per vergogna non apriamo l’album,
    si rischia il suicidio.

  256. Giovanni Says:

    Tedeschi,absit iniuria verbis,sei messo davvero male.
    In sostanza non capisci un c….
    Perciò lascia stare la propaganda,un mestiere che richiede attitudine ed esperienza
    E’probalire che nella tua vita di salcicciaio qualche proselite per la sezione lo hai raccattato….ma quanti voti hai fatto perdere al tuo partito soltanto Dio lo sa
    Alle elezione in Piemonte Grillo ci sarà
    E puoi scommettere che di Fassino,Bresso e Chiamparino non resterà che la merda secca
    Questi tre figuri hanno portato Torino alla bancarotta e ridotto a straccioni e mendicanti i figli degli immigrati che avevano ricostruito l’Italia
    Il finale di partita. e’dato per scontato dai due bancarottieri :Fassino si è fatto cooptare nella Cassa depositi e prestiti dal suo amico Bassanini,mentre Chiamparino si è fatto nominare dal medesimo Fassino alla presidenza della Fondazione S. Paolo
    Nel frattempo la moglie di Fassino e’alla quinta legislatura in parlamento per racimolare un altro milioncino
    E poi la Milli continuerà a parlare di mafia in Sicilia
    Sveglia Milli,levati in piedi,butta al vento i tuoi libri di poesia e leggiti una buona spy story

    • Remo Tedeschi Says:

      Povero Giovanni ,curati la megalomania senile, un consiglio vorrei darti, rileggi le stronzate che scrivi, è la cura migliore per te, continua a leccare il deret….. a Grillo, chissà se ti manda un biglietto per pitti-bimbo.

      • Giovanni Says:

        Non ti sorge il dubbio di liberarti delle troppe lasagne riscaldate ?
        Usa il rimedio della nonna.Fatti un clistere
        E non dimenticare l’alito.I rimedi sono mille

  257. Giovanni Says:

    Ah dimenticavo,tornerà molto utile a Fassino e Chiamparino i servigi resi alla famiglia Agnelli,che si apprestano a fuggire per sempre da Torino ridotta peggio di Detroit nel 2008

  258. Milli Says:

    Da La Repubblica di oggi.
    Dopo Nino Di Matteo anche il procuratore aggiunto Teresa Principato è in pericolo. C’è stata una soffiata: il latitante mafioso Messina Denaro cerca tritolo per Palermo e non per Bologna o Torino. Mentre i 26 porta-zainetti di Grillo vanno spavaldamente in giro senza capire niente di niente, la mafia torna all’attacco. Forse è con Roma che cerca accordi.
    Tra i libri-regalo di Natale ho ricevuto il noir ” Buio” di Maurizio De Giovanni. Ma si svolge a Napoli.
    Claudio cerca, se ci riesci, di far ragionare gli entusiasti del nulla.

  259. Remo Tedeschi Says:

    Milli, non solo in Sicilia , i rivoluzionari di Grillo hanno assunto una sorta di badante (hanno detto che gli aiutano a fare le leggi), in Emilia , due 5stelle (2) hanno presentato all’incasso 200.000 euro in consulenze, ecco chi non capisce un c…

  260. claudiopagani Says:

    Beh Giovanni , come propagandista politico non è granchè; con le sue tirate (in cui, purtroppo,, vedo davvero tracce di “megalomania senile”) rischia di compromettere il mio annunciato voto a 5S nelle Europee ,sia pure in chiave anti-pd renziano.
    E poi ,anche come analista politico…
    In Piemonte Chiamparino ( che io non voterei essendo ,da sempre, un ultradestro) stravincerà le elezioni regionali e il 5S( se si presenterà perchè questo è affidato all’imperscrutabile volontà di Grillo/Casaleggio) farà un modesto risultato , come sempre del resto nelle elezioni locali ( tranne nel fortunato caso di Parma).
    Cara Milli, a proposito di”…far ragionare …” , semplicemente dio acceca che vuole perdere e non c’è ,purtroppo niente da fare.
    A proposito il libro di Maurizio De Giovanni , che seguo da molto tempo, è davvero magnifico e poi l’autore è un “compagno” di grande umanità che ho avuto modo di conoscere in una casa romana.

    • remo tedeschi Says:

      Claudio, a proposito di Parma, ci furono chiare e aperte dichiarazioni di esponenti pdl a favore di Grillo , solo, con il proposito di fare perdere il pd, quindi la giunta-Pizzarotti,è un bicolore grillo-santanchè, poi dobbiamo ascoltare le concioni dei grillini, ma andate a fareinc…..

    • Giovanni Says:

      Noi ci darem la mano…
      Continuerete ovviamente a votare come sempre
      A proposito Claudio sai che Veltroni si spende notte e giorno per convincere Renzi a candidare D’Alema alle prossime elezioni europee
      Se il buon Renzi vorrà prendiamo tre piccioni con una fava:MDA non invecchierà intristito,tu potrai votare convintamente Pd e per il M5s ,sarà un gran pacchia elettorale

  261. Milli Says:

    Mi piacciono anche i fumetti e le fiabe. Ho una strega preferita: la Baba Jaga, la spaventosa Antica Madre che vive in una strana casa che cammina su zampe di galline e che piroetta e danza. Una strega che,invocata dalle donne, restituisce a quelle che non hanno paura, il tesoro dell’intuito selvaggio.
    Perchè in questo blog non scrivono altre donne? Così mi riposo un po’.
    Certo che vado sempre più fuori tema!

  262. Giovanni Says:

    Ho notato che tra i fautori e gli avversari di una qualunque tese(da questi uniti) la stragrande maggioranza e’composta da persone che in realtà non conoscono la tesi
    Ho altresì notato che ciò che chiamiamo “convinzione” e’ solo l’atteggiamento fittiziamente risoluto necessario alla fragile consistenza.di una opinione
    Infine,quando di una teoria si dice “che può essere sostenuta” non si dice forse che hai bisogno di qualcuno che la sostenga?Da,sola,cade…e lasciatela cadere.
    Ma per carità non lasciate il Blog Verrebbe a cadere un divertissment
    Continua Claudio,continua Milli e anche tu uomo della Corticella.
    Io vi unisco e vi sostengo
    Lo scambio e’reciproco

  263. remo tedeschi Says:

    Noio vulevan savuar

  264. Giovanni Says:

    Forse volevi dire:Noio vulevan volevon savuar

  265. Giovanni Says:

    Hanno staccato la spina del telefono a Cialiente,sindaco di centro sinistra dell’Aquila
    Dicono gli accusatori che da quelle parti si vendevano appalti per una miseria:una bottiglia di grappa e una mazzetta da 10.000 Euro.
    Niente a che fare con il prescritto Penati
    Tuttavia pare che il vero motivo per cui gli è stato staccato la si a sia molto,ma molto più grande :Cialiente sostiene che ha pagato perché non aveva issato il tricolore e,peggio ancora,aveva restituito la fascia tricolore di sindaco
    Cialiente,Cialente,anziché ridere sotto le coperte,ti sei messo a fare il matto.Ben ti sta
    E meno male che hanno chiuso i manicomi criminali,altrimenti ti saresti trovato di fronte alla prospettiva…non fine pena

    • remo tedeschi Says:

      Guardate in faccia i grillini, seduti,come al cinema, una ammucchiata di trombati in altre liste locali e nazionali, come il deficiente che prospetta per il 2054 la guerra termo-nucleare.
      Chi è ? il guru 5stelle, Casalecchio.

  266. remo tedeschi Says:

    grande l’ultimo di Zucchero “la rosa Blanca” specie una samba che dice; como ganar dinero in Costa-rica

  267. claudiopagani Says:

    Leggo oggi , su Repubblica una bella intervista al grande scrittore tedesco Gunther Grass; in essa Grass afferma , a proposito della grande coalizione nel suo paese:
    “…Le differenze tra i ricchi e i poveri non verranno risolte…”
    Ecco io mi sento di applicare queste parole al PD di Renzi e poichè l’unico orizzonte di una politica di sinistra non può che essere quello, io mi sento radicalmente estraneo , a partire dal piano culturale, a questo partito.

  268. Remo Tedeschi Says:

    Ma è dal mesozoico superiore che esistono le differenze, anche quando da qualche parte si spacciava per “fatta” la dittatura del proletariato, cosa fare, Claudio, per via “democratica, ti fottono, per vie rivoluzionarie ti fottono gli stessi capi , sempre fottuti, per fortuna c’è la salsiccia.

  269. claudiopagani Says:

    Quantomeno si tratta di considerarlo “orizzonte irrinunciabile” ,innanzitutto , della propria cultura politica.
    Pensa alle condizioni di vita degli operai inglesi di inizio ‘800 , prima del socialismo scientifico…Se si fossero rassegnati al fatto che “…esistono le differenze…”. E poi , coltivare l’utopia, è la premessa di ogni vero cambiamento politico.
    Temo che ,soprattutto in Emilia, si consideri la politica come pura gestione dell’esistente ( magari con qualche piccolo aggistamento il cosiddetto “riformismo con il cacciavite”) ; ma questa è ,al + , buona amministrazione.Del resto il fallimento di Bersani è stato paradigmatico di una intera cultura di cui Renzie è il + conseguente ( e cinico) epigono.

  270. Remo Tedeschi Says:

    Ilvo Diamanti ; fiducia nelle Forze Armate 70%, nei partiti 6%
    ho paura che di questo passo, l’utopia c’è la suonano.

    Siamo messi male , noi, ma anche i socialisti francesi, grande Holland , lui, va a gnocca, dove , anche Chirac,si imboscava con le amiche, adesso arriva Cristine, a pareggiare i conti.

  271. Milli Says:

    http://ilmanifesto.it/un-referendum-dimperio/

    ” il Grillo canta al tramonto”. Il sacro testo

  272. Milli Says:

    Grandi manovre tra Renzi e Grillo? Non capisco. Tra ragazzotti spudorati e comici in disarmo non riesco proprio a ridere. Se succede qualcosa svegliatemi. Dopotutto nel pollaio ci sono un po’ di galli.

  273. Giovanni Says:

    Ecco la sentenza integrale della Consulta che ha dichiarato l’incostituzionalità del porcellum.

    http://www.cortecostituzionale.it/actionSchedaPronuncia.do

    Ma secondo la corte, con una legge elettorale incostituzionale si può eleggere un legittimo Parlamento.
    Infatti, ha concluso la Corte che “Le elezioni che si sono svolte in applicazione anche delle norme elettorali dichiarate costituzionalmente illegittime costituiscono, in definitiva, e con ogni evidenza, un fatto concluso, posto che il processo di composizione delle Camere si compie con la proclamazione degli eletti.”
    Perciò, in fin dei conti, la sentenza della Corte è solo un invito al Parlamento a modificare la legge elettorale entro la scadenza del termine naturale della legislatura, altrimenti alle prossime elezioni si vota con il proporzionale puro e con una preferenza.
    Di regola, le sentenze costituzionali hanno effetto retroattivo, anche se fanno salvi i “fatti conclusi”, come, ad esempio, i diritti definitivamente acquisiti ovvero un definitivamente consolidati.
    Ma qui gli unici fatti conclusi sono le leggi emanate dal Parlamento, mentre non si è proceduto neppure alla proclamazione di tutti li eletti.
    Insomma, la sentenza della Consulta rispecchia a piena il pensiero del Presidente della Repubblica.

  274. Giovanni Says:

    Caro Mauro, in conclusione la legge elettorale non è una priorità.
    Se ne parlerà verso la fine della legislatura
    E Renzi?
    Può attendere
    La destra sarà di lotta e di governo
    Il Paese galleggerà più o meno sull’orlo di una guerra civile ad personam. L’uno contro l’altro armato per la quotidiana sopravvivenza
    Per ogni mezzo punto di Pil in più ci saranno 250 mila disoccupati in più
    Il vero rebus, resta la sopravvivenza del ceto medio “commerciale” che ha convissuto con il sistema
    Si tratta di un ceto sconosciuto negli altri paesi dove vige il mercato capitalistico
    Un’animale sconosciuto ai grandi studiosi di macro e microeconomia
    Somiglia ad un pinagna

  275. Giovanni Says:

    Tedeschi,visto,hanno beccato Faraone.Prima o poi doveva succedere.
    Tuttavia ha garantito che se….sarà rinviato a giudizio lascerà …
    Cosa lascerà la segreteria di Renzi o il Parlamento?
    Con questo mondo di ladri…con questo mondo di eroi…

  276. Remo Tedeschi Says:

    Il parlamento nò di sicuro, l’altro giorno , quel mostro di psicologo con sopracciglia abnormi, diceva che se i politici rubano, è ladro anche il popolo, mah, ha torto?

  277. Remo Tedeschi Says:

    Giovanni, resta il fatto che Grillo lo beccarono prima, risulta una richiesta di condono nel 2004 fatta dal caro leader a Tremonti.

  278. Giovanni Says:

    Tedeschi,se l’avessero beccato prima non avrebbe potuto fare il condono
    Questo lo Sto arrivando! anche un ragioniere di Canicattì
    Prima di scrivere cazzate consultati con gli altri arrostitori
    Può darsi che in dieci riuscite a mettere su un ragionamento che stia almeno su un piede
    E poi dov’è la prova che Grillo ha fatto un condono nel 2004
    Che tipo di condono si poteva fare nel 2004
    Spremiti le meningi oppure vai sul web

  279. Remo Tedeschi Says:

    Giovanni, metti nella barra” Evasione fiscale e condoni di Beppe Grillo, salta fuori una letteratura sui diversi casi di condoni tombali fatti daL Tuo eroe, fatti coraggio, un esempio?
    strani buchi fiscali della sua holding”Gestimar” che fattura milioni e che ha fatto casini in varie zone d’Italia.
    Abbi fiducia ogni tanto, vai sul web

  280. claudiopagani Says:

    A me interessa nulla delle vicende private di Grillo & Casaleggio ( anche se costui a me pare un personaggio inquietante). Mi interessa ,e molto , la politica che fanno . Orbene sulla riforma della legge elettorale la posizione di ieri di Casaleggio mi pare ineccepibile e ,politicamente, assai astuta ( in pratica ha affermato che l’unico sistema di voto possibile è quello disegnato dalla Consulta , come “risulta” della cancellazione di parti significative del Porcellum).
    Intanto va precisato che non si tratta di un proporzionale puro ( come affermano i media di regime) ma di un proporzionale con soglie di sbarramento non irrilevanti( 4% alla Camera, 8% al Senato).
    Istituti demoscopici seri hanno affermato che ,se si fosse votato a febbraio con questa legge, sarebbero arrivati in parlamento solo 4 partiti ( fuori Lega , Sel , Scelta Civica,ecc.) e i risultati sarebbero stati :
    PD 211 deputati ( 80 in meno )
    M5ST 197 deputati ( 90 in +)
    PDL 167 deputati ( 60 in +)
    NCD ( Alfano) 43 deputati
    Evidentemente fare un governo sarebbe difficile ( dovrebbero partecipare 2 dei primi partiti); ma la cosa + “politicamente” rilevante” è che l’unico vero danneggiato sarebbe il PD, mentre 5ST e PDL( che sembrerebbero “destinati” il prossimo giro all’opposizione vista la “irresistibile”(?) avanzata di Renzi) ne avrebbero grandi vantaggi. Si capisce quindi che Casaleggio, con grande prontezza, si sia adeguato. Ora la difficoltà è del PD di Renzie che , non volendo un puro accordo di maggioranza che rafforzerebbe Letta e allontanerebbe il suo avvento, è costretto a cercare l’accordo con Berlusconi, conferendo al “pregiudicato” una nuova legittimazione che mister B sogna; tuttavia la minoranza del partito di Renzie se ne è subito accorta e si è immediatamente “ringalluzzita” ( tanto + che in parlamento ,in cui la legge verrebbe votata a scrutinio segreto, il PD è spaccato circa a metà tra renziani e anti). Scommetto ,inoltre, che B. ,dopo la rilegittimazione ottenuta da Renzi, si sottrarrebbe subito all’eventuale accordo , come già fece con Mda e Veltroni, perchè l’uomo sa bene che il prossimo giro va all’opposizione , ma andarci con 167 deputati (anziché 100) è molto ,molto meglio.
    Adesso quindi Renzie è di fronte alla sua prima vera difficoltà.
    E ripeto , sono molto ammirato della rapidità e dell’astuzia della mossa di Casaleggio.
    Se poi ,davvero , Renzie e B. facessero l’accordo , salterebbe il governo e il M5ST andrebbe a nozze con una campagna incentrata sul “nuovo inciucio” PD – Belusconi

  281. Remo Tedeschi Says:

    Sarà, ma non ci credo, cosa succede nel pd? i parlamentari di Cuperlo votano dove votano i renziani? la vecchia guardia berlusconiana si farà da parte? Alfano rientra nel c.dx? pena la scomparsa politica? la Lega è smaccatamente fascista oggi ,un cartello con FN, Casa P, e Alemanno può fare scattare il 4%, poi gli elettori di Grillo sono d’accordo a restare alla finestra ? vedi amministrative, aspettiamo un pò a fare previsioni. Casaleggio?
    de gustibus

  282. claudiopagani Says:

    Purtroppo lo “spirito delle primarie” induce a considerare che i leaders veri “amici” e “nemici” siano quelli + simpatici ; per me questa è una solenne bischerata . I leaders sono quelli che sanno fare “politica” ( cosa assolutamente non banale).
    Ciò preMesso , Casaleggio ( ripeto personaggio inquietante) ha fatto assumere al suo movimento ,sulla legge elettorale, una posizione politicamente molto furba e che scarica l’onere di cambiarla sul duo Berlusconi & Renzi.

  283. Remo Tedeschi Says:

    Il movimento di Casaleggio fà sempre la stessa scelta, cioè nulla
    comunque Renzotto, oggi si è preso 35 voti di astensione, che di fatto sono voti contro, la sua ambiguità è ormai palese, non ha il coraggio nè di sfiduciare il governo nè di appoggiarlo, da buon democristiano.

  284. Giovanni Says:

    “Le posizioni(politiche)che noi occupiamo sono formidabili”
    Presto si diraderà la nebbia di Renzie e tra 5 mesi sentirete un grande botto

  285. Milli Says:

    http://ilmanifesto.it/candidiamo-tsipras-alle-europee/

    Mi aspetto qualche sonoro chicchirichì di protesta. Ma Casaleggio proprio no. Anche lui deve correre ai ripari con referendum assolutamente risibili e precipitarsi a Roma per bloccare i suoi senatori scalpitanti. Vendola per la verità non mi convince,ma almeno è stato riconosciuto innocente. Di questi tempi non è poco.

  286. claudiopagani Says:

    Guardate che Vendola ( e insieme a lui Landini ,purtroppo) sta facendo un “lavoro molto sporco” e cioè coprire Renzie a sinistra ( delegittimando la cosiddetta “sinistra” del PD) in cambio di uno strapuntino al prossimo(?) banchetto governativo targato Renzie.
    D’altra parte Vendola si rende perfettamente conto che ,dopo la scivolata su Ilva il suo appeal elettorale è scarsissimo( tra 0 e 3%) e quindi…
    Votare Vendola ,alle Europee, sarà come votare Renzie e ,perciò (ad oggi) non ci sono che 3 alternative
    1) Votare Renzie ( o una delle listarelle sue satelliti) e quindi consegnarsi ,mani e piedi, al suo progetto di stabilizzazione neo-moderata:
    2) astenersi dal voto ; la scelta+ corretta ma, temo, ininfluente nel referendum Renzi -si Renzi-no in cui lo spregiudicato sindaco trasformerà le elezioni ( temendo giustamente un flop)
    3) votare M5ST , turandosi non solo il naso ma tutto , per dare un colpo ,forse risolutivo, alle ambizioni di quello spregiudicato personaggio; naturalmente ,questo non mi sfugge, la crisi sistemica dell’Italia si approfondirebbe, ma almeno si azzererebbe tutto e si potrebbe tentare di avviare FINALMENTE un nuovo partito di sinistra( a vocazione governativa) magari andando all’opposizione( per 1 legislatura) di un governo moderato.
    D’altra parte “in guerra come in guerra” e non è + il tempo di fantasie o “buonismi ” subalterni

  287. Milli Says:

    Claudio io temo il tanto peggio tanto meglio. Se viene candidato Tsipras(si pronuncia Cipras) e con lui presentano Barbara Spinelli in Italia, corro a votarli subito. In caso contrario vado per un giorno a Rimini con colazione al seguito. Le strutture alberghiere romagnole o greche o sarde non mi avranno. Appartengo al pendolarismo dei pensionati. Non si può fare in Europa come a Bologna con Guazzaloca, che poi a ben guardare non era peggio degli altri. E poi aveva una gran brutta malattia da cui per fortuna è uscito. Non lo votai e non lo voterei, ma alle donne che votarono Bartolini dissi subito che non sarebbe stata eletta. Mi guardarono tra lo storto e l’arrabbiato, ma ebbi ragione. Per quel che contavo allora e per quel che conto adesso! Tutta da ridere.

  288. Remo Tedeschi Says:

    Resta sempre valido quel dire ; tagliarsi ……… per fare dispetto alla moglie, ecco così è la terzera ipotesi di Claudio, il voto a Grillo che nel contesto europeo è associato a Borghezio, Le Pen. , Nonostante
    Renzi, (poi tanti s’accorgeranno della zuccata) qualcuno di sinistra c’è. anche nel pd

  289. claudiopagani Says:

    No ,semplicemente siamo ,come vuole Renzi , alla politica post-ideologica e quindi comincerò a votare ,di volta in volta, usando il taxi che mi sembra + utile a sbaraccare il PROGETTO DI STABILIZZAZIONE NEO- MODERATA A GUIDA Renzi che mi sembra il + pericoloso ( anche perchè mentre Renzie ha buone chances di andare al governo ,Grillo non ne ha nessuna anche se vincesse le europee ,perchè in tal caso si farebbe un governo di tutti gli altri). Tutto qui , molto laicamente. E poi se dovessi aspettare la cosiddetta “sinistra” del PD ,guidata dal mite Cuperlo , campa cavallo…

  290. Remo Tedeschi Says:

    Non posso, non chiamare in causa Giovanni, conoscendo il suo lieve anticlericalismo, che idea ti sei fatto sul caso della suora che ha partorito? (dice che non sapeva di essere gravida) c’è la presenza della Madonna?

  291. Giovanni Says:

    Una monaca ha partorito?
    Non sarà la prima volta
    Quelle appena potabili,poche per il vero,son sempre servite anche come passatempo dei chierici
    Non c’è categoria al mondo più sfruttata delle monachelle
    Però le monache sono di una cattiveria inconcepibile
    Vai a vedere il film Philomena,uomo della Corticella e te ne farai un idea molto prossima alla realtà
    E pensare che vi siete congiunti ai cattolici
    A proposito hai notizie sulla relazione tra il compagno Boccia e la neocentrista De Girolamo?
    Mica hanno fatto piangere la “Cinna”?

  292. Remo Tedeschi Says:

    E’ meno bigotta la De Gerolamo che il Boccia, se uno in famiglia si deve dimettere, può andare il renziano, teniamo la Nunzia ? deve però fare un seminario con Saviano.

  293. Milli Says:

    http://www.polisblog.it/post/194497/elezioni-europee-2014-una-lista-tsipras-in-italia

    Al Renzinellum ci pensiamo dopo

  294. Giovanni Says:

    L’idea in astratto di votare all’europee per Syriza e’una roba davvero molto intellettuale
    Ma mi chiedo quanti italiani “de sinistra”son pronti a votare per un greco
    Parliamo di una percentuale da prefisso telefonico
    Il parlamento europeo serve a meno di niente o mi sbaglio?
    Perciò le europee servono soltanto a dare una mazzata al Pd di Renzie

  295. claudiopagani Says:

    D’accordo al 100% con Giovanni ( anche sull’analisi delle possibili percentuali da “prefisso telefonico”) : Oltre tutto, mi sarebbe proprio impossibile votare per una lista sostenuta dal non esimio Prof. Toni Negri.

  296. Giovanni Says:

    A Toni Negri,rimprovero di aver rovinato bravi ragazzi,un po’ ingenui un po’ sognatori,un po’ sfigati
    E penso di lui che sia un gran cretino,patentato all’università

  297. Remo Tedeschi Says:

    Quando si è persone educate.
    Se ricevi un’invito a pranzo , e ci vai, poi a tempo giusto ricambierai la cortesia o no? Renzi educato lo nacque

    (xwkyiiivy) nei fumetti è una bestemmia.

  298. Milli Says:

    Quindi secondo voi gli italiani sono disposti a votare per il tedesco Schulz, per la francese Le Pen o per l’ italiano Grillo ma non per il greco Tsipras. Se non ho capito male alle europee dovremo indicare sulla scheda il nome del presidente della Commissione Europea. Syriza in Grecia è al 30%, cioè la nuova sinistra greca è il primo partito. In Italia dopo oggi il Pd se la sogna una percentuale del genere. Per quanto riguarda il M5S basta guardare a quello che ha combinato in Sardegna per non fidarsi neanche un pò. Certo in Italia la sinistra che abbiamo conosciuto non esiste più e non ci sarà per molto tempo. Che facciamo allora? Andiamo tutti al mare?

  299. Giovanni Says:

    C’era più di un motivo per non partecipare alle elezioni sarde.
    Non e’obbligatorio esserci comunque.Lo scopo de M5s non è quello di procurare 7 o 8 poltrone nel parlamento ad altrettanti disoccupati
    M5s partecipa per vincere politicamente
    Quelli che non vogliono votare Berlusca o Renzie possono votare per il movimento autonomo della scrittrice sarda di cui non ricordo il nome
    Anzi,secondo me,sarà lei a vincere il 18 febbraio in Sardegna
    Schulz e’un trombone istituzionale,ma sto Tsipras dovrebbe occuparsi del suo paese
    La Grecia ha bisogno più del pane di uomini facondi e laboriosi
    Insomma se ha dei numeri Tsipras li faccia valere in Grecia perché in Europa la Grecia vale come il due di bastoni
    Infatti,prima della crisi la Grecia produceva il 2% del pil europeo

  300. claudiopagani Says:

    Sembrerà strano ma ,anche in questo caso, la sintonia con Giovanni è “profonda” ( d’altra parte se Renzie ha questa sintonia con un pregiudicato io mi sento sereno ad averla con un cittadino di cui spesso non condivido le opinioni , ma che, vivaddio, è un cittadino libero). Quanto alla Sardegna penso anche io che vincerà la Murgia. Completata la guerra di liberazione da Renzie , ognuno riprenderà la sua strada: Bye , Bye Remo , ti lascio ai tuoi pallidi “sinistri” del PD che ,sicuramente , lunedi in direzione strilleranno , ma poi si allinearanno ai voleri del nuovo capataz!! In fondo Renzie mi ha restituito la mia libertà politica dopo anni di inutili sofferenze (politiche).

  301. Remo Tedeschi Says:

    Sicuro non mi allineo io come tanti, credo non ci sia altro da fare che una scissione , un nuovo soggetto coerentemente di sinistra.
    Potrebbe avere subito 40/60 parlamentari, se davano retta al sottoscritto 3 anni fa Renzi era da restituire alla parrocchia ,ma…..

    Insisti, Milli, hai ragione, meglio lo yogurt greco ,che il comico che faceva i danee con la pubblicità dello yomo.

  302. Milli Says:

    Spero anch’io che in Sardegna vinca la Murgia. Ha mostrato più coraggio del signor Casaleggio. Ma costui pensa davvero che si possa gestire un movimento a colpi di clic sulla tastiera di un computer? Il Pd pensa davvero che Renzi lo salverà? I prossimi sondaggi li daranno in caduta libera. Almeno lo spero. Buonanotte grillini. Dormite bene. Vi attendono altre battaglie virtuali.

  303. Milli Says:

    http://www.europarl.europa.eu/news/it/news-room/content/20130527STO10564/html/Elezioni-europee-2014-le-nuove-regole

    Dai Remo,alle Europee votiamo come il vecchio Camilleri. Figurati che ha scritto a Tsipras alcuni giorni fa.
    Il commissario Montalbano ci salverà!

  304. Remo Tedeschi Says:

    Renzi è un matto, spero venga preso a uova sode, ovunque vada
    stesso trattamento per i Fassino, i Merola vari, follia ,
    grande sintonia con un farabutto , questo sarebbe il nuovo, che un fulmine lo raggiunga alle cascine. Ecco un favore a Tsipras, (hanno sempre , i greci, contatti con l’Olimpo) , se……. lo voto.

    • claudiopagani Says:

      Analisi sbagliata , caro Remo! Renzie non è un matto ma un AVVENTURIERO PREPOTENTE disposto a tutto pur di garantirsi un lungo periodo di comando e che VOI DEMOCRATICI avete messo al comando ,semplicemente in odio al vecchio gruppo dirigente simboleggiato da Massimo D’Alema. L’AVVENTURIERO era un banale sindaco di Firenze ,quando, a metà 2012 , Bersani e i suoi orridi tortelli, decisero di buttare a mare un possibile accordo di riforma elettorale basata su un “sistema tedesco” ( “bozza Violante”) su cui erano d’accordo quasi tutti ma non l’esimio Prof Parisi che gridò :” Meglio il Porcellum che il ritorno al proporzionale”!. Allora Bersani e i suoi bastardi , temendo di perdere l’appoggio di Prodi ,si recarono a s.Croce in Gerusalemme a baciare la pantofola e a “chiedere lumi “( 7 agosto 2012) e il responso fu :
      ” a questo punto meglio tenersi il porcellum , perchè non c’è in questo parlamento una maggioranza per il maggioritario; tuttavia ,caro Pierluigi, per andare incontro ai desideri del popolo , e garantirti la vittoria, ti suggerisco di passare per primarie( anche se lo statuto del PD già ti garantisce la premiership) ed aprirle a Matteo Renzi che ho già avuto modo di incontrare un paio di volte e mi sembra proprio un bravo ragazzo , ma non certo in grado di competere con te e con la forza del tuo partito . Può darsi che a questo si opponga Massimo che vede ,a torto, le primarie come il fumo negli occhi e ha una visione “vecchia” della politica: capisco ,caro Pierluigi, che un conflitto con MDA ti sembri innaturale , ma ,credimi, è propedeutico alla tua vittoria e poi ,siamo sinceri, così te e Vasco vi liberate di una tutela ingombrante e…ormai inutile visto che siete in grado di camminare con le vs. gambe”. Così parlò il parroco e…il gioco fu fatto.
      Quelle primarie furono utili solo ad elevare Renzie dal rango di sindaco di una città medio-grande a quello di UNICA ALTERNATIVA al vecchio gruppo dirigente del PD e , dopo la catastrofica campagna campagna elettorale dei tortellli, Renzie divenne l’unica risorsa per il futuro. Ma Bersani e i suoi ,non contenti degli errori già fatti , si impegnarono in un orribile post-elezioni fino alla possibile elezione di Prodi ; a quel punto Renzie sentì odore di bruciato e ,per non sapere nè leggere nè scrivere , ordinò ai suoi 52 parlamentari di non votare Prodi, contando anche sui maldipancia dei mariniani delusi per l’ignobile trattamento riservato a Marini Franco, mentre lui pubblicamente diceva tutto il bene possibile di Romano( altro che la ricostruzione bugiarda dell’ignobile Sandra Zampa peraltro ricompensata ,oggi , con l’incarico di Vicepresidente del PD). Da quel momento l’avvento di Renzie fu INEVITABILE e chi non lo capì fu davvero uno sciocco a partire dalla candidatura di Cuperlo che MDA , che sciocco,non è , aveva immaginato ,semplicemente come punto di garanzia di una componente del 7/8 %…Ma i bersaniani ,anzichè trovare un candidato tosto ( magari ,dico un nome, Zingaretti, che nei sondaggi riservati va molto bene) , pensarono solo di ritardare quell’avvento e se si sa come è finita.
      Adesso è tardi ,troppo tardi, per arginare ,dentro il PD, lo straripante sindaco di Firenze ( che ripeto non è affatto un matto , tutt’altro e che ,immagino ,ieri ,abbia promesso al pregiudicato la grazia quirinalizia se non ostacolerà il suo processo di cosiddette riforme che garantirà l’avvento di RENZI 1 da Firenze).
      L’unico possibile argine ( non garantito perchè stamattina anche Padellaro e Travaglio su Il Fatto ,sotto sotto, approvano Renzie) è fuori del PD nel + grosso movimento di opposizione ( non si fanno le guerre con gli schioppi come ,mi pare, la Siriza italiana se mai ci sarà).
      Tuttavia chi è causa del suo mal…Non vorrei + sentire inutili e tardivi piagnistei da parte di chi o non ha capito o ,peggio, voleva solo attribuire le sconfitte del passato al perfido MDA
      Se oggi ,scusate la volgarità, Renzie vi piscia in testa è solo la giusta nemesi

      • Remo Tedeschi Says:

        Claudio, un piccolo particolare cosa c’entro io con i renziani? nulla, avevo proposto ai tempi dell’invito ad Arcore , firme tra gli iscritti per la sua cacciata, quindi….. convinciti che sono a sinistra dei renziani , mi iscrivo solo se c’è un distinguo organizzato tra maggioranza e minoranza della quale sarei partecipe. comunque Renzi ieri ha commesso una grossa cappella , volendo affossare sia un c.dx alternativo a B. sia stroncando sul nascere una probabile sinistra organizzata, per me la pagherà, non la passa liscia. sul resto hai ragione,
        solo se non voti per Grillo.

  305. Milli Says:

    http://megachip.globalist.it/Detail_News_Display?ID=95482&typeb=0

    Anche per la Bonino uova in faccia. Di quelle andate, ma crude. Renzi purtroppo non è matto. Sono matti quelli che lo hanno seguito e lo seguiranno ancora.

  306. Milli Says:

    http://it.search.yahoo.com/search?p=pubblicit%C3%A0+di+Grillo+alla+yomo&fr=ipad&pcarrier=I+WIND&pmcc=222&pmnc=88

    Poi con il suo blog altro che pubblicità

  307. Milli Says:

    http://contro-grillo.blogspot.it/2012/06/beppe-grillo-e-la-pubblicita.html

    In guerra come in guerra…
    Non leggo solo poesia o noir. Leggo un po’ di tutto. Tanto a chi devo dar conto?

  308. Giovanni Says:

    Un Blog costa.Cosi come costa svolgere attività politica.
    E’ cosa buona e onesta non prelevare la grana dalle pubbliche casse,mentre 10 milioni di italiani non riecono a mettere la cena con il pranzo ed a riscaldarsi sufficientemente
    “Le teste rotonde”erano una cosa seria.Tagliarono la testa ad un certo “Carlo”
    I puritani dei giorni nostri sono semplicemente dei confusi.
    Vagano senza idee,senza scopi alla ricerca del nulla

  309. claudiopagani Says:

    Ultima replica a Remo.
    Tu ,partecipando alle primarie ultime ( a cui io non ho partecipato dandone motivazione pubblica proprio su questo blog , a primarie in corso) hai contribuito ,alzando la quota dei votanti, a porre Renzie sul TRONO ( era del tutto evidente che avrebbe stravinto e che il pallido Cuperlo avrebbe fatto un bagno con i suoi raffinati ragionamenti politici, del tutto inadatti allo strumento populista primarie, ma temo che tu non abbia ancora capito che le primarie sono del tutto ALTERNATIVE all’avvento di una nuova classe dirigente di un normale partito democratico dell’occidente! ; ma , cosa ancora+ grave, non lo avevano capito ( o forse volevano fare i “furbi) Bersani e i dirigenti “tortelli attorno a lui TRADENDO il mandato che era stato dato loro nel 2009 e cioè di fondare ,finalmente, un vero partito democratico di massa) . Quindi game over per te e per tutti quelli come te che , o non avevano capito o avevano pensato di essere + furbi di quanto non siano ( un nome tra tutti quello dell’esarca ravennate).
    Uno degli obiettivi fondamentali dell’accordo di ieri Renzie-Berlusconi è ( nella mente del fiorentino) fottere definitivamente la cosiddetta “sinistra” del pd ( sia quella del mite Cuperlo ,sia quella combattiva ,ma inconsistente di Fassina) avviando definitivamente la “monarchia” a cui voi lo avete elevato ( consapevoli o meno) con le primarie “molto partecipate” del 12 dicembre( anche tu hai esultato su questo blog per questo); vedrai che già nella direzione di domani Renzie vi darà il preavviso di sfratto ( o con me o contro di me).
    In questo difficile contesto l’unico vero argine ( finchè dura) è il voto (per quanto ripugnante) alle europee per il comico genovese; tutto il resto è poesia ( grande expertise della sinistra) o testimonianza solitaria ( cui magari può pensare qualche tenera coscienza) , del tutto irrilevante sotto il profilo politico.
    Ora ,ripeto, siamo in guerra contro il disegno di Stabilizzazione neo-moderata dell’avventuriero di Firenze e ,io personalmente, mi sento disposto ad usare anche strumenti “non convenzionali” per sconfiggerlo.
    Del resto ,durante la Resistenza, per un certo tratto, ci alleammo anche con i badogliani che ,pure, erano stati una delle punte di lancia del Regime.
    E chi non si rende conto di quanto sia pericoloso l’avvento del Pupo , temo si sia già arreso…

  310. Milli Says:

    Il Pd, Forza Italia, NCD e M5S.
    Come si dice a Napoli: ” Eramo scarsi ‘a fetienti ” .
    Ho dimenticato qualcuno intenzionalmente. Non contano nulla. Come noi qui. Tutti

  311. Milli Says:

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/01/19/castoriadis-i-poeti-e-un-nuovo-nome-per-la-rivoluzione/849698/

    Se non interessa l’articolo, consiglio in alternativa il libro di Saramago ” Saggio sulla lucidità “

  312. Giovanni Says:

    Il pettegolezzo anacronistico si pone al di sotto di “Novella 2000″,che tratta almeno di pettegolezzo corrente
    Cosa ha detto Grillo sulla pubblicità quando non aveva un movimento politico non mi interessa affatto
    Qualcuno vorrebbe di voi che tutta la pubblicità la vendesse Berlusconi,la Rai di Vespa della Venier e di Fazio Fabio .
    Dai vostri discorsi si può dedurre che siete completamente al di fuori del mondo reale oppure bevete sulla rete le “cagate”delle Brigate Rosse della rete(qualcuno di voi si ricorda di Moretti che faceva il brigatista per la CIA ?)
    Ma questi son discorsi inutili ,che portano al delirio
    Cominciamo a discutere di ciò che ci unisce cercando di “marginalizzare”ciò che ci separa
    Mi pare sia questo il compito primario della politica
    Orbene,mi pare che tutti siamo almeno d’accordo su un fatto:Renzi deve essere battuto
    Ieri il frettoloso Renzi si è dato una prima picconata sul piede sinistro facendo uno spot pubblicitario per Berlusca
    Nei prossimi giorni sarà invischiato in un ormai inevitabile rimpasto
    La legge elettorale si farà con Berlusconi quando Berlusconi penserà che sia per lui vantaggioso
    Oggi Berlusca non ha alcuna speranza di vincere o meglio di ottenere di più di quello che ha in termini di rappresentanza elettorale
    Ne’tantomeno i parlamentari di qualsiasi partito ha voglia di rinunciare al seggio con annessi e connessi(paga+pensione+rimborsi +prebende varie)
    L’unica cosa che possono fare e’la riforma dello stato(eliminazione delle province ,del senato,della sovrapposizione delle competenze “concorrenti”
    Poca roba,ma significativa
    Sarà fatto verso la fine della legislatura,perché non puoi eliminare il senato senza provocare le elezioni anticipate
    E’la morta gora di cui ha per primo parlato Mauro
    A meno che…..

  313. Remo Tedeschi Says:

    Ma non cè più il reato di collaborazione esterna con mafiosi?

  314. claudiopagani Says:

    Grande Giovanni con “Moretti brigatista rosso per conto della CIA” ( pura e semplice verità per altro!)
    Si parva licet direi che Renzie fa “il sinistro per conto dei massoni toscani , qourum uno dei massimi esponenti è Verdini” ( il materiale estensore del porcellinum elettorale che ha e’ stata la premessa della profonda intesa tra Renzie e Berlusconi) ; forse( suggerisco una pista) Renzie , DEVE sdebitarsi con Verdini perchè ,nel 2009 , egli organizzò le truppe cammellate ” non pd” che, partecipando alle primarie del PD, furono DETERMINANTI per eleggere Renzie candidato sindaco del PD e avviare cosi la sua irrestibile ( e spero effimera) carriera politica, con l’attiva complicità ,in tempi + recenti ,di molti babbei del PD…

  315. Giovanni Says:

    Si stima che alle primarie”aperte”un milioni di berlusconiani abbia votato per Renzie

  316. Giovanni Says:

    A Firenze nel 2009 come a Forli i democristiani alle primarie vinsero con i voti di Berlusconi
    A Firenze fu più facile grazie alla disputa allargata a quattro candidati

  317. Milli Says:

    http://temi.repubblica.it/micromega-online/camilleri-lista-tsipras-una-speranza-per-cambiare-l%e2%80%99europa-e-unire-le-forze-vive-della-sinistra%e2%80%9d/

    Prima o poi Zani dirà la sua. Aspettiamo in silenzio. Questo blog è suo.

    • Giovanni Says:

      Sveglia:Syriza ha preso 1.051.094 voti
      Hanno idea gli intellettuali in quanti andranno a votare all’europee

    • Giovanni Says:

      Il Piusp nel 1972 spari con 750.000 voti
      Il partito dell’Arcobaleno(Berinotti,Diliberto,Verdi vari ecc)nel 2008 si é eclissato con 1.124.418 voti
      Rivoluzione civile nel 2013 sappiamo com’é finita
      Possibile che Camilleri insiosta ancora
      Non ho mai letto Montalbano
      Comunque se il successo gli arride,meglio che continui a scrivere romanzi,smettendo di fare appelli perniciosi

  318. Remo Tedeschi Says:

    Non c’era bisogno dei berluscones alle primarie, siamo stati proprio
    noi elettori di area sinistrorsa a eleggere un ……(Franca Valeri direbbe…. cretinetti !!) , è per assurdo, la sindrome dei 101 esteso in sesta potenza.
    Dopotutto, a guardare in fino, l’elettorato di Berlusconi, è meno fesso ,riconosce chi fà i loro interessi, noi , no, noi.
    Non pochi,amici mi hanno detto ……dai vota anche te per il toscano
    è ora di sbatterli via ,P:Luigi. MDA, e soci !! ecco , fuori loro e dentro Berlusconi , com’è il cambio?

  319. Remo Tedeschi Says:

    Claudio, dopo aver saputo, che la piada sarà patrimonio UNESCO
    dovrai rivedere l’opinione che hai sul “tortello”, eh ! si….
    è straordinerio, (sacchi)

  320. Milli Says:

    http://it.wikipedia.org/wiki/Elezioni_parlamentari_greche_del_giugno_2012

    Gli aventi diritto al voto in Grecia erano ,nel giugno 2012 , 9850000. Il 40% non ha votato.
    Senza commento:il silenzio è d’obbligo.

  321. Remo Tedeschi Says:

    Ma, 10 piccoli indiani ,(tribù bulbo grigio) a Bruxelles cosa dovrebbero risolvere ? meglio il nuovo Panagoulis, Non c’è la Fallaci, però abbiamo Milli.

  322. Milli Says:

    http://it.search.yahoo.com/search?p=PanGulis&fr=ipad&pcarrier=I+WIND&pmcc=222&pmnc=88

  323. Milli Says:

    E tu Remo per chi voti alle Europee? Per Il Pdl, NCD o il Pd?Potresti votare anche tu per Grillo. 3 su 4.

  324. Remo Tedeschi Says:

    molto, molto prob. Alexis Tsipras

    • claudiopagani Says:

      Caro Remo ,se proprio devi fare una “cazzata” alle prossime Europee unisciti a me e fai la “cazzata” della vita e vota Grillo ( l’unico voto in grado di fare un pò di male a Renzie)! Se voti Syriza fai lo stesso una “cazzata” e in + non se ne accorge nessuno: Dovresti avere imparato ,dalla miltanza nel PCI, che, se proprio devi fare opposizione, è meglio essere tanti e rumorosi..E poi ,visto che ormai la politica è pura comunicazione lo slogan coniato da Grillo per la nuova legge elettorale e cioè ;” IL PREGIUDICATELLUM” , mi sembra divertente e azzeccato. Almeno , caro Remo , ci divertiamo un po e non restiamo + ,imbronciati e severi, a fare la guardia ad un bidone di benzina che nessuno vuole più

  325. Alessandro Says:

    Perfettamente davvordo con Caludio

  326. Remo Tedeschi Says:

    Claudio, ma un pò di cuore, anche se il voto a Tsipras sarà insufficiente ,sarà un’omaggio a Theodorakis, a Costa Gavras,Melina Mercouri a Panagulis, ci aggiungo anche Jannis
    Kounellis per l’arte, non si vive di solo pane.

    Grillo,? diffida dei pidocchi rifatti.

  327. claudiopagani Says:

    Motivazioni nobilissime ,ma il mio unico assillo ,in questo momento, è rendere difficile l’avvento de Renzi 1 che sembra ,a me , pericolo incombente ; tutto il resto conta meno…( compresa la purezza della mia coscienza)

  328. Remo Tedeschi Says:

    ps
    ho un diesel

  329. Milli Says:

    Una volta i delusi dalla vita entravano nella Legione straniera. Claudio potresti chiedere ad Hollande o alla Merkel di combattere in Mali accanto alle truppe franco tedesche.

  330. claudiopagani Says:

    ????

  331. claudiopagani Says:

    No no ,io NON SONO AFFATTO DELUSO dalla vita ,anzi la amo moltissimo, tuttavia…Per me la vita è impegno e lotta e non disimpegno e poesia

  332. Giovanni Says:

    Il porcellum 2 concepito dall’accoppiata Berlusconi -Renzie non vedrà la luce prima della fine del 2017
    Sono pochi in deputati che sperano di essere nominati da Renzie con il porcellum 2 perciò nessuno voterà la legge
    Fra 4 settimane anche il Renzie capirà la differenza tra primarie e secondarie
    La botta per Pdl e PDmenoelle si annuncia davvero clamorosa in Sardegna ,dove secondo un sondaggio ,la scrittrice viaggia attorno al 42%
    E siamo solo all’inizio
    L’inciuciamento e’avvenuto nel momento opportuno
    Remo,spiega ai tuoi ragazzi che la gatta frettolosa fa i gattini ciechi
    Noi aspettiamo sulle rive del fiume il cadavere di Renzi e l’apparire della giovane Barbara Berlusconi,nata il 30 luglio 1984
    Secondo Berlusca non c’è migliore erede di una bella figa
    Del resto anche Renzie si sente una bella figa,abbronzato,con la camicia bianca e un cetriolo di Farinetti nel p…

  333. Milli Says:

    Un certo Brambilla, imprenditore berlusconiano ora renziano vorrebbe deportare gli anziani non autosufficienti in Nord Africa in strutture a basso costo e personale locale. A Piazza Pulita. Ora.
    Lo dicevo io : l’ Africa è il nostro destino. Ed io che volevo scherzare. Uno scherzo un po’ scemo. Ma mai scemo quanto Brambilla. Intanto Cuperlo minaccia sfracelli. Minaccia soltanto ma lì resterà. Siamo al teatro dell’assurdo. Però finire i miei giorni in un oasi, col deserto difronte, mi piacerebbe. In un’isola dell’ Egeo ancora di più.

  334. Remo Tedeschi Says:

    Ma è un casino, ho sentito qualche intervento oggi, la luna di miele è finita, giustamente, Cuperlo (che si era svegliato), ha demolito la relazione, ma troppo pochi, pazzesco sostenere il no alle preferenze, il tetto all’8%, il premio al 35% ,la sx propone il 40,ma
    poi l’atteggiamento da presa per il c…. che ha Renzi , veleno a pacchi, il berlusca ha ottenuto la guerra civile interna, non capiscono che non lo devi coinvolgere, lascialo morire, e loro nò
    e vengono fottuti,come sempre. E Grillo aspetta……

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 78 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: