Appello.

Mi sono impegnato, anzi semplicemente esposto in questa campagna elettorale dopo una lunga parentesi nella quale mi son improvvisato blogger in erba. (2009- 2013).
Riprenderò a scribacchiare del più e del meno (muoverò dall’Ucraina) subito dopo il risultato elettorale.

Adesso vorrei fare un ultimo appello, a quanti non hanno ancora deciso ( uno su tre) per chi votare domenica prossima.

Non a tutti loro: mica son Mandrake.

Solo a quelli che ritengono , in cuor loro, che la sinistra non sia un mero ,polveroso , lascito del novecento: un ferrovecchio inservibile nel nuovo millennio. E a quelli che ancora pensano, sinceramente e onestamente, che via sia ancora sinistra nel PD.

In verità, prima del varo della lista “L’altra Europa con Tsipras” anch’io , per la prima volta , non mi sarei recato alle urne.

E non mi sarebbe piaciuto.
Per niente.

Al punto che pur di recarmi alle urne e turandomi il naso con tutte e due le mani , avrei votato per il meno peggio: il PSE.

Però , partiti europei non esistono.
Non ancora.
Si tratta della somma dei partiti nazionali.
O forse qualcuno sa chi è il segretario del PSE, o del PPE, o Dell’Alde e così via?

Ben pochi.

Dunque, alla fin della fiera non avrei potuto votare, neppure al netto della smaccata subalternità dei partiti socialisti europei di fronte a brutture (in verità crimini sociali) come il fiscal compact con tutto il seguito delle politiche austeritarie.

Perché per votare il PSE, pur obtorto collo, avrei avuto un solo mezzo : il PD.
Il PD di Renzi.

Avrei dovuto sfidare il paradosso di dare il mio voto ad un partito liberal democratico di centro con tendenze pericolosamente populiste che sta mietendo consensi a destra.

Mai e poi mai.

Poi è arrivato Tsipras.

Di cosa si tratta?

Si tratta della possibilità concreta, “razionale” direbbe Tsipras, di condizionare seriamente il PSE, di entrare con tutti i partiti socialisti nazionali in un rapporto di serrata dialettica.

Ora , io continuo, fino a prova contraria e quale che sia il risultato elettorale, a dar per scontata una larga intesa tra i due tedeschi, il Signor Schulz e la Signora Merkel.

Ma , per ragioni attinenti anche al mio precedente “mestiere” , ritengo di sapere che le cose possono cambiare.

Che ci possa esser nel tempo un’evoluzione nel rapporto tra le varie forze della SINISTRA europea e il PSE.

Dati obiettivi relativi all’insostenibilità di scemenze antipopolari e antidemocratiche come il Fiscal Compact , e dati politici , come l’avanzata di forze euroscettiche e in vario modo parafasciste, possono incidere nell’orientamento dei partiti socialisti.

Lo dimostra la campagna di Schulz che appare tutta orientata a prendere le distanze in extremis dalle politiche del rigore a senso unico.

In tal contesto, una affermazione della SINISTRA, può incidere più di quel che si crede.

In particolare le proposte , radicali e razionali, di Tsipras avranno a mio parere un impatto tutt’altro che secondario nel dibattito e nell’eventuale evoluzione del campo socialista europeo.

Ma occorre un risultato positivo dell’Altra Europa.

Senza di questo il PSE sarà naturalmente portato a cercar di fronteggiare l’ondata euroscettica della destra populista e nazionalista, nel modo peggiore: prendendo , nei fatti, sempre più le distanze dall’idea di governare politicamente e democraticamente il processo di costruzione politica dell’Europa dando piena rappresentanza alle istanze sociali, democratiche, e civili dei suoi cittadini.

Da qui il voto utile.
Per chi ancora non si rassegna a gettar il manico dietro la zappa.

In particolare per quegli elettori del PD che auspicano un’evoluzione positiva nel PSE ai quali mi par che Tsipras abbia parlato, anche a Bologna, rimarcando la necessità di una politica volta a costruire vaste alleanze.

A loro dico che non hanno nulla da temere per la tenuta del PD-R.
Saranno ampiamente rimpiazzati dagli ex elettori di Forza Italia.
Né avranno nulla da temere per le sorti del governo in carica.
Non solo perché si vota per L’Europa.
Io stesso ritengo giusto che un voto europeo non debba esser determinante per le sorti di un qualsiasi governo nazionale.
Ma anche, e soprattutto perché Renzi è a Palazzo Chigi.
Tranquilli : lì resta.
L’establishment lo ha scelto e lo sostiene.
In seguito chi vivrà vedrà.

Adesso cerchiamo di imboccare la lunga strada per ribaltare , in Europa, le politiche dell’austerità, il predominio dei poteri finanziari, l’arroganza dei governi collusi o imbelli.

Mi sbaglierò ma questa è una delle ultime occasioni.

Va colta nel modo migliore.

L’Altra Europa con Tsipras.

About these ads

26 Risposte to “Appello.”

  1. Filippo Crescentini Says:

    Io perseguo gli stessi obiettivi votando PD e dando la preferenza a uno dei diversi eurodeputati uscenti del PD che non sono qualificabili come “renziani”: da Cofferati a Caronna, da Domenici a Gualtieri. Votando nella circoscrizione Centro scelgo Roberto Gualtieri e Leonardo Domenici. Penso, con questo di fare, oltretutto una cosa che Renzi considera sicuramente più sgradita di quanto non considerì l’uscita verso Tsipras di un certo numero di elettori del PD. In primo luogo perché non si vedranno, in quanto ampiamente coperti dai voti in arrivo da parte di coloro che già lo avevano votato alle primarie. In secondo luogo perché votando i candidati della lista Tsipras (compresi quelli indicati da SEL che aderiranno, se eletti, al PSE) gli lasciano campo aperto per assoggettare tutta la rapprsentanza del PD al parlamento europeo, stante che molti di quelli che potrebbero votare i candidati della minoranza del PD usano il loro voto per provare ad eleggere qualcuno della lista Tsipras. Magari Casarini. Renzi ringrazia.

  2. Raffaella Costi Says:

    Come sai, voterò in greco, perché l’italiano non si sa più cosa sia, né chi lo stia parlando. E tuttavia sarebbe occorsa una promessa di grande evidenza e cioè che, oltre le indispensabili battaglie sull’immonda vicenda economica che fa crescere in Europa la povertà non soltanto di denari, la battaglia primaria sia quella dalla parte delle donne. Lottare con le donne perché possano garantirsi non solo la libertà di far nascere, ma anche quella di abortire e, soprattutto, quella di sopravvivere alla cattiveria profonda di tanti uomini è la conditio sine qua non perché l’operazione Tsipras abbia un senso. Molte parole sono state dette, ma spesso erano all inclusive; eppure il tema delle donne non è parte di un problema: è il tema dei temi, per cui metà del mondo sta sotto il tallone (dicono che adesso bisogna chiamarlo così…) dell’altra metà. E’ questa l’ultima delle ultime occasioni perché la sinistra si muova con coerenza e col necessario rispetto. Dopo, trippa per gatti non ce ne sarà mai più. Per sempre.

  3. maurozani Says:

    Cofferati e Caronna : davvero gran combattenti. Suvvia!
    PS. Vedo che lo spettro di Casarini s’aggira per l’Europa. Tutto fa brodo per i renzisti.

  4. maurozani Says:

    Raffaella , sarebbero occorse molte altre cose nella lista Tsipras messa su un paio di settimane prima della campagna elettorale.

    “sotto il tallone.. dicono che…” :-)

  5. maurozani Says:

    La faccina è Tua.

  6. Giovanni Says:

    A questo punto é altamente probabile che “L’Altra europa” sfondi il muro del 4%
    Anzi potrebbero esserci grosse sorprese se ,come si percepisce navigando nel web, 400-500 mila voti passeranno dal Pd-Renzi al Greco.
    Io voto per il Movimento pentastellare,ma davvero non capisco come qualcuno possa ritenere che Caronna e Cofferati possano ritenersi migliori dei renziani doc

  7. Milli Says:

    Ancora tu,Giovanni, con questo Movimento pentastellare. Su su, vieni con noi e L’altra Europa con Tsipras fiorirà. Dai, che mi tocca fare anche la rappresentante di lista per il greco

  8. Gianni Says:

    Come si fà da persone progressiste, lasciarsi prendere dall’odio per Renzi e votare M5S!
    Come si fà a prendere come riferimento Cofferrati e company per votare PD quelli pensano alla loro “posizionamento” personale! Dice Marescotti: ADESA BASTA!!!

    Come si fà a non dare una possibilità “per ribaltare , in Europa, le politiche dell’austerità, il predominio dei poteri finanziari, l’arroganza dei governi collusi o imbelli” una possibilità alla sinistra, come dice ottimamente Mauro ?
    Crescentini, Giovanni, Claudio, Remo, ecc votate L’altra europa per Tsipras!!!

  9. Remo Tedeschi Says:

    mai avuto dubbi, Gianni, anche altri qui vicino..vicino, Tsipras

  10. P.Colombi Says:

    Certo che lo faremo io ed altri….voteremo Tsipras. poi vedremo

  11. maurozani Says:

    Confidiamo , amici e compagni.

    Il vero problema degli ultimi giorni è stata la trovata di Grillo e Casaleggio su Berlinguer.

    Un colpo basso che mira ad impermeabilizzare l’elettorato grillino proveniente da sinistra e in più raspa in quel settore dell’elettorato ancora indeciso tra il non voto/Grillo/ Tsipras.
    Questo mi preoccupa.

    Comunque sia sa mai: mettiamo che Dio esista e sia pure di sinistra……

  12. maurozani Says:

    Buona notte e buon voto.

  13. Remo Tedeschi Says:

    Pare che Dio abbia ascoltato M.Zani , 4% e mazzata da k.o per i 5st
    forse anche Enrico ha dato una mano. ha sentito ,qualcosa di strumentale, ricordate… lassù qualcuno ……..

  14. Milli Says:

    È quasi certo: dio esiste ed è democristiano.

  15. Milli Says:

    Subito referendum contro pareggio di bilancio nella nostra Costituzione. Raccolta di firme a partire da luglio in coincidenza con il semestre italiano in Europa. Esagerata?

  16. claudiopagani Says:

    Be ,intanto, cara Milli riflettiamo tutti sul fatto che ;al di la delle sigle che abbiamo votato, abbiamo TUTTI subito una cocente sconfitta e che questo è un paese dall’anima profondamente democristiana e ,in questa luce , si può valutare ancora meglio il MIRACOLO POLITICO che fu il PCI; dopo il suo scioglimento , per carità necessario , la sinistra ,quella vera non ha + toccato palla al di la dei limiti oggettivi dei suoi “gruppi dirigenti”…
    Quindi per le iniziative propagandistiche c’è tempo , molto tempo

    • remo tedeschi Says:

      caro Claudio tu ti sentirai sconfitto io no , godo di un risultato maturo , intelligente dove la sinistra ha aiutato Tsipras, quindi nessuna dispersione di voti utili, e se Renzi ha vinto meglio lui che Grillo o Berlusconi, anzi ,dirò che un po’ mi ha deluso Barbara Spinelli nelle prime dichiarazioni, quasi depresse dal risultato, ma perché? l’Italia per adesso è salva, si tratta di marcare a uomo il fiorentino, guarda aver scornato il belin de sena …… una libidine

  17. Milli Says:

    https://m.youtube.com/watch?v=fdg5T-bXmfo

  18. remo tedeschi Says:

    non riesco a smettere di ridere pensando alla faccia di G&C, di DiMaio, Di Battista, Crimi, la Lombardi quella che prendeva per i fondelli Bersani, Casaleggio disse Tsipras chi? ideologicamente aborrito, stavano l’altro giorno formando la delegazione che sarebbe andata da Napolitano a proporgli Cesano-Boscone, ma poveretti che grezza che hanno fatto, Claudio perché ti sei infognato così? almeno paga da bere. Milli, di Battiato compra il cd”giubbe rosse”

    • claudiopagani Says:

      Caro Remo ,sei il solito!( ma va bene cosi!)
      Avete rifatto la DC ( quella dei tempi belli di Fanfani) e tu sei pure contento!
      Oggi il Pd è definitivamente il partito degli INSIDERS, mentre gli OUTSIDERS ( pari a circa il 70 % degli italiani) saranno per un lungo tempo esclusi. IO , che resto rigorosamente di sinistra, non ne sono felice affatto e continuo a pensare che sia necessario un lavoro politico di lunga lena per ricostruire le condizioni di una vera sinistra di governo.
      Ci accorgeremo presto di che pasta è davvero Renzie a partire dalla prossima finanziaria per cui servono almeno 25 MLD!
      Quanto ai gerarchi del M5ST( a partire da Grillo) francamente me ne infischio.

      • remo tedeschi Says:

        in che senso il solito? mica tanto, ho portato sei persone a votare il greco, (io compreso), sono sicuro che anche tu hai tirato un sospiro di sollievo, Grillo era fuori controllo, con venature fascistoidi. adesso vediamo, un po’ che piega prende.
        ps hai fatto una chiusura da via col vento,(non sono Rossella)

  19. Milli Says:

    http://www.lercio.it/i-grillini-protestano-eravamo-convinti-che-si-votasse-anche-lunedi/

  20. claudiopagani Says:

    Caro Remo ,non c’era nessun “pericolo fascista” dovuto a Grillo, solo che alla sinistra piace sempre pensare che ha sventato “pericoli fascisti. In realta Grillo è stato un gran pollo ,come dice giustamente Mauro , e ha fatto da comprimario allo show di Renzie.

  21. remo tedeschi Says:

    in caso di vittoria del mov. 5stelle, chi li fermava nelle città,? via il PdR, bagarre al parlamento ,una euforia manesca dappertutto, come le camicie nere nel 20, un nuovo squadrismo di fatto,.Diventava una situazione preinsurrezionale. ne sono convinto anche se con questo voto non si può provare. l’abbiamo scampata per adesso.( dimenticavo i richiami di Grillo alle forze armate,)sulla questione dovrebbe riflettere anche M.Zani.
    quindi con tutte le cose dette sul pd, che condivido, resta a favore del pd stesso la responsabilità della democrazia in Italia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 81 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: