Arancione?

So che molti non son d’accordo, ma io non ho mai ben visto la superficialità con la quale a Napoli, come a Milano i vincitori delle elezioni comunali si son avvolti in sciarpe arancioni.
Anche Miccichè in Sicilia ha fatto la campagna elettorale esibendo una vistosa cravatta arancione.

Adesso sembra nascere un fronte arancione che va da De Magistris a Ingroia incorporando il movimento ALBA(Alleanza ,lavoro, beni comuni, ambiente).
Si dice che l’IDV ambirebbe costituire il perno di questo movimento in vista delle elezioni nazionali.

D’altro canto il fragile vascello “Italia dei Valori” , che già stava derivando senza timone, ha cessato del tutto la navigazione dopo che la veloce goletta della Gabanelli inalberando il Jolly Roger, gli ha inferto un colpo ben assestato sotto la linea di galleggiamento.

Di Pietro in balìa dei flutti ,aggrappato a ciò che resta del fasciame della tolda può restare a galla per poco.

“Capisci a me..”

Gli altri superstiti, ammutinati all’ultima ora, li ha già presi a bordo il veliero Di Capitan Bersani che incrociava nei pressi, non per caso.

Va compreso quindi il tentativo di trasbordo Di Pietro.

Si capirebbe meno l’ambizione dello sconfitto ad assumere il comando della flottiglia arancione già affollata da capitani di breve e lungo corso.

Ma, a parte le sorti personali di capitan Di Pietro, ciò che m’interessa rimarcare è la scelta simbolica dello schieramento in via di costruzione..

Se metti in mare una mare flotta da combattimento rivolta a cercar buoni approdi e porti sicuri da cui muovere guerra ad un regime politico degenerato, beh oltre ad imbarcare un Giona, non puoi anche issare una bandiera arancione.

Cosa davvero è stata in effetti la rivoluzione arancione?

Certo, inizialmente , una vasta ribellione popolare contro un regime corrotto asservito ai russi.

Subito però intercettata dagli stessi ex esponenti di quel regime come la Zarina del gas ,Tymoscenko passata dal Komsomol ad uno sfrenato capitalismo di rapina in tutto simile a quello entrato in vigore, spesso ad opera di dirigenti e funzionari di partito, nella Russia di Eltsin e di Putin.

Ancora oggi la rivoluzione arancione, nell’immaginario globale è assai più riferita alla figura della Tymoscenko – una signora che s’è arricchita a dismisura vendendo interi pezzi dello stato e del sistema pubblico all’incanto- che non al suo originario ispiratore, il presidente Yuschenko che ne adottò i colori nella sua prima campagna elettorale.

Ora se nuovi simboli vanno cercati e proposti , il color arancione reca con sé un equivoco di fondo. E alla lunga rischia anche di portar non troppa fortuna essendo, nella migliore delle versioni, il colore di una speranza tradita.

Poi fate voi.

Caso mai aderisse, in una forma o nell’altra, a questo movimento spero che la FIOM non dismetta il bel color rosso delle sue bandiere.

Ci conto Landini.

I simboli contano.

PS. So qual è l’obiezione politica , che ammetto può esser decisiva per alcuni: l’arancione s’è ormai disincarnato dalla storia pur recente ed è assurto a simbolo di battaglie di libertà e diritti specie nell’italiano provincialismo.
Vero.
Ma m’è lo stesso antipatico. Specie ricordando De Magistris con la bandana.

Annunci

29 Risposte to “Arancione?”

  1. Adriano Turrini Says:

    Condivido, sono alla ricerca di un qualcosa ma sta roba non mi piace. Ovviamente non solo per il colore.

  2. mauro zani Says:

    Già, “alla ricerca di un qualcosa”…..

  3. Remo Tedeschi Says:

    altrochè “nostalgie” quì si parla di “cromoterapy” complimenti, difatti l’arancio libera l’organismo e altro,il rosso è il padre della vitalità !

  4. mauro zani Says:

    New age e altre consimili stronzate qui non rilevano troppo.

  5. Giovanni Says:

    De Magistris+Ingroia+Di Pietro ,hanno una radice comune.Ma Landini che c’ha azzecca?
    Landini,che ha tutta la nostra stima,e’in forte ritardo . Ha tentennato.E’rimasto vittima del dogma, sorto negli anni settanta ,secondo cui la politica attiva sia cosa diversa dalla difesa sindacale attiva dei diritti dei lavoratori
    Se perdi il potere contrattuale e perché hai perso anche la rappresentanza politica.Ho mi sbaglio ?
    E allora che fai?Porti i diritti dei lavoratori in parlamento.Poi ci porti pure una diversa idea di sviluppo.Se continui a gridare al tradimento tutti ci fanno l’abitudine e quelli continuano a fotterti alla luce del sole
    Landini,Landini,tu ne hai di mezzi.Ti serve soltanto un po più di pacatezza.Ti basterebbe ragionare sui fatti senza irruenza e senza sgolarti
    Nessuno ti negherebbe il 15%.
    E certamente non ti faresti prender per il culo come i rifondazioni nel primo e nel secondo governo
    Caro Landini se non oggi quando.?
    Libertà,Lavoro e Democrazia per tutti

  6. Giovanni Says:

    Volevo dire:rifondaioli ,

  7. claudiopagani Says:

    Appena sentito ministro Riccardi dall’Annunziata su Rai3.
    Ormai certa candidatura Monti ; cosi quasi certamente il Centro -Sinistra non prende maggioranza al Senato ( a mio avviso la vittoria alla camera è scontata mentre Monti non prendera tanti voti ma circa il 50% dal PD come dice Mannheimer oggi sul Corriere e cosi senato sfuma); cosi Bersani lanciatissimo sulla strada di Occhetto e della sua (non ) gioiosa macchina da guerra ; parlamento prossimo ingovernabile PD salta per aria e con lui Bersani e i suoi incompetenti/ arroganti emiliani ( in primis l’eminenza non grigia ma nera Vasco Errani) e dopo nella Sinistra chi avrà più filo tesserà più tela…..

  8. Giovanni Says:

    E chi sarebbero sti tessitori di sinistra?

  9. marco capponi Says:

    Colori parte, non riesco ad immaginare Di Pietro alla testa della classe operaia (con Bonelli) e Ingroia Premier

  10. roberto Says:

    I tessitori sono i soliti, guarda come Dalema continua a sputar sentenze.

    E’ necessario che il PD dedichi molta cura alla scelta dei candidati, diversamente assisteremo ad un’altra disfatta.
    Adesso pare che ci mettano anche De Maria, che ha dato splendida prova di sè ai tempi di Cofferati.

    Ci sarà ancora la Finocchiaro, salvata già una volta dal paracadute bolognese? e ci sarà ancora la Madìa? e Recchia, e Lorenzo Ria, e Zaccaria? e perchè no, D’Antoni e Fioroni? e Mario Barbi?

  11. mauro zani Says:

    A parte tutto, insisto. Se Monti si candida a guidare una qualsiasi lista dimostra di non esser poi così intelligente. Oppure la situazione italiana è assai peggiore di come l’ho dipinta fino ad ora.

  12. mauro zani Says:

    Roberto. Verificato , non mi pare che Riccardi dia per scontata una candidatura Monti. Mi pare il contrario.Mi pareva bene….
    Un conto è “il riferimento morale” altro è guidare una lista.

  13. claudiopagani Says:

    Insisto ,insisto , anche se solo Monti facesse un endorsment indiretto ad una lista comunque si metterebbe in rotta di collisione con Bersani/Errani e renderebbe inpossibile una maggioranza di C.S. al senato : magari alla fine PD e Monti si metteranno d’accordo ma su basi fragilissime e instabili e quindi il PD al suo congresso spazzerebbe via Bersani /Errani ( e indirettamente) Prodi che da luglio in poi hanno pensato di sostituire la politica con un combinato disposto di primarie/ rottamazioni ( richieste dal povero untorello Renzi ma caldeggiate dal gran Parroco emiliano che è il + ambizioso di tutti i poveri dirigenti ex-comunisti che un pò si sentono ancora in colpa per essere stati del PCI:
    Aggiungo che è troppo facile rottamare il solo D’Alema ( il quale ha commesso molti errori tra cui quello imperdonabile di ritenersi + furbo di Prodi che gronda bontà da tutti gli artigli) ma bisogna mettere in lista anche Romano Prodi lo scaltro e opportunista Vasco Errani e tutto il gruppo dirigente emiliano il cui unico obiettivo è perpetuarsi per altri 60 anni ( in condominio con Romano e i suoi assetati di poltrone nei CDA delle Utilities emiliane.naturalmente) , solo questa e l’unica vera e completa rottamazione che va fatta inseme con la rottamazione della stupida politica neo- ulivista oggi guidata da Bersani ( o yes!!!) e che sconta la fine di ogni prospettiva di una vera sinistra ; solo dopo si potrà ripartire per la costruzione di un vero PARTITO di Sinistra del xxi secolo.
    Francamente su questo vi sento un pò timidi amici e compagni mentre continuate a prendervela con D’Alema il quale davvero oggi non conta + nulla ed esprime solo rabbia impotente ( e forse comincia a capire che errore sia stato far partire il neo- ulivista PD dopo avere capito subito , nel 1996, quale grande ambizione si nascondesse dietro Prodi/Ulivo e vi replicò malamente andando a palazzo Chigi spintovi per altro dagli scaltri e cinici Veltroni/Mussi/Prodi che lo indicarono unanimente a Scalfaro rifilandogli una terrificante “sola” di cui si accorse pochi giorni dopo….)

  14. Giovanni Says:

    D’accordissimo sulla tua rappresentazione del Parroco e dell’Esarca,ma sono d’accordo con Mauro,
    Il Monti non dovrebbe essere così poco intelligente da ridursi a scendere in lizza direttamente.Non dimenticarlo,questo,e’il governo più odiato .E non solo dagli operai ,pensionati e disoccupati,ma anche dai piccoli e medi imprenditori e dai professionisti
    Anche se Monti guidasse una coalizione di tutti i partiti perderebbe le elezioni
    Sta evidentemente cercando di “legare con le funi”il Bersani e di contrattare il suo futuro,anche con indagini demoscopiche taroccate
    Ma il Monti ,non conosce il sistema Italia.L’unico che e’in grado di garantire al paese una qualche forma di sopravvivenza e’ Amato.
    Soltanto lui conosce tutti gli interstizi.L’uomo del Colle conosce bene Amato,il quale,detto per inciso,non avrebbe mai telefonato a Mancino
    Il prossimo presidente del consiglio da chi sara’ nominato?Da chi sarebbe stato nominato in caso di scadenza naturale?

  15. roberto Says:

    Vecchi ricordi.
    Un’azienda si trova con problemi di liquidità e un menager membro del consiglio d’amministrazione, espressione dell’azionista di maggioranza vota contro il suo presidente che si opponeva ad una ricapitalizzazione.
    Non c’erano soldi a disposizione, e la ricapitalizzazione avrebbe fatto bene all’azienda, ma avrebbe determinato la perdita del controllo.
    Il nuovo CdA nomina Presidente il manager, che organizza con successo la vendita dell’azienda ad un grande gruppo multinazionale (Mobil), anche con una certa plusvalenza per i soci.
    Si trattava di persona capace e tecnicamente preparata, si propone quindi al nuovo azionista quale responsabile in Italia e, perchè no, in Europa dove la presenza di Mobil era chiaramente da sviluppare.
    La proprietà americana aveva certamente tratto beneficio dai comportamenti del manager ma lo gelò facedogli come unica proposta un impiego nel loro centro di ricerca negli US.
    Là l’ingegnere durò un anno, poi convinse un’azienda italiana di verticalizzarsi entrando nel settore facendo una nuova fabbrica al sud (come quella venduta), sopravvalutandone le “spalle larghe” (o la propensione al rischio) e fu presto messo da parte.

    Questa lezione americana, applicata alla nostra politica, darebbe certamente frutti e non ci farebbe rimpiangere di non essere francesi (Jospin) e spagnoli (Zapatero).
    Nessuna rottamazione, ma diamo ai nostri Dalema, che hanno dato (ma anche avuto) conseguendo modestissimi risultati la possibilità di passare 10 anni fuori dalle istituzioni come Jospin, intervenendo con discorsi, articoli e libri che saranno seguiti con grande attenzione.

    Caro Claudio, ci andrei coi piedi di piombo a dire che Dalema non conta più nulla, solo rabbia impotente…
    Vedrai i voti al congresso PD, anche se è storia rimasticata

  16. Remo Tedeschi Says:

    Quella proposta, di Marco Cappato radicale, di rendere pubblico il capitale esistente all’inizio di incarichi politici e poi la verifica periodica non è peregrina.
    Avremmo visto L’accumulo di 11 immobili della Marrone ,(signora Bossi) 9 di Dipietro ,e tutto il resto . con maggiore tempismo, certo è possibile l’aggiramento però…. mi auguro che il pd la sostenga .
    Questione di privacy?
    Chissà se Grillo è intereressato ,sembra che qualche condono ………

  17. Giovanni Says:

    Remo,Remo,prenditi una buona vacanza.Qui nessuno compra paccottiglia

  18. Giovanni Says:

    Mauro,sulla base degli accadimenti odierni,puoi predire la prossima mossa di Monti?
    Tieni conto che Napolitano ha detto che conferirà l’incarico sulla base de risultato.Vale a dire prima a Bersani e ,in caso di fallimento, a Monti

  19. claudiopagani Says:

    Ammesso ( e non concesso) che Monti guidi il 2 partito e non il 3° dopo quello del Berlusca ( o Yes!!). Certo mi pare che il rapporto Napolitano(il cui principale consigliere mi dicono sia D’Alema)-Monti ormai sia in frantumi…é perfino possibile che Napisan ( Litizzetto docet) si ricordi ,in odio a Monti, di essere stato molto tempo fa vagamente di sinistra….

  20. Giovanni Says:

    Napolitano in odio a Monti?Oh,ragazzi questo e’il blog di Mauro Zani

  21. Remo Tedeschi Says:

    Giovanni, le proposte sensate sono solo,le tue ,vedi Amato presidente della repubblica ,una settimanina bianca anche per te

  22. Remo Tedeschi Says:

    giovanni,proporre Amato presidente della repubblica non è paccottiglia?

  23. Remo Tedeschi Says:

    scusate il doppio invio

  24. claudiopagani Says:

    Attenzione attenzione ! i presidenti della Repubblica negli ultimi tempi del loro mandato ( soprattutto se inc..ati neri perchè le cose non vanno come da loro “saggiamente” indicato) possono essere delle vere mine vaganti; vedasi ,ad esempio , gli 2 anni del prima silenziossimo e tranquillissimo Cossiga….

  25. Giovanni Says:

    Remo,non approfittare della mia proverbiale bontà.Ho spesso criticato Andrea perché usa il fioretto con Pulcinella anziché il tradizionale e robusto bastone

  26. Andrea Says:

  27. Andrea Says:

  28. mauro zani Says:

    Non c’è alcun bisogno che Monti faccia alcuna particolare mossa. La mossa fondamentale l’ha già fatta con la sua piena adesione e partecipazione al PPE. E’ un riferimento importante se non il più importante del PPE. Dunque, a rigore, in Italia , è l’avversario politico di Bersani.Da qui l’irritazione di Napolitano.Che poi Bersani ne prenda atto è tutt’altra cosa.
    Se poi mosse ne farà saranno solo di “contorno”.

  29. Andrea Says:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: