ottimo e abbondante.

Chiedo scusa.
Non voglio fare ,adesso, una disanima a caldo del decreto “salva Italia.
Solo alcune note di colore.
Impressioni più che altro. In attesa di commentare il vertice europeo dal quale dovrebbe evincersi il vero e intero quadro entro cui si situa l’attuale manovra del ragionier Monti.

Ragioniere . Scaltro anche.
Così almeno m’è sembrato nel corso della lunga conferenza stampa che si è svolta ieri sera.
Bella rappresentazione.
Per la serie ,siamo una squadra affiatata. Ci chiamiamo , confidenzialmente, per nome. Ma forse non ancora del tutto rodata visto che Passera chiama la Fornero, nientemeno che Emma.
Marcegaglia. I suppose.

Vabbè: rigore, equità, crescita. Super Mario  dixit.
Balle.
Che vengono allo scoperto quando il Super Mario nazionale alla Camera, oggi, chiarisce che l’obiettivo- già fissato da parlamentari inconsapevoli, distratti, maldestri e anche un pochino paraculi – del pareggio di bilancio in Costituzione, sarà centrato nel 2013, grazie alla tosatura drastica del solito gregge.
Si capisce così che al referenziato ragioniere frega assai poco da dove vengono i soldi per pareggiare i saldi.
Basta che il bilancio sia in pareggio.

Mi permetto di dire che così son buoni tutti. Non c’era bisogno di scomodare cotanta sapienza.
Infatti chiunque conservi un barlume di obiettivo discernimento, capisce che il rigore è applicato a senso unico: pensionati e pensionandi.

E da qui forse, immagino, le lacrime della Fornero che il premier  ha subito e poco elegantemente, riprovato con cinico sorriso di compatimento.

Si punisce gente che ha cominciato a lavorare prima di divenir maggiorenne, a volte molto prima.
In più, nonostante che da organi qualificati della stessa Europa si sia certificato che il bilancio Inps sta in equilibrio fino al 2060 si passa da un giorno all’altro al sistema contributivo minando così ,una volta per sempre, le basi di un qualsiasi patto sociale.
D’ora in poi ognun per sé e Dio per tutti.
Son cattolici, apostolici , romani, per lo più in questo governo dei migliori.
Non è vero?

Inutile contrattare e condividere una legge di riforma se poi uno dei contraenti , lo Stato, straccia la carta su cui è scritta ogni due per tre.

Dice ma la Germania…

Già, la Germania assicura a chi lavora a lungo condizioni sociali e retributive assolutamente non paragonabili a quelle vigenti in Italia.
Comunque adesso pagano i pensionati che, a partire dai 960 euro non potranno più godere dell’aumento automatico dovuto all’inflazione.
Vien da sorridere amaramente quando qualcuno auspica o fa finta di credere che si tratti di un provvedimento transitorio. Chi lo dice è in perfetta malafede.

La mia piccola verità ,che non pretendo sia tutta la verità, è che la filosofia alla base di questa macelleria sociale funzioni più o meno liberisticamente così: vivi di più, malnato pensionato ?
Bene, allora vivrai molto peggio di prima . Così impari a volere resistere tirando il fiato coi denti , lautamente mantenuto dalla pubblica sanità.
S’allunga l’aspettativa di vita?
Bene. Prima o poi, a queste condizioni vedrete che comincerà a diminuire con sommo gaudio dei mercati.

Contano i saldi, signori.

Questo è il rigore.

Sull’evasione fiscale , 120 miliardi ogni anno: niente.
Niente di niente.
I cervelloni tecnici non han trovato di meglio che restringere a 1000 euro i pagamenti in contanti.

Sull’equità invece vanno alla grande.
Prelevano ben l’1,5% in più sui capitali scudati. Non il 30% dei francesi, non il 40% dei tedeschi.
No. Noi che siam equi, di stretta osservanza europea, arriviamo – udite, udite- fino al 6,5%.

Non male , vero?

Franceschini , capogruppo del PD alla camera si è però spinto fino a chiedere un ulteriore 0,5%. Secondo me, faceva miglior figura a star zitto. Anche a fronte di un Fassina, responsabile economico del PD, che aveva chiesto d’arrivare almeno al 15%.

Patrimoniale, dite?
Macché. Solo IMU rincarata a partire dalla prima casa. Le case infatti stanno ferme, immobili, come i pensionati. Inutile cercare nella selva perigliosa e intricata dell’evasione.

Ma dove diavolo sta l’equità?
Non ci sta. Non c’è proprio.
E non cambierà praticamente nulla anche se il PD otterrà un misero 0,5%.
Zero equità.

Poi c’è la crescita.

Qui Passera, il super manager bancario, ieri sera – come Crozza quando interpreta Montezemolo- aveva perso il foglio del “come” ,in assenza della Marcegaglia.

C’era lo “spirito”. Mancava il come.
E per la verità anche il quando, il quanto e il dove ..
S’è slanciato infatti, il colto banchiere, in uno slalom di parole , d’oscuro gergo manageriale, per cercar di nascondere una totale, impressionante, assenza d’idee e proposte concrete. I comuni mortali, come me, non ne han tratto alcuna indicazione se non un’ulteriore liberalizzazione dei farmaci di fascia C.

Da ultimo , ma non ultimo nell’accorta demagogia del governo dei migliori, ci son anche i costi della politica.
Roba severa. Forte.
Il buon Giarda, deus ex machina del governo tecnico esperto di finanza locale e da sempre fiero avversario delle Province ,solo(non per altra convinzione) in quanto anello debole nel sistema dei poteri locali, ha ideato una roba che non sta né in cielo né in terra. Vedremo cosa dirà, se dirà , la Corte Costituzionale.
Ma certo si tratta di una proposta sgangherata all’eccesso.
Stracci che volano più che altro.
Ve lo vedete voi un presidente di provincia , eletto direttamente dai cittadini, lavorare senza poter disporre di un solo assessore? E come diavolo si potranno nominare dai consigli comunali i dieci membri del consiglio provinciale? E con quali criteri obiettivi 50 o 60 ,o più comuni si metteranno d’accordo per effettuare tali nomine?

Dettagli. Per la squadra dei migliori.

Intanto sparano la loro cazzata  per andar incontro all’opinione pubblica ,poi si vedrà.
Immagino che i furbi cervelloni tecnici pensino che creando l’ingovernabilità più assoluta il parlamento si deciderà a cambiare la Costituzione.

Un metodo da corsari , non da uomini di governo.

Non esito a dire che si tratta di un atteggiamento colpevolmente irresponsabile, demagogico oltre ogni misura, nonché del tutto fuorviante e per di più assolutamente inattuabile.

Concludo le miei prime impressioni con la ciliegina sulla torta montiana.
Super Mario annuncia che rinuncerà allo stipendio di Ministro e presidente del Consiglio.
Qual ardimento!
Che esempio viene offerto da uno che gode del trattamento di Senatore a vita. Dopo aver goduto di quello (lautissimo e se non sbaglio sganciato dalla fiscalità italiana) relativo alla carica di Commissario europeo, nominato prima da Berlusconi e poi da D’Alema, per ben un decennio. Uno già in pista per subentrare a Napolitano.

Ecco, signore e signori : rigore , equità e crescita.

Al PD non resta che andare nelle piazze a “spiegare”, come dice Franceschini all’Annunziata.

Ottimo e abbondante.
Si dovrà dire.
Il detto risale al tempo in cui, nell’esercito, un ufficiale veniva incaricato d’assaggiare il rancio prima che venisse distribuito alla truppa . Nelle immancabili ristrettezze, il poveretto era per forza di cose costretto a giudicare con eccessiva indulgenza l’opera dei cuochi.
Tutta la mia comprensione.

Annunci

13 Risposte to “ottimo e abbondante.”

  1. luis Says:

    Io lo feci il militare pará 12/96…
    Ricordo che fui protagonista di una scena uguale, quando un tenente mi chiese proprio come fosse il rancio, tutti e due sapevamo che faceva abbastanza schifo, però io risposi onestamente la verità e il tenente ammise in maniera scherzosa che non bisognava rispondere così, bisognava rispondere proprio: OTTIMO ED ABBONDANTE!!!!!

  2. gino Says:

    Alla metà dei ’70 in quel di Foggia il rancio non era poi così male. Per molti meridionali mangiare carne due volte al giorno, anche se tratta dalle scorte argentine congelate dai ’30, era un’esperienza extra-lusso. Alcuni mandavano perfino la decade a casa. In quell’epoca i grandi costituzionalisti discettavano sull’abolizione delle prefetture. A proposito di grandi progetti si potrebbe pensare a tenere in carica presidenti, giunte e consigli delle province, però mandando a casa i dipendenti. I privilegiati son solo poco più di 60.000, l’ideale per fare esperimenti. Fase due della manovra: dopo i tagli a pensioni, redditi e patrimoni [eccole servita la patrimoniale da lei tanto invocata signor Mauro, e non era difficile immaginare dove sarebbe andata a finire, non potendo battere, il popolo, bandiera panamense…], i tagli alla spesa corrente….

  3. maurozani Says:

    Caro signor Gino lei deve essere uno dei pochi che ha trovato il rancio ottimo e abbondante. Quello della caserma intendo. Io ho fatto il militare, nel 1970, prima a Salerno e poi a Sacile del Friuli. E il rancio, all’epoca non era poi così abbondante. Beh nel mio caso il detto si è confermato all’eccesso. In 40 giorni di CAR (centro addestramento reclute) son dimgratio (all’epoca ero ancor smilzo) di ben 10 dieci chili.Il tanfo che usciva dalle cucine ti faceva venire il voltastomaco. Lo stesso tanfo che vien fuori dall’equità del governo dei migliori. Capace che magari ci ripensano e ci danno anche la patrimoniale che lei descrive.

  4. Giovanni Says:

    Bersani ha una sola possibilità di salvare il culo::lasciare libertà di voto ai singoli parlamentari sulle misure del governo Monti,anche in caso di fiducia
    Monti ce la farà ugualmente ma con i voti di Letta ,Fioroni, Franceschini & C
    Il ricatto di Monti sul fallimento dell’italia potrebbe infatti costituire un opportunità unica per il fututo di un governo alternativo a quello dei “Tagliagola”Ma il coraggio se uno non ce l’ha non se lo può dare

  5. maurozani Says:

    Eh mi sa che il tempo è scaduto per Bersani.E’ rimasta aperta per vari mesi una finestra d’opportunità per mettere in piedi un’alternativa politica di governo a Berlusconi che avrebbe consentito di andare alle elezioni. Non ha voluto/potuto usarla. Adesso la finestra s’è chiusa assieme a quelle per i pensionandi.
    E la spinta verso il terzo polo nel PD è ormai irresistibile.C’è chi dice che Bersani non avrebbe rinunciato a cercare elezioni anticipate in primavera.ma mi sembra un’ipotesi destituita di fondamento. Non puoi provocare una crisi del governo dei migliori dopo che sei andato nelle piazze a spiegare che non c’era altro da fare.Pagheresti un prezzo troppo alto. Insomma quel residuo di reazione socialdemocratica al disegno veltroniano coltivato da Bersani vine spazzato via del tutto.

  6. Riccardo Paccosi Says:

    Se il disegno socialdemocratico di Bersani fosse davvero spacciato, sarebbe a rischio anche l’unità del PD. Ad ogni modo, secondo la ricostruzione de Il Giornale (non la più attendibile delle testate, mi rendo conto), Bersani sarebbe pronto a giocarsi tutto a gennaio. Perché se Monti non cade nel 2012, Bersani ha chiuso con carriera politica e progetto. Pertanto, io penso ci sia ancora un margine per sperare…

  7. maurozani Says:

    Riccardo, posso sbagliare ma non penso che anche dopo quest’esperienza di sospensione di ruolo, il PD rischi una vera e porpria rottura. Ho cambiato ,in effetti , idea su questo punto.Alla fine , pur con qualche defezione, le ragioni dello stare insieme prevaranno nel superamento del vecchio paradigma socialdemocratico. Ciò potrà avvenire in favore di un partito liberal democratico alla Veltroni , magari temperato dal neo-laburismo umanista perorato da Fassina che può porsi come salvagente per quanti ancora si attardino in idee socialiste.
    Quanto a Bersani , a mio avviso, non ha più grandi margini di manovra. Mi par difficile votare a Gennaio o in primavera a meno di un drastico cambio nell’opinione pubblica. Monti è il salvatore della patria e se la gioca abilmente: decreto salva Italia. Altrochè…..

  8. maurozani Says:

    Aggiungo che tra breve anche lo sconcerto e l’incazzatura dei pensionati che forniscono tutt’ora una robusta base militante al PD, non avrà più effetto. Lo Spi, come il corpo dei marines è semper fidelis.Anche perchè, onestamente, non ha mai avuto molte alternative. Questo per dire che se non ci saranno robuste cadute elettorali nei sondaggi (e non ci saranno) non c’è alcuna ragione per pensare ad una rottura nel PD e tantomeno in un suo ripensamento culturale e politico.

  9. agostino Says:

    La mia esperienza militare mi fa dire che il rancio era abbandonte ma non certo ottimo; un pò come la manovra del governo Monti.
    Abbondante? Direi la quantità necessaria.
    Ottimo? Non direi affatto.
    Va ricordato, tuttavia, che la truppa era stata allertata per partire per un lungo periodo di addestramento.
    Nei campi, come è noto, il rancio faceva ancora più schifo.

  10. maurozani Says:

    Solo che il campo aveva un termine stabilito. E le razioni K alleviavano la pena.

  11. agostino Says:

    Per la mia esperienza era da preferire il rancio della caserma che quello del campo.
    Segnalo, inoltre, una differenza non di poco conto. Durante la leva era nota la meta e la durata della esercitazione. Nel tempo presente alla truppa non era dato conoscere nè la meta nè tantomeno la durata. Ho l’impressione che le perdite sarebbero state numerose e senza medaglie alla memoria.

  12. mauro zani Says:

    La mia impressione è che le perdite saranno molte. E che la mèta è tutt’altro che dietro l’angolo. Gli attuali mercati non son mai sazi di sacrifici umani. Tuttavia verrà anche il tempo in cui gli umani si rimetteranno in politica. Solo allora sarà possibile imbrigliarne gli imbizzariti spiriti vitali in un luogo che si chiama società.
    “Domarli”.Come dice anche Monti. Per farlo penso che sarebbe utile tenerli un pochino a dieta di carne umana.

  13. Gianni Says:

    Beh caro Mauro, io sono responsabile ma non domo rispetto alle imposizioni della BCE!
    Penso che alla fine della fiera sia giusto stare a fianco del PD, ma incalzarlo dall’esterno, anche le truppe camellate a un certo punto capiranno………non accetto sol perché ha il corpaccione più cgrasso di “lottare dall’interno” si fà solo un favore ai “soliti noti”, a stì dirigenti del PD che ci hanno portato all’ennesimo “casini” …… Ma quante né hanno sbagliate in questi ultimi 20 anni???
    Il rancio fà schifo e non si vede la via d’uscita se vedi una luce è quella dell’entrata e non dell’uscita, altro che tunnel,….
    Ma chi si fida più del PD ???
    Ragazzi di un tempo ma perché non dare una mano alla CGIL e a SEL??? cosa avete da perdere???
    Lo stare nel corpaccione o comunque in area della ennesima corrente della sinistra DC denominata PD ormai cosa può portare se non a Monti??? Ho esagerato?
    Ci sarà pure qualche “riformista” nel PD ma sol che la definizione ormai ha perso senso…..
    Ciao e grazie del blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: