Trafficanti di politica…3

Prosegue la campagna elettorale sulla migrante pelle nera.

Di Maio dice che con loro al governo si realizzerà l’obiettivo di : “sbarchi zero”.

Ottimo ed abbondante diranno (forse) gli elettori.
A partire da quelli siciliani.

Brutta gente i grillini.

C’è un cuore di tenebra , reazionario, ultraliberista e neocoloniale, nel corpaccione popolare dei seguaci di Grillo.

Mica facile contrastare le pulsioni (comprensibili) xenofobe e razziste.

Il lavoro e il reddito mancano.
Il futuro non esiste.

Facile cavalcare il riflesso condizionato di tante , troppe persone, alla canna del gas.

E allora son arrivate, a seguire, le contromisure del PD.

Protagonista assoluto: Minniti.

Sponsorizzato dal Quirinale.

Del Rio è già stato archiviato dalla CEI e da papa Francesco che resta pur sempre un gesuita.

Dunque realista.

Qualche cartuccella dev’essere comunque arrivata in Vaticano al seguito della visita del gran capo del Viminale.

Non esistono coincidenze in politica.

A mia memoria mai i pretoni assisi sul trono di Pietro avevano sconfessato così platealmente le ONG, in blocco.

Non so se a Renzi fischiano le orecchie o se ad ognuno sia assegnata la sua parte in questa cinica commedia che prevede di dare ai libici il ruolo di carnefici.

I quali peraltro lo assolvono ben volentieri, quando ben pagati dal governo italiano.
Com’è appunto il caso in ispecie.

Berlusconi docet ed applaude.

Non scorgo , ad occhio , differenze etiche (e non solo) tra scafisti e guardia costiera libica che non sarebbe esistita senza le nostre quattro motovedette.

Tralascio il retroterra d’analisi che fa dire all’inviato dell’ONU che bisogna fare i conti anche con la Cirenaica e il generale di Tobruch.

Tobruch dovrebbe ricordare qualcosa agli italiani.

Vabbè, lasciamo perdere.

L’offensiva del Viminale ben supportata e preparata nei dettagli dai servizi italiani (che son bravi a differenza di ciò che si pensava un tempo) sta conseguendo un primo importante successo grazie anche all’aiuto dell’ONG, prima firmataria del Codice di condotta, che ha a lungo ospitato i collaboratori dell’AISE.

Adesso la pressione sembra spostarsi sulla Spagna.

E c’è gente che , stando alle cronache, cerca addirittura di lasciare lo Yemen per andare in Somalia.

Buttati ai pesci nel golfo di Aden.

Bisogna essere proprio disperati per passare dallo Yemen alla Somalia.

A parte ciò la battaglia in corso è di quelle che possono fare la fortuna di un “politico puro”.

Stante l’attuale legge elettorale mi sembra ovvio che puntare sul consenso della destra , più o meno moderata , può fare la differenza.

Si può anche diventare Presidente del Consiglio.
In un governo di larga intesa.

Che non si potrebbe fare con Renzi.
Il quale mi par già cotto e mangiato.

Chissà se nel cosiddetto Mpd, (i masochisti che si mettono sotto l’ala di Macario la qual cosa di per sé fa morir dal ridere), si riesce a capire che con un’eventuale successo di quest’operazione si rappattumerebbe anche ciò che resta del PD.

I militonti residui sarebbero più a loro agio, con un Capo che viene dal PCI.

D’altra parte il lavoro sporco è sempre stato affidato alla “sinistra”.

Dal Kosovo in poi.

In quest’ambito la destra grillesca anche se vince in Sicilia (probabile) a maggior ragione malleverà, inevitabilmente, la grande coalizione dopo le politiche.

Col nemico alle porte ci vuol un uomo forte.

PS. Sull’uomo forte , per ragioni anche autobiografiche, non intendo discettare.
Ci sarà tempo.
Nel caso.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: